Nobili Calabresi


ULTIMI FEUDATARI


REGISTRO DEGLI ULTIMI FEUDATARI CALABRESI


(1806-1812)


IN ORDINE DI TITOLATURA NOBILIARE DECRESCENTE






PRINCIPI


1-d'Aquino Pico Vicenza

Principessa di Castiglione, Feroleto ecc.

2-Borghese Marcantonio

Principe Rossano, Barone di Cropalari

3-Carafa Francesco M

Principe di Belvedere, Barone Di Bonifati

4-Carafa Vincenzo

Principe di Roccella, Duca di Bruzzano

5-Cicala Luigi M

Principe di Tiriolo Duca di Gimigliano

6-Firrao Tommaso

Principe di Luzzi e Sant'Angelo

7-Giannuzzi Savelli Tommaso

Principe di Cerenzia, Barone di Belvedere

8-Grimaldi M. Antonia

Principessa di Gerace, Duca di Terranova

9-Milano Franco Giovanni

Principe di Ardore, Marchese di S. Giorgio

10-Paravagna Giovanni

Principe di Maropati, Marchese di Anoia

11-Pignatelli Antonio

Principe di Belmonte, Barone di Badolato

12-Pignatelli Salvatore

Principe di Stongoli, Conte di Melissa

13-Pignone del Carretto Alessandro

Principe di Alessandria, Marchese di Oriolo

14-Ravaschieri Filippo

Principe di Satriano, Duca di Cardinale

15-Rovegno Giuseppe Francesco

Principe di Palagorio, Marchese di Umbriatico

16-Ruffo Fulco francesco

Principe di Scilla, Conte di Sinopli

17-Ruffo Nicola

Principe di Motta, San Giovanni ecc.

18-Sambiase Giuseppe

Principe di Campana, Duca di Crosia

19-Sanseverino Tommaso

Principe di Bisignano, Conte di Altomonte

20-Sersale Girolamo M

Principe di Castelfranco, Duca di Cerisano

21-Spinelli Giovan Battista

Principe di Cariati, Duca di Seminara

22-Spinelli M. Antonia

Principessa di Tarsia, M. di Cirò

23-Spinelli Vincenzo

Principe di Scale ecc.

24-de Sylvia y Mendoza Pietro

Principe di Mileto, Duca di Francavilla

25-Tranfo Gaetano

Principe di Cosole







DUCHI


1-Alvarez de Toledo Francesco

Duca di Montalto

2-Caputo Vincenzo

Duca di Torano

3-Caracciolo Margherita

Duchessa di Girifalco, Marchese di Gioiosa

4-Cavalcanti Lucio Vincenzo

Duca di Bonvicino

5-Cavalcanti Marianna

Duchessa di Caccuri

6-d'Este Cybo Beatrice

Duca di Aiello

7-Greuther Antonio

Duca di Santa Severina

8-Marincola Diego

Duca di Petrizzi, Barone di Soverato

9-Pescara Diano Giuseppe

Duca di Bovalino,Barone di Cinquefrondi

10-Pignatelli Ettore

Duca di Monteleone, Marchese di Cerchiara

11-Saluzzo Giacomo

Duca di Corigliano

12-Sambiase Francesco Valerio

Duca di Malvito

13-Serra Luigi

Duca di Cassano

14-Vitale Francesco Nicola

Duca di Tortora





MARCHESI


1-d'Alarcon Mendoza Em.

Marchesa di Rende

2-Alimena Giacinto

Marchese di San Martino

3-Amalfitani Nicole

Marchese di Crucoli

4-Berlingeri Cesare

Marchese di Valleperotta

5-Capacelatro Scipione

Marchese di Casabona

6-Caracciolo Tristano

Marchese di Arena

7-de Cardenas M. Giuseppa

Marchesa di Laino

8-Castiglione Morelli Lelio

Marchese di Vallelonga

9-Clemente Alessandro

Marchese di San Luca, Barone di Placanica

10-de Gregorio Leopoldo

Marchese di Squillace, Barone di Mammola

11-Lucifero Giuseppe

Marchese di Aprigliano

12-Malena Francesco

Marchese di Scarfizzi

13-Mottola Francescantonio

Marchese di Amato

14-Piccolomini Anna

Marchesa di Montesoro

15-de Riso Vitaliano

Marchese di Botricello

16-Spinelli Giuseppe

Marchese di Fuscaldo

17-Stagno Carlo

Marchese di Soreto

18-Taccone Nicola

Marchese di Sitizzano




CONTI


1-Arcivescovo di Reggio

Conte di Bova, Barone di Castellace

2-Filomarino G. Battista

Conte di Castella, ecc.






BARONI DI FEUDI E RETROFEUDI NOBILI


1-Abbenante Barnaba

Barone di Monasterace

2-Altemps Marco Sittico

Barone di Mesoraca

3-Barberio Toscano N.

Barone di Zinga

4-del Bianco Marcantonio

Barone di Policastrello

5-de Blasio Tiberio

Barone di Palizzi

6-Brancati Cassandra

Baronessa di Abatemarco e Orsomarso

7-Calà y Ulloa Adriano

Barone di Roseto

8-Campagna Gaetano

Barone di S.D.Trio, S. Cosma e Mac.

9-Capolongo Francesco

Barone di San Donato

10-Caracciolo Francesco

Barone di San Giovanni in Fiore

11-Catalano Gonzaga Pasquale

Barone di Grisolia Majerà e Cirella

12-Cavalcanti Filippo

Barone di Rota, Mangalavita

13-Cavalcanti Michelangelo

Barone di Verbicaro

14-Crivelli Alfonso

Barone di Bollita

15-de Dominicis Lelio

Barone di Zagarise

16-de Fiore Pietro

Barone di Cropani

17-di Francia Diego

Barone di Santa Caterina

18-de Franco Enrico

Barone di Precaore e Paterna

19-Friozzi Ignazio

Barone di Torrisola

20- Giannuzzi Savelli D.

Barone di Pietramala

21-Gallelli Antonio

Barone di Badolato

22-Marchitelli Filippo

Barone di Argusto

23-Marsico Francesco

Barone di Lattarico e Regina

24-Melecrinis G. Battista

Barone di Joppolo

25-Mormile Nicola

Barone di Albidomda

26-de Nobili Emanuele

Barone di Albidonda

27-Parisani B. Nicola

Barone di Scala

28-Passalacqua Francesco

Barone di Pittarella

29-Perrone Gregorio

Barone di Sellia

30-le Piane Pietrantonio

Barone di Savuto

31-Piromallo Giovanni

Barone di Montebello

32-Poerio Alfonso

Barone di Belcastro

33-Pucci Giuseppe

Barone di Trebisacce

34-Riciulli del Fosso G.

Barone di Parenti

35-Romano Antonia

Baronessa Maida e Lacconia

36-Ruffo Vincenzo

Barone di San Lucido

37-Sabatini Giuseppe Alf

Barone di Belforte

38-Sanseverino F. Vinc.

Barone di Roggiano

39-Sanseverino Luigi

Barone di Marcellinara

40-Toraldo Bernardo

Barone di Calimera e Puglisa

41-Tufarelli Gennaro

Barone di Mormanno

42-Ubaldini Ignazio

Barone di Torre Spatola

43-Vercillo Matteo

Barone di San Vincenzo


































BARONI ECCLESIASTICI


1-Vescovo di Bisigno

Barone di Santa Sofia

2-Vescovo di Cassano

Barone Mormanno e Trebisacce

3-Ordine G. di Malta

Barone di Nocera

4-Vescovo di Mileto

Barone di Galatro

5-Abate di Montecassino

Barone di Cetraro

6-Abate di Sant'Antonio

Barone di S. Demetrio, S. Cosmo e M.

7- Abate di S. Stef. Del B.

Barone di Roccadineto


































BARONI DI TERRE FEUDI RISTICI ABITATI E DISABITATI


1-d'Alessandro Fr. Antonio

Barone di Figurella

2- d'Alessandro Fil. V.za

Baronessa di Moncoturni o Sidero

3-Anania Vincenzo

Barone di Ceppo o Mula

4-d'Aquino Francescoantonio

Barone di Plutino (parte)

5-Arcano Michele

Barone di Attasi

6-Arcieri Antonio

Barone di S. Attanasia e Bandino

7-Barba Domenico

Barone di Franchino e Messer G.nni

8-Bellucci Michele

Barone di Ciolla

9-Brunetti Vittoria

Baronessa di Brunetto

10-Campitelli Giuseppe M.

Barone di Errici

11-Caracciolo Francesco

Barone di Montalto

12-Catizzone Filippo Antonio

Barone di Maldotto-Quartieri (¼)

13-de Cicco Antonia

Baronessa di Marescoti

14-Coscia Saverio

Barone di Messer Ruggero

15-Cosco Vincenzo

Barone di Staglio Grande a Cardito

16-Cosentino Geronimo

Barone di Capalbo

17-Dattilo Cleria

Baronessa di Gazzella

18-Docimo Pietro

Barone di Sacco

19-Doria Marcantonio

Barone di Tacina e Massanuova

20-Fava Daniele Antonio

Barone di Giardino e Mulino in Amantea

21-Fazzari Ferdinando

Barone di Jacolino

23-Ferrari G. Battista

Barone di Staglio Grande a Cardito

24-Ferrari Giuseppe

Barone di Clima e Tornafranza

25-de Fiore Raffaele

Barone di Foto o Tota

26-Gallucci Francesco

Barone di Carbonara o Sacchetta

27-Giglio Antonio

Barone di Montibus

28-de Grazia Marco

Barone di Fangella e Cugno del Colle

39-Grimaldi Gregorio

Barone di Ipato o Spato o S. Pietro

30-Interzati Francesco Saverio

Barone di Pipino

31-Lucà Francesco Saverio

Barone di Poerio o Baldella

32-Lucifero Meligrana

Baronessa di Gangemi

33-Lupinacci Stanislao

Barone di Scalzati o Ponticelli

34-Malerba Giuseppe

Barone di Strofolia o S. Cecilia

35-Mamone Antonio

Barone di Plutino 1/3

36-Marzano Antonio

Barone di Scuderi 1/3

37-Mascaro Geronimo M.

Barone di Petritiis o Rob.to de acris1/2

38-de Mayda G. Gregorio

Barone di Croniti o Sala

49-Medici Gatti Laopoldo

Barone di Capitelli o Campitelli

40-Mezzatesta Agazio

Barone di Cannava

41-Monaco Giuseppe Antonio

Barone di Scucchi e Stefanizzi

42-Musco Nicola

Barone Ambatoe Anto

43-Nicotera Pasquale

Barone di Martà

44-de Nobili Felice

Barone di Magliacane

45-de Nobili Raffaele

Barone di Medina e Bagliva di Catanzaro

46-Oliva Giuseppe

Barone di Ragusa Tomacelli

47-Oliviero Cesare

Barone di Crepacore e Rivioti

48-Orsini Raimondo

Barone di Longano o Perrotta

49-Ottone Anna

Barone di Baronessa Altavilla

50-Paparatti M. Orsola

Barone di Mannarino o Buffetta

51-Paparo Antonio

Barone di S. Attanasio

52-Parisio Giovanni

Barone di San Cono (3/4)

53-Poerio Carlo

Barone di Cucinà, Spinalba ecc.

54-Poerio Piterà Saverio

Barone di Rocco (1/3)

55-Procida Antonino

Barone di Petritiis o Rob.to de Acris

56-Rodinò Luigi

Barone di Miglioni

57-de Rosis Claudio

Barone di San Giovanni in Foresta

58-Sacco Giovanni

Barone di Annomeri o Arrido

59-Salzano Giuseppe

Barone di Giuda

60-Sanchez Mercurio

Barone di Salica e Prato

61-Sanseverino Vincenzo

Barone di Maldotto-Quartieri (parte)

62-Santacroce di Barl. G

Barone di Ammirato

63-de Santis Bardari N.

Barone di Vazzano o Cubello

64-Santolo Paolo

Barone di Cuntera e Sant'Opoli

65-Scalzo Giuseppe

Barone di Albona o Alvona e Ramaci

66-Schipani Tommaso

Barone di San Nicola, Leporina, Galterio

67-de Siena Francesco

Barone di Poerio-Garregtis

68-Solaro Ippolita

Baronessa di Altavilla (2/3)

69-Spiriti Salvatore

Barone di Schitp o Ischito

70-Stocco Filippo

Barone di 2/3 del feudo di Riccio, denominato Cutura, poichè il restante terzo denominato Pantane, venne invece intestato ad Alessandro Ferrari, Barone di Pantane.


71-Suriano Fabrizio

Barone di Garrubba

72-Tizzano Saverio

Barone di Cola Calì

73-Tranquillo Francesco Antonio

Barone di Scuderi (1/3)

74-Veraldi Rinaldo

Barone di Donna Cubitosa

75-Veraldi Galzerano T.

Barone di Seralta o Panjno







































BARONI DI GIURISDIZIONI E VARI FISCALI



1-de Blasio Giuseppe


Barone della Bagliva di Sant' Angela

2-Lucifero Francesco Antonio

Barone della Bagliva e Scann. Di Crotone

3-de Matera Domenico


Barone della Bagliva di Cosenza

4-Mollo Emanuele

Barone di Barone di Metà Scannaggio di Cosenza

5-Primentel Giuseppa

Baronessa di Ducati 500 sui Fiscali di Cosenza

6-Pizzarro Piccolomini Fl.

Barone di Ducati 200 sui Fiscali di Cosenza

7-Sambiase Giuseppe

Barone della Bagliva dei Casali di Cosenza

8-Sanseverino Maria Maddalena

Baronessa di Metà Scannaggio di Cosenza

9-Tufarelli Filippo


Barone di Ducati 20 su Mormanno

10-del Tufo Nicola

Barone di Ducati 321 su Lappano, Corno e Trebisacce















REGISTRO DELLE ULTIME CASATE FEUDALI CALABRESI

ILLUSTRI


IN ORDINE ALFABETICO


LEGENDA


In questa lista sono state censite tutte le ultime famiglie di feudi nobili rilevanti, e cioè quelle che per censo ed estensione del latifondo, influenzarono l'economia della società locale dell'epoca.


---


1) ABENANTE Barnaba B. di Monasterace

2) d'ALAR Con y MENDOZA Man. M. di Rende

5) ALIMENA Giacinto M. di San Martino

6) ALTEMPS Marco Ittico B. di Mesotorace

7) ALVAREZ de TOLEDO Frac. D. di Montato

8) d'AQUINO Francescanesimo B. di Glutino

9) d’AQUIN0 PIC0 Vincenza P. di Castiglione ecc.

10) ARCAN0 Michele B. di Astati

11) BERLINGIERI Cesare M. di Vallepietra

12) de BLASI0 Tiberio B. di Palizzi

13) de BLASI0 Giuseppe B. della Bagli va di S. Agata

14) BORGHESE Marcantonio P. di Rossano

15) CAMPAGNA Gaetano B. di S. Demetrio ecc.

16) CAPUT0 Vincenzo D. di Torano

17) CARACCIOLO Margherita D. di Girifalco, M. di Gioiosa ecc.

18) CARACCIOLO Tristano M. di Arena

19) CARACCIOLO Francesco B. di S. Giovanni in Fiore

20) CARACCIOLO Francesco B. di Montalto

21) CARAFA Francesco M. P. di Belvedere

22) CARAFA Vincenzo P. di Roccella

23) de CARDENAS M. Giuseppa M. di Laino

24) CASTIGLIONE MORELLI Lelio M. di Vallelonga

25)CATALANO GONZAGA Pasquale B. di Grisolia e Majera ecc.

26) CICALA Luigi M. P. di Tiriolo

27) CRIVELLI Alfonso B. di Bo11ita

28) de DOMINICIS Lelio B. di Zagarise

29) DORIA Marcantonio B. di Tacina e Massanova

30) d’ESTE CYB0 S.A.R. Beatrice D. diAje11o Cardito

31) di FRANCIA Diego B. di Santa Caterina

32) FRIOZZI Ignazio B. di Torrisola

33) GALLELLI Antonio B. di Badolato

34) GIANNUZZI SAVELLI Tommaso P. di Cerenzia 3

35) GIANNUZZI SAVELLI Domenico B. di Pietramala

36) de GRAZIA Marco B. di Fangella

37) de GREGORIO Leopoldo M. di Squillace ecc.

38) GRIMALDI M. Antonia P. di Gerace ecc.

39) GRIMALDI Gregorio B. di Ipato

40) LUCA’ Franc. Saverio B. di Poerio

41) LUCIFERO Giuseppe M. di Aprigliano

42) LUCIFERO Franc. Antonio B. della Bagliva di Cotrone

43) LUCIFERO Meligrana B. di Gangemi

44) LUPINACCI Stanislao B. di Scalzati o Ponticelli

45) MARINCOLA Diego D. di Petrizzi

46) MEDICI Gatti Leopoldo B. di Campitelli

47) MILANO FRANCO Giovanni P. di Ardore

48) MOLLO Emanuele B. di Meta Scannaggio di Cosenza

49) MONACO Giuseppe Antonio B. di Scucchi e Stafanizzi

50) MOTTOLA Francescantonio M. di Amato

51) MOTTOLA NOMICISI0 Giacomo B. di San Calogero

52) MUSC0 Nicola B. di Ambato e Anto

53) NICOTERA Pasquale B. di Marta

54) de NOBILI Emanuele B. di Simeri

55) de NOBILI Felice B. di Magliacane

56) de NOBILI Raffaele B. della Bagliva di Catanzaro

57) OLIVA Giuseppe B. di Ragusa o Tomacelli

58) ORSINI Raimondo B. di Longano e Perrotta

59) OTTONE Anna B. di Altavilla (1/3)

60) PARAVAGNA Giovanni P. di Maropati, M. di Anoia

61) PASSALACQUA Francesco B. di Pittarella

62) PERRONE Gregorio B. di Sellia

63) LE PIANE Pietrantonio B. di Savuto

64) PIGNATELLI Antonio P. di Belmonte

65) PIGNATELLI Salvatore P. di Strongoli

66) PIGNATELLI Ettore D. di Monteleone

67) PIGNONE DEL CARRETT0 Al. P. di Alessandria, M. di Oriolo

68) PIMENTEL Giuseppa B. di duc. 500 sui Fiscali di Cosenza

69) PIROMALLO Giovanni B. di Montebello

70) PUCCI Giuseppe B. di Trebisacce

71) RAVASCHIERI Filippo P. di Satriano

72) RICCIULLI DEL FOSSO Gaetano B. di Parenti

73) de RISO Vitaliano M. di Botricello

74) RODINO’ Luigi B. di Miglioni

75) de ROSIS Claudio B. di San Giovanni in Foresta

76) RUFFO Fulco Francesco P. di Scilla ecc.

78) RUFFO Nicola P. di Motta S. Giovanni, D. di Banara

79) RUFFO Vincenzo B. di San Lucido

80) SABATINI Giuseppe Alfonso B. di Belforte ecc.

81) SALUZZ0 Giacomo D. di Corigliano

82) SAMBIASE Giuseppe Maria P. di Campana ecc.

83) SAMBIASE Franc. Saverio D. di Malvito

84) SAMBIASE Giuseppe B. della Bagliva dei Casali di Cosenza

85) SANSEVERINO Tommaso P. di Bisignano ecc.

86) SANSEVERINO Franc. Vincenzo B. di Roggiano e S. Caterina

87) SANSEVERINO Luigi B. di Marcellinara

88) SANSEVERINO Maddalena B. dello Scannaggio di Cosenza

89) SANSEVERINO Vincenzo B. di Maldotto o Quartieri (1/2)

90) SCHIPANI Tommaso B. di S. Nicola Leporina e Galtelio

91) SERRA Luigi D. di Cassano.

92) SERSALE Girolamo M. P. di Castelfranco.

93) SPINELLI Giovan Battista P. di Cariati, D. diSeminara ecc.

94) SPINELLI M. Antonia P. di Tarsia, M. di Ciro

95) SPINELLI Vincenzo M. P. di Scalea

96) SPINELLI Giuseppe M. di Fuscaldo

97) STOCCO Filippo B. di Riccio Cotura

98) TACCONE Nicola M. di Sitizzano

99) TORALD0 Bernardo B. di Calimera

100) TRANF0 Gaetano P. di Cosoleto

101) TUFARELLI Gennaro B. di Mormanno

102) TUFARELLI Filippo B. di duc. 20 su Mormanno

103) del TUF0 Nicola B. di duc. 321 su Lappano e Corno.











REGISTRO DELLE ULTIME CASATE FEUDALI

ILLUSTRI

IN ORDINE DI TITOLATURA NOBILIARE DECRESCENTE






PRINCIPI


1-d'Aquino Pico Vicenza

Principessa di Castiglione, Feroleto ecc.

2-Borghese Marcantonio

Principe Rossano, Barone di Cropalari

3-Carafa Francesco M

Principe di Belvedere, Barone Di Bonifati

4-Carafa Vincenzo

Principe di Roccella, Duca di Bruzzano

5-Cicala Luigi M

Principe di Tiriolo Duca di Gimigliano

6-Giannuzzi Savelli Tommaso

Principe di Cerenzia, Barone di Belvedere

7-Grimaldi M. Antonia

Principessa di Gerace, Duca di Terranova

8-Milano Franco Giovanni

Principe di Ardore, Marchese di S. Giorgio

9-Pignatelli Antonio

Principe di Belmonte, Barone di Badolato

10-Pignatelli Salvatore

Principe di Stongoli, Conte di Melissa

11-Pignone del Carretto Alessandro

Principe di Alessandria, Marchese di Oriolo

12-Ravaschieri Filippo

Principe di Satriano, Duca di Cardinale

13-Ruffo Fulco Francesco

Principe di Scilla, Conte di Sinopli

14-Ruffo Nicola

Principe di Motta, San Giovanni ecc.

15-Sambiase Giuseppe

Principe di Campana, Duca di Crosia

16-Sanseverino Tommaso

Principe di Bisignano, Conte di Altomonte

17-Sersale Girolamo M

Principe di Castelfranco, Duca di Cerisano

18-Spinelli Giovan Battista

Principe di Cariati, Duca di Seminara

19-Spinelli M. Antonia

Principessa di Tarsia, M. di Cirò

20-Spinelli Vincenzo

Principe di Scale ecc.

21-Tranfo Gaetano

Principe di Cosoleto








DUCHI


1-Alvarez de Toledo Francesco

Duca di Montalto

2-Caputo Vincenzo

Duca di Torano

3-Caracciolo Margherita

Duchessa di Girifalco, Marchese di Gioiosa

4-d'Este Cybo Beatrice

Duca di Aiello

5-Marincola Diego

Duca di Petrizzi, Barone di Soverato

6-Pignatelli Ettore

Duca di Monteleone, Marchese di Cerchiara

7-Sambiase Francesco Valerio

Duca di Malvito

8-Serra Luigi

Duca di Cassano




























MARCHESI


1-d'Alarcon Mendoza Em.

Marchesa di Rende

2-Alimena Giacinto

Marchese di San Martino

3-Berlingeri Cesare

Marchese di Valleperotta

4-Caracciolo Tristano

Marchese di Arena

5-de Gregorio Leopoldo

Marchese di Squillace, Barone di Mammola

6-Lucifero Giuseppe

Marchese di Aprigliano

7-Mottola Francescantonio

Marchese di Amato

8-de Riso Vitaliano

Marchese di Botricello

9-Spinelli Giuseppe

Marchese di Fuscaldo

10-Taccone Nicola

Marchese di Sitizzano



























BARONI DI FEUDI E SUFFEUDI NOBILI


1-Abbenante Barnaba

Barone di Monasterace

2-Altemps Marco Sittico

Barone di Mesoraca

3-de Blasio Tiberio

Barone di Palizzi

4-di Francia Diego

Barone di Santa Caterina

5- Giannuzzi Savelli D.

Barone di Pietramala

6-Gallelli Antonio

Barone di Badolato

7-Melecrinis G. Battista

Barone di Joppolo

8-le Piane Pietrantonio

Barone di Savuto

9-Piromallo Giovanni

Barone di Montebello

10-Poerio Alfonso

Barone di Belcastro

11-Ruffo Vincenzo

Barone di San Lucido

12-Sabatini Giuseppe Alf

Barone di Belforte

13-Sanseverino F. Vinc.

Barone di Roggiano

14-Sanseverino Luigi

Barone di Marcellinara

15-Toraldo Bernardo

Barone di Calimera e Puglisa









REGISTRO GENERALE DEI FEUDI NOBILI


LEGENDA



Si tratta di quei Feudi e Suffeudi concessi con Regio Decreto dalla Corona di Borbone. Secondo la legislazione nobiliare del Regno riformata nel 1800, solo questi feudi erano nobili poichè nobilitanti, ovvero chi li possedeva acquisiva un titolo nobiliare trasmissibile.



INTESTAZIONE

TITOLO


1-d'Aquino Pico Vicenza

Principessa di Castiglione, Feroleto ecc.

2-Borghese Marcantonio

Principe Rossano, Barone di Cropalari

3-Carafa Francesco M

Principe di Belvedere, Barone Di Bonifati

4-Carafa Vincenzo

Principe di Roccella, Duca di Bruzzano

5-Cicala Luigi M

Principe di Tiriolo Duca di Gimigliano

6-Firrao Tommaso

Principe di Luzzi e Sant'Angelo

7-Giannuzzi Savelli Tommaso

Principe di Cerenzia, Barone di Belvedere

8-Grimaldi M. Antonia

Principessa di Gerace, Duca di Terranova

9-Milano Franco Giovanni

Principe di Ardore, Marchese di S. Giorgio

10-Paravagna Giovanni

Principe di Maropati, Marchese di Anoia

11-Pignatelli Antonio

Principe di Belmonte, Barone di Badolato

12-Pignatelli Salvatore

Principe di Stongoli, Conte di Melissa

13-Pignone del Carretto Alessandro

Principe di Alessandria, Marchese di Oriolo

14-Ravaschieri Filippo

Principe di Satriano, Duca di Cardinale

15-Rovegno Giuseppe Francesco

Principe di Palagorio, Marchese di Umbriatico

16-Ruffo Fulco francesco

Principe di Scilla, Conte di Sinopli

17-Ruffo Nicola

Principe di Motta, San Giovanni ecc.

18-Sambiase Giuseppe

Principe di Campana, Duca di Crosia

19-Sanseverino Tommaso

Principe di Bisignano, Conte di Altomonte

20-Sersale Girolamo M

Principe di Castelfranco, Duca di Cerisano

21-Spinelli Giovan Battista

Principe di Cariati, Duca di Seminara

22-Spinelli M. Antonia

Principessa di Tarsia, M. di Cirò

23-Spinelli Vincenzo

Principe di Scale ecc.

24-de Sylvia y Mendoza Pietro

Principe di Mileto, Duca di Francavilla

25-Tranfo Gaetano

Principe di Cosole


1-Alvarez de Toledo Francesco

Duca di Montalto

2-Caputo Vincenzo

Duca di Torano

3-Caracciolo Margherita

Duchessa di Girifalco, Marchese di Gioiosa

4-Cavalcanti Lucio Vincenzo

Duca di Bonvicino

5-Cavalcanti Marianna

Duchessa di Caccuri

6-d'Este Cybo Beatrice

Duca di Aiello

7-Greuther Antonio

Duca di Santa Severina

8-Marincola Diego

Duca di Petrizzi, Barone di Soverato

9-Pescara Diano Giuseppe

Duca di Bovalino,Barone di Cinquefrondi

10-Pignatelli Ettore

Duca di Monteleone, Marchese di Cerchiara

11-Saluzzo Giacomo

Duca di Corigliano

12-Sambiase Francesco Valerio

Duca di Malvito

13-Serra Luigi

Duca di Cassano

14-Vitale Francesco Nicola

Duca di Tortora


1-d'Alarcon Mendoza Em.

Marchesa di Rende

2-Alimena Giacinto

Marchese di San Martino

3-Amalfitani Nicole

Marchese di Crucoli

4-Berlingeri Cesare

Marchese di Valleperotta

5-Capacelatro Scipione

Marchese di Casabona

6-Caracciolo Tristano

Marchese di Arena

7-de Cardenas M. Giuseppa

Marchesa di Laino

8-Castiglione Morelli Lelio

Marchese di Vallelonga

9-Clemente Alessandro

Marchese di San Luca, Barone di Placanica

10-de Gregorio Leopoldo

Marchese di Squillace, Barone di Mammola

11-Lucifero Giuseppe

Marchese di Aprigliano


12-Malena Francesco

Marchese di Scarfizzi

13-Mottola Francescantonio

Marchese di Amato

14-Piccolomini Anna

Marchesa di Montesoro

15-de Riso Vitaliano

Marchese di Botricello

16-Spinelli Giuseppe

Marchese di Fuscaldo

17-Stagno Carlo

Marchese di Soreto

18-Taccone Nicola

Marchese di Sitizzano


1-Arcivescovo di Reggio

Conte di Bova, Barone di Castellace

2-Filomarino G. Battista

Conte di Castella, ecc.


1-Abbenante Barnaba

Barone di Monasterace

2-Altemps Marco Sittico

Barone di Mesoraca

3-Barberio Toscano N.

Barone di Zinga

4-del Bianco Marcantonio

Barone di Policastrello

5-de Blasio Tiberio

Barone di Palizzi

6-Brancati Cassandra

Baronessa di Abatemarco e Orsomarso

7-Calà y Ulloa Adriano

Barone di Roseto

8-Campagna Gaetano

Barone di S.D.Trio, S. Cosma e Mac.

9-Capolongo Francesco

Barone di San Donato

10-Caracciolo Francesco

Barone di San Giovanni in Fiore

11-Catalano Gonzaga Pasquale

Barone di Grisolia Majerà e Cirella

12-Cavalcanti Filippo

Barone di Rota, Mangalavita

13-Cavalcanti Michelangelo

Barone di Verbicaro

14-Crivelli Alfonso

Barone di Bollita

15-de Dominicis Lelio

Barone di Zagarise

16-de Fiore Pietro

Barone di Cropani

17-di Francia Diego

Barone di Santa Caterina

18-de Franco Enrico

Barone di Precaore e Paterna

19-Friozzi Ignazio

Barone di Torrisola

20- Giannuzzi Savelli D.

Barone di Pietramala

21-Gallelli Antonio

Barone di Badolato

22-Marchitelli Filippo

Barone di Argusto

23-Marsico Francesco

Barone di Lattarico e Regina

24-Melecrinis G. Battista

Barone di Joppolo

25-Mormile Nicola

Barone di Albidomda

26-de Nobili Emanuele

Barone di Albidonda

27-Parisani B. Nicola

Barone di Scala

28-Passalacqua Francesco

Barone di Pittarella

29-Perrone Gregorio

Barone di Sellia

30-le Piane Pietrantonio

Barone di Savuto

31-Piromallo Giovanni

Barone di Montebello

32-Poerio Alfonso

Barone di Belcastro

33-Pucci Giuseppe

Barone di Trebisacce

34-Riciulli del Fosso G.

Barone di Parenti

35-Romano Antonia

Baronessa Maida e Lacconia

36-Ruffo Vincenzo

Barone di San Lucido

37-Sabatini Giuseppe Alf

Barone di Belforte

38-Sanseverino F. Vinc.

Barone di Roggiano

39-Sanseverino Luigi

Barone di Marcellinara

40-Toraldo Bernardo

Barone di Calimera e Puglisa

41-Tufarelli Gennaro

Barone di Mormanno

42-Ubaldini Ignazio

Barone di Torre Spatola

43-Vercillo Matteo

Barone di San Vincenzo


1-Vescovo di Bisigno

Barone di Santa Sofia

2-Vescovo di Cassano

Barone Mormanno e Trebisacce

3-Ordine G. di Malta

Barone di Nocera

4-Vescovo di Mileto

Barone di Galatro

5-Abate di Montecassino

Barone di Cetraro

6-Abate di Sant'Antonio

Barone di S. Demetrio, S. Cosmo e M.

7- Abate di S. Stef. Del B.

Barone di Roccadineto


REGISTRO GENERALE DEI FEUDI RUSTICI ABITATI


LEGENDA



Si tratta di quei feudi non concessi con Regio Decreto dalla Corona di Borbone due Sicilie, e sebbene abitati, per la legislazione Borbonica essi però non rilasciavano o trasmettevano titoli nobiliari. Per tanto il titolo di barone relativo a questi feudi era solo onorifico, si noti infatti che coloro che ebbero solo l'intestazione di tali feudi, non vennero mai inclusi nei Registri di Nobiltà Borbonici, e nei successivi Elenchi Nobiliari Regionali, e ovviamente dopo il 1861 nemmeno nel successivo nell'Elenco Ufficiale della Nobiltà Italiana, e ne ovviamente nel Libro d'Oro della Nobiltà Italiana della Consulta Araldica del Regno d'Italia.



INTESTAZIONE

TITOLO


1-d'Alessandro Fr. Antonio

Barone di Figurella

2- d'Alessandro Fil. V.za

Baronessa di Moncoturni o Sidero

3-Anania Vincenzo

Barone di Ceppo o Mula

4-d'Aquino Francescoantonio

Barone di Plutino (parte)

5-Arcano Michele

Barone di Attasi

6-Arcieri Antonio

Barone di S. Attanasia e Bandino

7-Barba Domenico

Barone di Franchino e Messer G.nni

8-Bellucci Michele

Barone di Ciolla

9-Brunetti Vittoria

Baronessa di Brunetto

10-Campitelli Giuseppe M.

Barone di Errici

11-Caracciolo Francesco

Barone di Montalto

12-Catizzone Filippo Antonio

Barone di Maldotto-Quartieri (¼)

13-de Cicco Antonia

Baronessa di Marescoti

14-Coscia Saverio

Barone di Messer Ruggero

15-Cosco Vincenzo

Barone di Staglio Grande a Cardito

16-Cosentino Geronimo

Barone di Capalbo

17-Dattilo Cleria

Baronessa di Gazzella

18-Docimo Pietro

Barone di Sacco

19-Doria Marcantonio

Barone di Tacina e Massanuova

20-Fava Daniele Antonio

Barone di Giardino e Mulino in Amantea

21-Fazzari Ferdinando

Barone di Jacolino

23-Ferrari G. Battista

Barone di Staglio Grande a Cardito

24-Ferrari Giuseppe

Barone di Clima e Tornafranza

25-de Fiore Raffaele

Barone di Foto o Tota

26-Gallucci Francesco

Barone di Carbonara o Sacchetta

27-Giglio Antonio

Barone di Montibus

28-de Grazia Marco

Barone di Fangella e Cugno del Colle

39-Grimaldi Gregorio

Barone di Ipato o Spato o S. Pietro

30-Interzati Francesco Saverio

Barone di Pipino

31-Lucà Francesco Saverio

Barone di Poerio o Baldella

32-Lucifero Meligrana

Baronessa di Gangemi

33-Lupinacci Stanislao

Barone di Scalzati o Ponticelli

34-Malerba Giuseppe

Barone di Strofolia o S. Cecilia

35-Mamone Antonio

Barone di Plutino 1/3

36-Marzano Antonio

Barone di Scuderi 1/3

37-Mascaro Geronimo M.

Barone di Petritiis o Rob.to de acris1/2

38-de Mayda G. Gregorio

Barone di Croniti o Sala

49-Medici Gatti Laopoldo

Barone di Capitelli o Campitelli

40-Mezzatesta Agazio

Barone di Cannava

41-Monaco Giuseppe Antonio

Barone di Scucchi e Stefanizzi

42-Musco Nicola

Barone Ambatoe Anto

43-Nicotera Pasquale

Barone di Martà

44-de Nobili Felice

Barone di Magliacane

45-de Nobili Raffaele

Barone di Medina e Bagliva di Catanzaro

46-Oliva Giuseppe

Barone di Ragusa Tomacelli

47-Oliviero Cesare

Barone di Crepacore e Rivioti

48-Orsini Raimondo

Barone di Longano o Perrotta

49-Ottone Anna

Barone di Baronessa Altavilla

50-Paparatti M. Orsola

Barone di Mannarino o Buffetta

51-Paparo Antonio

Barone di S. Attanasio

52-Parisio Giovanni

Barone di San Cono (3/4)

53-Poerio Carlo

Barone di Cucinà, Spinalba ecc.

54-Poerio Piterà Saverio

Barone di Rocco (1/3)

55-Procida Antonino

Barone di Petritiis o Rob.to de Acris

56-Rodinò Luigi

Barone di Miglioni

57-de Rosis Claudio

Barone di San Giovanni in Foresta

58-Sacco Giovanni

Barone di Annomeri o Arrido

59-Salzano Giuseppe

Barone di Giuda

60-Sanchez Mercurio

Barone di Salica e Prato

61-Sanseverino Vincenzo

Barone di Maldotto-Quartieri (parte)

62-Santacroce di Barl. G

Barone di Ammirato

63-de Santis Bardari N.

Barone di Vazzano o Cubello

64-Santolo Paolo

Barone di Cuntera e Sant'Opoli

65-Scalzo Giuseppe

Barone di Albona o Alvona e Ramaci

66-Schipani Tommaso

Barone di San Nicola, Leporina, Galterio

67-de Siena Francesco

Barone di Poerio-Garregtis

68-Solaro Ippolita

Baronessa di Altavilla (2/3)

69-Spiriti Salvatore

Barone di Schito o Ischito

70-Stocco Filippo

Barone di 2/3 del feudo di Riccio, denominato Cutura, poichè il restante terzo denominato Pantane, venne invece intestato ad Alessandro Ferrari, Barone di Pantane.

71-Suriano Fabrizio

Barone di Garrubba

72-Tizzano Saverio

Barone di Cola Calì

73-Tranquillo Francesco Antonio

Barone di Scuderi (1/3)

74-Veraldi Rinaldo

Barone di Donna Cubitosa

75-Veraldi Galzerano T.

Barone di Seralta o Panjno



REGISTRO GENERALE DEI FEUDI RUSTICI DISABITATI


LEGENDA


Si tratta di quei feudi che non solo non vennero concessi con Regio Decreto dalla Corona di Borbone due Sicilie, ma non erano neppure abitati, e per la legislazione Borbonica essi oltre a non trasmettere titoli nobiliari, in quanto appunto rustici, erano considerati poco più di tenute. Anche in questo caso ovviamente coloro che ebbero solo l'intestazione di tali feudi, non vennero infatti mai inclusi nei Registri di Nobiltà Borbonici, e nei successivi Elenchi Nobiliari Regionali, e ovviamente dopo il 1861 nel successivo nell'Elenco Ufficiale della Nobiltà Italiana, e ne ovviamente nel Libro d'Oro della Nobiltà Italiana della Consulta Araldica del Regno d'Italia.



INTESTAZIONE

TITOLO


1-de Blasio Giuseppe

Barone della Bagliva di Sant' Angela

2-Lucifero Francesco Antonio

Barone della Bagliva e Scann. Di Crotone

3-de Matera Domenico

Barone della Bagliva di Cosenza

4-Mollo Emanuele

Barone di Metà Scannaggio di Cosenza

5-Primentel Giuseppa

Baronessa di Ducati 500 sui Fiscali di Cosenza

6-Pizzarro Piccolomini Fl.

Barone di Ducati 200 sui Fiscali di Cosenza

7-Sambiase Giuseppe

Barone della Bagliva dei Casali di Cosenza

8-Sanseverino Maria Maddalena

Baronessa di Metà Scannaggio di Cosenza

9-Tufarelli Filippo

Barone di Ducati 20 su Mormanno

10-del Tufo Nicola

Barone di Ducati 321 su Lappano, Corno e Trebisacce

REGISTRO GENERALE DEI CEDOLARI


LEGENDA


I Cedolari, erano documenti di natura fiscale-catastale, nei quali venivano censite le casate che erano intestatarie di feudi, la data d'intestazione, e le somme di danaro versate per l'acquisto dei medesimi.




CEDOLARI



  1. ABENANTE (Rossano) Cedolario 87, f. 528 Intestazione 3 aprile 1793.

Barnaba Abenante per acquisto come appresso:

Terra di Monasterace (ab. 839) con la Portulania.

Pervenuta all'intestatario per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 85.929, contro il Patrimonio del fu Duca di Monasterace Francesco Antonio Perrelli il 20-X-1787, con Regio Assenso 7 gennaio 1791, registrato nel Quinternone 309, f.l.


  1. de ALARCON y MENDOZA Cedolario 78, f. 161.

Intestazione 15 dicembre 1778.

Emanuela de Alarcon y Mendoza, marchesa di Rende, per successione al march. Paolo Ferdinando 9°, suo padre, deceduto il 2 febbraio 1735:

  1. Stato di Rende (con San Fili, Carolei, Domanico, Mendicino, Marano M. e feudo Spina, ab. 13.948);

  2. Terra di Fiumefreddo (con Falconara e Longobardi, ab. 8328);

  3. Terra di San Lorenzo (ab. 893) con seconde e terze cause, portulania e. zecca.

Il predetto stato feudale (ab. 23.169) comprendeva gli attuali comuni di Rende, San Fili (eccetto la frazone Bucita), Carolei, Domanico, Mendicino, Marano Marchesato, Fiumefreddo, Falconara, Longobardi e San Lorenzo del Vallo, tutti in provincia di Cosenza, per una superficie complessiva attuale di Kmq. 246,79.

La terra di Rende coi casali, ricaduta alla R. Corte per morte della contessa Isabella Adorno, fu concessa dall'Imp. Carlo V al suo capitano Ferrante d'Alarcon, col titolo di Marchese di Rende, e ciò con privilegio del 30 giugno 1532, esecutoriato il 30 aprile 1533.

La sua unica figlia ed erede Isabella sposò Pietro Gonzales de Mendoza al quale era stata data la baronia di Fiumefreddo con i casali, tolta nel 1528 al ribelle Duca di Somma Alfonso Sanseverino. (È per via di questo matrimonio che tutti i successori, Marchesi di Rende, assunsero nome e cognome di Ferrante d'Alarcon).

La terra di San Lorenzo entrò in famiglia in virtù di vendita fatta dal Duca della Saracena al 5° marchese di Rende, con R assenso 24 novembre 1623, registrato nel Quinternone 70, f. 245.

Per la successione, vedi la Genealogia della famiglia de Alarcon y Mendoza, in Appendice al Volume.



  1. d'ALESSANDRO (Seminara) Cedolario 86, f. 96

Intestazione 1772.

Francescantonio d'Alessandro per successione come appresso:

Feudo Figurella, sito in territorio di Seminara.

Pervenuto all'intestatario per successione alla Baron. Alfonsina Romano, di cui era nipote primogenito ed erede.

Vincenza d'Alessandro Filippone per successione al fratello Antonio, deceduto il 26 maggio 1799:

Feudo Moncoturni o Siderno, sito in territorio di Seminara.

Pervenuto ad Antonio d'Alessandro seniore, avo dell'intestataria, nel primo.


  1. d'ALESSANDRO FILIPPONE (Seminara) Cedolario 87, f. 702

Intestazione 19 maggio 1801 759, per successione alle famiglie Cavallo, Filippone e Scollino, la quale ultima l'aveva acquistato con RA. del 7 agosto 1577. Alienato nel 1760, fu rivendicato nel 1770, come dal Cedol, 87, f. 489.


  1. ALIMENA (Montalto - Cosenza) Cedolario 79, f. 461 t

Intestazione 26 ottobre 1792.

Giacinto Alimena, marchese di San Martino, per sentenza in suo favore 27 novembre 1780, corroborata da R.A. 14 maggio 1792, registrato nel Quint. 318, f. 459:

Terra di San Martino (ab. 1081) con prime, seconde e terze cause civili criminali e miste.

Oggi comune di San Martino di Finita in provo di Cosenza.

Pervenuta ad Alfonso Alimena, barone di Poligroni, per successione alla madre Camilla Rossi Del Barone, deceduta 28 ottobre 1687. Il march. Pietro Paolo Alimena acquistò la giurisdizione delle seconde e terze cause per vendita fattagli dal Principe di Tarsia con RA. 28 maggio 1744, registrato nel Quint. 274, f. 306, come del Cedol. 77, f. 210.

Il titolo di Marchese di San Martino fu concesso dall'Impero Carlo VI allo stesso Pietro Paolo Alimena e suoi eredi mpr. con privilegio del 20 marzo 1730.

Per la successione, V. Genealogia della famiglia Alimena, in Appendice al Volume.



  1. ALTEMPS (Roma) Cedolario 87, f. 725 t Intestazione 6 febbraio 1802.

Marco Sittico d'Altemps (Duca di Gallese) per successione al fu Duca Giuseppe suo padre, deceduto il 28 luglio 1790:

Terra di Mesoraca (con i casali di Arietta, Petrona e Marcedusa ab. 3692), con seconde cause civili, criminali e miste, zecca e portulania.

Corrispondente agli attuali comuni di Mesoraca, Marcedusa e Petronà in prov. di Catanzaro, della superficie complessiva attuale di Kmq. 154,33. Pervenuta a Roberto d'Altemps (March. di Soriano) per vendita fattagli nel S.R.C., per D. 165.000, contro il Pr. di Scalea Giovan Battista Spinelli, con R.A. 4 aprile 1585, registrato nel Quint. 110, f. 8, come dal Cedol. 80, f. 57.

Successero, di padre in figlio, Giov. Angelo (+ 1620), Pietro (+ 1691), Giuseppe (+ 1713) e Roberto (+ 1742), avo dell'intestatario.



  1. ALVAREZ de TOLEDO (Spagna) Cedolario 79, f. 539

Intestazione 30 gennaio 1800.

Francesco Alvarez de Toledo, Duca di Montalto, per successione al Duca Giuseppe, suo fratello, deceduto il 9 giugno 1796:

Terra di Montalto (con i casali di Castagna, Vaccarizzo, Bucito, San Sisto ed Espulsi, ab. 9001).

Corrispondente all'attuale comune di Montalto Uffugo (Kmq. 78,43) più la frazione Bucita del comune di San Fili, e le frazioni San Sisto ed Espulsi del comune di San Vincenzo, in prov. di Cosenza.

Tutto lo Stato fu concesso, insieme col titolo di DUCA di MONTALTO, a Ferdinando d'Aragona, figlio naturale del Re Ferrante l° con privilegio del Re Cattolico del 27 maggio 1507.

Estinta la Casa d'Aragona (1610), la successione passò ai Moncada, la cui ultima esponente, Caterina (+1728), fu moglie di Giuseppe Alvarez de Toledo, Duca di Ferrandina. Successe il figlio Federico (+1753), ed a questi il figlio Antonio (+ 1773), padre dell'intestatario.



  1. AMALFITANI (Cotrone) Cedolari o 77, f. 263 t Intestazione 20 dicembre 1748.

Nicola Amalfitani, Marchese di Crucoli, per successione al march. Giulio suo padre, deceduto il 30 marzo 1748:

Terra di Crucoli (ab. 1400) con La portulania.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta a Jacopo Amalfitani per vendita fattagli, per D. 73000, dal Pr. di Crucoli Giacomo d'Aquino, con R.A. 21 febbraio 1631, registrato nel Quint. 87, f. 252 1., come dal Cedol. 73, f. 184. Il titolo di Marchese di Crucoli fu concesso dal Re Filippo 4° a Diego Francesco Amalfitani e suoi successori impr. con privilegio del 23 dicembre 1649, esecutoriato 12 aprile 1650, come dal Cedol. 77, f. 252 t.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Amalfitani in Appendice al Volume.

N.B. L'intestatario morì il 12 gennaio 1803 e gli successe il figlio Giulio, che fu in effetti l'ultimo feudatario di Crucoli. Questo passaggio non è notato nei cedolari.





  1. ANANIA (Catanzaro) Cedolario 87, f. 612 Intestazione 28 settembre 1797.

Vincenzo Anania per refuta e rinuncia di suo fratello Antonio, il quale succedeva de jure al fratello 1° genito Francesco Saverio, deceduto il !l giugno 1796:

Feudo Ceppo o Mula o Zipipi, sito in territorio di Catanzaro.

Pervenuto a Lorenzo Pasquale Anania, padre dell'intestatario, che l'acquistò all'asta dalla R. Corte, per D. 2.700, con R.A. 24 febbraio 1776, come dal Cedol. 86, f. 208 t.



  1. AQUINO (Tropea) Cedolario 85, f. 560 t Intestazione 18 agosto 1761.

Francesco Antonio d'Aquino per successione al Bar. Carlo suo padre, deceduto 8 agosto 1758:

Feudo Plutino (parte), sito in territorio di Tropea.

Pervenuto a Giovanni M. d'Aquino per successione alla Baron. Caterinella Guarnieri, sua madre, deceduta 15 ottobre 1574.

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia d'Aquino in Appendice al Volume.



  1. d'AQUINO PICO (Calabria-Napoli)

Vincenza d'Aquino Pico, Principessa di Castiglione, per successione al pr. Alessandro, suo zio paterno, deceduto il 3 giugno 1763:

  1. Cedolario 78, f. l.

Intestazione 6 febbraio 1767:

  1. Terra di Castiglione (col casale di Falerna ab. 1363), con le seconde cause, portulania e zecca.

Oggi comune di Falerna in prov. di Catanzaro.

Antico possesso della famiglia, concesso ad Adinolfo d'Aquino nel 1303 e confermatogli il 12 marzo 1306.

Il titolo di Principe di Castiglione fu concesso dal Re Filippo 3° a Carlo d'Aquino, conte di Martorano e 13° barone di Castiglione, con privilegio del 13 febbraio 1606, esecutoriato il 29 marzo 1606, e registrato nel Quint. 26 f. 168, come dal Cedol. 73, f. 42 t.

  1. Terra di Martorano (col casale di San Mango d'Aquino già Medina, ab. 3579).

Oggi comuni di Martirano, Martirano Lombardo e San Mango d'Aquino in prov. di Catanzaro. Superficie complessiva attuale Kmq. 41,39.

Pervenuta nel 1578 a Cesare d'Aquino per successione alla famiglia De Gennaro, alla quale era stata concessa con titolo di Conte di Martorano il 6 dicembre 1496.

Sul suo casale di San Mango fu trasferito, per privilegio di Re Carlo 2° del 16 febbraio 1675, il titolo di Principe concesso originariamente il 4 settembre 1623 in favore di Tommaso d'Aquino sulla terra di San Mango del Cilento, poi alienata.

  1. Terra di Motta Santa Lucia (con i casali di Conflenti superiore e inferiore e Decollatura ab. 5950), col le prime e le seconde cause civili, criminali e miste.

Corrispondente agli attuali comuni di Motta S. Lucia, Conflenti e Decollatura in prov. di Catanzaro. Superficie complessiva attuale Kmq. 111,08.

Pervenuta per successione De Gennaro, come sopra.

  1. Cedolario 86, f. l

Intestazione 6 febbraio 1767.

  1. Terra di Nicastro (con i casali di Platania, S. Angelo, Sambiase e Zangarone, ab. 12.272) con la catapania.

Corrispondente ai comuni di Nicastro, Platania e Sambiase in prov. di Catanzaro. Superficie complessiva attuale Kmq. 127,79.

Pervenuta a Carlo d'Aquino, 1° Pr. di Castiglione, per vendita fat­tagli, per D. 138.500, da Isabella Caracciolo Duch. di Feroleto, con R. Assenso del 1608, registrato nel Quint. 38, f. l, come dal Cedol. 81, f. 507.

  1. Terra di Feroleto (con i casali di Feroleto Nuovo e Serrastretta con 6 villaggi, ab. 5912) con la catapania.

Oggi comuni di Feroleto, Pianopoli e Serrastretta in prov. di Ca­tanzaro; superficie compl, Kmq. 87,56.

Pervenuta al medesimo Carlo d'Aquino per vendita fattagli dalla medesima Duchessa di Feroleto, con R. Assenso 11 dicembre 1611. Il titolo di Principe di Feroleto fu concesso dal Re Filippo 4° a Francesco d'Aquino con privilegio 11 aprile 1637.

Lo stato feudale della famiglia d'Aquino Pico, uno dei più vasti della regione, comprendeva 20 centri abitati con oltre 29.000 abitanti, e con una superficie di Kmq. 391,67.

Al momento della abolizione dei feudi, lo stato si trovava in demanio, essendo morta senza eredi successibili l'ultima Principessa Vincenza d'Aquino Pico 1'8 ottobre 1799.

Per la successione, v. la Genealogia della Famiglia d'Aquino in Appendice al Volume.



  1. ARCANO (Gerace) Cedolario 86, f. 170 Intestazione 1 luglio 1776

Michele Arcano, già Arcadi, per successione al Bar. Giuseppe suo fratello, deceduto 1'8 febbraio 1775:

Feudo Attasi, sito in territorio di Bianco.

Pervenuto a Domenico Arcadi fu Giuseppe, barone di Pisana, padre dell'intestatario, per successione al fu Bar. Francesco Bova, suo zio materno, deceduto in Gerace il 30 luglio 1725.



  1. ARCIERI (Catanzaro) Cedolario 86, f. 21 t Intestazione 15 marzo 1769.

Antonio Arcieri per successione al Bar. Pietro Giovanni suo padre deceduto in Catanzaro il 15 giugno 1767:

Feudo Sani' Anastasia o Bandino, sito in territorio di Catanzaro.

Pervenuto nel 1451 a Giovan Pietro e Francesco Arcieri, come nipoti ed eredi della fu Margherita Pedazio.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Arcieri in Appendice al Volume.




  1. BARBA (Catanzaro)

Cedolario 87, f. 573 Intestazione 9 gennaio 1795

Domenico Barba per successione al Bar. Gaetano suo padre deceduto il 30 marzo 1783:

  1. Feudo Franchino sito in territorio di Mesoraca.

Pervenuto al Dott. Carlo Barba per vendita fattagli, per D. 2000, dal Bar. Domenico Majorana Albertini e ratificata dal Bar. Gaetano Majorana suo fratello con R. Assenso 16 maggio 1684, registrato nel Quint. 146, f. 51, come dal Cedol. 81, f. 575.

Successe (1719) il figlio Domenicantonio (+ 1727), ed a questi il figlio Gaetano, padre dell'intestatario.

  1. Feudo Messer Giovanni sito presso Catanzaro.

Pervenuto al predetto Gaetano Barba per vendita fattagli, per D. 2750, dal Bar. Fabrizio Sanseverino, con R. Assenso 29 marzo 1751, registrato nel Quint. 284, f. 243, come dal Cedo!. 85, f. 348 t.



  1. BARBE RIO TOSCANO (Verzino) Cedolario 79, f. 575 t

Intestazione 9 dicembre 1802

Nicola Barberio Toscano per acquisto come appresso:

Terra di Zinga (ab. 400).

Oggi frazione del comune di Casabona in provo di Catanzaro.

Pervenuta all'intestatario per vendita fattagli, per D. 72000, dal Principe di Cerenzia Tommaso Giannuzzi Savelli, con R. Assenso 25 maggio 1802, registrato nel Quint. 323, f. 101.



  1. BELLUCCI (Napoli) Cedolario 79, f. 450 Intestazione l0 giugno 1781.

Michele Bellucci, sia per successione al Bar. Domenico suo padre, deceduto nel 1790, sia per accordo col R. Fisco del 14 settembre 1790, per rilevi non pagati:

Feudo Ciolla

Pervenuto a Domenico Bellucci per vendita fattagli, per D. 1215, dalla R. Corte, con R. Assenso l0 gennaio 1522, registrato nel Quint. 12, f. 17 t, come dal Cedol. suddetto.

Gli successero di padre in figlio: Gaetano (viv. 1564), Pasquale (viv. 1582), Gennaro (viv. 1597), Francesco (1630), Giovanni (+1668), Federico (+1705), Domenico (+1738), e Michele (+1777), avo dell'omonimo intestatario.



  1. BERLINGIERI (Cotrone)

Cedolario 87, f. 353

Intestazione 26 settembre 1786

Cesare Berlìngieri, Marchese di Valleperrotta, per successione al march. Anselmo suo padre, deceduto il 16 gennaio 1785:

Feudo Valleperrotta con Gariglietto e Massanova, in territorio di Cotrone. Pervenuto a Nicola Orazio Berlingieri per vendita fattagli, per D. 3.000, dal Bar. Cristoforo Pallone con R. Assenso del 17 settembre 1703, come dal Cedol. 84, f. 136.

li titolo di Marchese di Valleperrotta fu concesso dal Re Carlo 3° di Bor­bone a Francesco Cesare Berlingieri, fratello dell'acquisitore, e suoi discendenti mpr. con privilegio del 19 gennaio 1740, registrato nel Quint. 285, f. 117, come dal Cedol. 85, f. 348.

Gli successe il fig1io Carlo ( + 1781), avo dell'intestatario.



  1. del BIANCO (Fiumefreddo)

Cedolario 77, f. 447.

Intestazione 2 ottobre 1762.

Marcantonio del Bianco per acquisto come appresso:

Terra di Policastrello (ab. 718), con seconde e terze cause, portulania e zecca di pesi e misure.

Oggi frazione del comune di San Donato di Ninea in provo di Cosenza. Pervenuta all'intestatario per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 22.Q30, contro il patrimonio del Duca e della Duchessa di San Donato Paolo Sambiase e Maria Cavalcanti Ametrano, con R. Assenso 18 settembre 1758, registrato nel Quint. 299, f. 258.



  1. BISIGNANO (VESCOVO di) Cedolario 78, f. 152

Intestazione 1 settembre 1778.

Mensa Vescovile di Bisignano

Casale di Santa Sofia, con le prime cause civili, bagliva, mastrodattia e dogana.



  1. de BLASIO (Reggio Cal.) Cedolario 87, f. 723 Intestazione 22 dicembre 1801.

Tiberio de Blasio per successione al Bar. Carlo suo padre, deceduto il 13 novembre 1798:

Terra di Palizzi (col casale Pietrapennata, ab. 1456).

Oggi comune di Palizzi in prov. di Reggio.

Pervenuta al suddetto Carlo de Blasio per vendita fattagli da Pietro Arduino, Pr. di Palizzi, nel 1751, e successiva conferma della Princ. Flavia Arduino, con R. Assenso del 5 luglio 1784, registrato nel Quint. 315, f. 69, come dal Cedol, 86, f. 314.



  1. de BLASIO (Reggio Cal.) Cedolario 87, f. 578

Intestazione 7 luglio 1795.

Giuseppe de Blasio per successione al Bar. Felice suo fratello deceduto il 2 settembre 1769:

Bagliva, Mastrodattia e Giardino della Corte della città di Sant' Agata. Corpo feudale pervenuto ad Antonio de Blasio, padre dell'intestatario, per successione al Bar. Domenico Monsolino Spadafora, suo zio materno, deceduto 11 settembre 1738, come dal Cedol, 84, f. 169.



  1. BORGHESE (Roma) Cedolario 77, f. 469 t Intestazione 26 febbraio 1765

Marcantonio Borghese, Principe di Rossano, per successione al Pr. Camillo suo padre, deceduto il 16 settembre 1763:

  1. Terra di Rossano (con i casali di Longobucco e Paludi ab. 13.595), con lo scannaggio;

  1. Terra di Cropalati (ab. 779).

Oggi comuni omonimi in prov. di Cosenza. Superficie complessiva attuale Kmq. 434,63.

Tutto lo Stato di Rossano pervenne a Giovan Battista Borghese per successione alla Princ. Olimpia Aldobrandini sua madre, deceduta il 18 dicembre 1681. Successe il figlio Marcantonio, avo dell'intestatario. Quest'ultimo morì il 25 marzo 1800, e gli successe il figlio Camillo, che fu l'ultimo feudatario. Tale passaggio non è notato nei Cedolari.

Il titolo di Principe di Rossano fu concesso dal Re Filippo 3° ad O1impia Aldobrandini seniore con privilegio 7 aprile 1614.



  1. BRANCATI (Napoli) Cedolario 77, f. 372 t Intestazione 8 febbraio 1758.

Cassandra Brancati per successione al Bar. Andrea suo fratello deceduto il 20 giugno 1749:

  1. Terra di Abatemarco (col casale di Cipollina, ab. 552), con le seconde cause civili, criminali e miste;

  2. Terra di Orsomarso (ab. 2547), con le seconde cause civili, criminali e miste.

Oggi comuni di Santa Maria del Cedro e Orsomarso in prov. di Cosenza. Pervenute ad Andrea Brancati seniore per vendita fattagli all'asta nel S.R.C. contro il patrimonio del Bar. Giovan Pietro Greco, con R. Assenso 1668, registrato nel Quint. Refute 199, f. 271.

Successero, di padre in figlio, Domenico (+ 1682), Andrea 2°, Domenicantonio (+ 1738), padre dell'intestataria.

N.B. Al momento delle leggi eversive, i feudi di Abatemarco e Orsomarso erano «in tenuta »di Francesco M. Brancati, congiunto e nipote ex-sorore della Baron. Cassandra, moglie di Vespasiano Giovine duca di Girasole.



  1. BRUNETTI (Dipignano) Cedolario 78, f. 210 t Intestazione 26 aprile 1781.

Vittoria Brunetti per successione al Bar. Nicola suo padre, deceduto in Napoli il 7 gennaio 1780:

Feudo Brunetto sito in Dipignano presso Cosenza.

Già predio rustico, elevato in feudo nobile a richiesta di Gaspare Bru-netti in favore di suo figlio Francescantonio, con privilegio 18 febbraio 1694, come dal Cedol. 74, f. 564.

A Francescantonio predetto ( + 1699), successero i fratelli Gio. Battista ( + 1758) e Nicola, padre dell'intestataria.



  1. CALA' LANZINA y ULLOA (Napoli) Cedolario 79, f. 449

Intestazione 13 aprile 1791.

Adriano Calà Lanzina y Ulloa (Duca di Lauria) per successione al Dc. Francesco suo padre deceduto il 31 maggio 1783:

Terra di Roseto (ab. 586).

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuta ad Adriano Calà Lanzina seniore, avo dell'intestatario, in virtù di rinuncia e cessione fattagli da Carlo Della Porta, marchese di Episcopia, con R. Assenso 3 giugno 1720, registrato nel Quint. 227, f. 263, come dal Cedol. 75, f. 248t. Egli ottenne detta cessione nella sua qualità di erede testamentario di Geronimo Calà, Duca di Diano, in nome e per conto del quale la famiglia Della Porta aveva acquistato la baronia di Roseto nel 1671 da Carlantonio Rende.



  1. CAMPAGNA (San Marco Argentano) Cedolario 78, f. 73 t

Intestazione 10 marzo 1772.

Gaetano Campagna per successione al Bar. Carlo suo padre deceduto il 23 febbraio 1755:

Casali di San Demetrio, San Cosmo e Macchia (ab. 2516) con le seconde e terze cause civili, criminali e miste, zecca e portulania.

Oggi comuni di San Demetrio Corone e San Cosmo Albanese in prov. di Cosenza.

Pervenuti al suddetto Carlo Campagna per vendita fattagli, per D. 7.800, dal Pro di Bisignano Luigi Sanseverino, con R. Assenso del 7 maggio 1746, registrato nel Quint. 290, f. 158, come dal Cedol. 77, f. 326.



  1. CAMPITELLI (Policastro) Cedolario 87, f. 380

Intestazione 10 gennaio 1788.

Giuseppe Maria Campitelli per transazione e accordo col R. Fisco per rilevi non pagati:

Feudo Errici sito in territorio di Policastro.

Pervenuto ad Alfonso Campitelli, anticausa dell'intestatario, per vendita fattagli da Orazio Sersale duca di Belcastro, con R. Assenso del 26 maggio 1645, come dal Cedol. suddetto.



  1. CAMPOLONGO (Altomonte) Cedolario 79, f. 487

Intestazione 27 settembre 1793.

Francesco Campolongo per successione al Bar. Nicola suo fratello, dece­duto il 17 agosto 1790:

Terra di San Donato (ab. 2046), con seconde e terze cause, portulania e zecca.

Oggi comune omonimo, meno la frazione Policastrello, in prov. di Cosenza. Pervenuta a Michele Campolongo, padre dell'intestatario, per vendita fattagli nel S.R.C., per D. 56.100, contro il patrimonio del Duca di Malvito Francesco Saverio Sambiase, con R. Assenso 31 agosto 1780, registrato nel Quint. 314, f. 425, come dal Cedol 79, f. 296t.



  1. CAPECELATRO (Napoli) Cedolario 79, f. 399

Intestazione 11 settembre 1789.

Scipione Capecelatro, Marchese di Casabona, per successione alla march. Isabella Crispano, sua cugina germana, deceduta il 17 febbraio 1783:

Terra di Casabona (col casale di San Nicola ab. 2300), con le prime e seconde cause civili, criminali e miste, ed annui D. 203:4:13 sui fiscali della provincia.

Oggi comuni omonimi in prov. di Catanzaro.

Pervenuta a Carlo Crispano per successione al march. Pietro Moccia, suo zio materno, nel 1732.

Il titolo di Marchese di Casabona fu concesso dal Re Filippo 3° a Scipione Pisciotta, anticausa della famiglia Moccia, con privilegio del 20 ottobre 1611, come dal Cedo1. 75, f. 55.



  1. CAPUTO (Cosenza) Cedolario 77, f. 289 t Intestazione 10 ottobre 1753.

Vincenzo Caputo, Duca di Torano, per successione al Dc. Saverio suo padre, deceduto in Napoli 8 agosto 1752:

Terra di Torano (ab. 992), con seconde e terze cause, zecca e portulania. Oggi comune di Torano Castello, meno la frazione Sartano in prov. di Cosenza.

Pervenuta a Fabio Caputo per vendita fattagli, per D. 46.250, dal Bar. Francesco Lupinacci, con R. Assenso 25 novembre 1665, registrato nel Quint. 121, f. 64t, come dal Cedol. 74, f. 442. Il titolo di Duca di Torano fu concesso dal Re Filippo 5° a Domenico Caputo, figlio erede di Fabio, e successori mpr., con privilegio del 27 febbraio 1701, esecutoriato il 30 aprile 1701, e registrato nel Quint. 192, f. 212, come dal Cedol. 74, f. 497t. Successero (1708) i figli Fabio (+ 1734) e Francesco Saverio, padre dell'intestatario.



  1. CARACCIOLO di Martina (Napoli) Cedolario 78, f. 109

Intestazione 16 marzo 1775.

Francesco Caracciolo (Duca di Martina), per successione al Dc. Petraccone suo padre, deceduto il 27 maggio 1771:

Casale di San Giovanni in Fiore (ab. 5161) con le prime cause civili, criminali e miste.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuto al Duca Francesco Caracciolo seniore, avo dell'intestatario, per vendita fattagli da Maria Pulcheria Rocci Spada, Nobile Romana, Marchesa di San Giovanni in Fiore, con R. Assenso del 24 agosto 1725, registrato nel Quint. 237, f. 271, come dal Cedol. 77, f. 381.

N.B. L'intestatario morì il 2-12-1794, e gli successe il figlio Petraccone 7°, che morì il 9-5-1796. A costui successe il figlio Placido, che fu in effetti l'ultimo feudatario. Questi passaggi non sono riportati nei Cedolari.



  1. CARACCIOLO di Girifalco Gioiosa (Napoli) Cedolario 86, f. 78 t

Intestazione 12 dicembre 1770.

Margherita Caracciolo, Duchessa di Girifalco, Marchesa di Gioiosa per successione al Dc. Gennaro, suo fratello, deceduto il 15 agosto 1766:

  1. Terra di Gioiosa (ab. 4361) con le seconde cause civili, criminali e miste.

Oggi comuni di Gioiosa Jonica e Marina di Gioiosa Jonica in prov. di Reggio.

Pervenuta a Gennaro Caracciolo per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D... contro Girolamo Carata marchese di Castelvetere, con R. Assenso 1560, registrato nel Quint. 52, f. 246.

Il titolo di Marchese di Gioiosa fu concesso dal Re Filippo 2° a Mi­chele Caracciolo ed eredi mpr. con privilegio del 16 marzo 1594.

  1. Feudo di Romanò (di ha. 330) sito in territorio di Gioiosa.

Pervenuto al suddetto march. Michele Caracciolo per vendita fattagli, per D. 9000, da Inigo d'Aragona de Ajerbe, march. di Grotteria, con R. Assenso 15 maggio 1585, registrato nel Quint. 1, f. 237.

  1. Feudo di Santa Maria delle Grazie (di ha. 30) sito ivi.

Pervenuto allo stesso per vendita fattagli dal medesimo march. di Grotteria per D. 8500, con R. Assenso del 9 gennaio 1590, registrato nel Quint. 8, f. 30.

  1. Terra di Girifalco (ab. 2908) con le seconde cause civili, criminali e miste.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta nel 1683 a Nicola M. Caracciolo, per successione alla prima Casa di Girifalco, successa nel 1634 alla famiglia Ravaschieri.

Il titolo di Duca di Girifalco fu concesso dal Re Filippo 4° a Virginia Ravaschieri, moglie di Annibale Caracciolo e suoi eredi mpr., con privilegio del 20 novembre 1624.

  1. Feudo di Prateria con la giurisdizione criminale del casale di Galatro.

Pervenuto come sopra dalla prima Casa di Girifalco.

  1. Terre di San Demetrio e Stefanaconi (ab. 1488).

Oggi comune di Stefanaconi, meno la frazione S. Onofrio, in prov. di Catanzaro.

Pervenute al Dc. Nicola M. Caracciolo, avo dell'intestataria, per ven-dita fattagli dalla R. Corte, per D. 50.500, il 24 marzo 1700, con R. Assenso del 20 dicembre 1709, registrato nel Quint. 203, f. 114, come dal Cedol. 82, f. 320t.

  1. Terre di San Vito e Cenadi (ab. 2779).

Oggi comuni omonimi in prov. di Catanzaro.

Feudi della prima Casa di Girifalco, che li aveva alienato (sebbene la vendita fosse fittizia), nel 1640.

Rivendicati dal suddetto Dc. Nicola M. da Lucio Caracciolo duca di San Vito, con R. Assenso del 3 ottobre 1725, registrato nel Quint. 241, f. 47t, come dal Cedol. 83, f. 671t.

  1. Terra di San Floro (ab. 765) con la portulania.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta al Dc. Nicola M. Caracciolo predetto per vendita fattagli, per D. 34.000, dal Bar. Cesare Marincola, con R. Assenso del 22 giugno 1711, registrato nel Quint. 205, f. 157, come dal Cedol. 82, f. 347t.

Lo stato feudale dei Caracciolo di Girifalco comprendeva perciò 8 centri abitati, con 12.261 abitanti, su una superficie di oltre 200 Kmq.

Alla duchessa Margherita, morta il 12 febbraio 1802, e moglie di Pompeo Piccolomini, marchese di Montesoro (v.), successe la figlia Anna Piccolomini, moglie di Ettore Pignatelli duca di Manteleone che fu in effetti l'ultima feudataria.

Questo passaggio non è notato nei cedolari.

Va inoltre notato che, per una antica convenzione tra le Case di Gioiosa e di Arena, che prevedeva la sostituzione reciproca in caso di mancanza di maschi dell'una o dell'altra linea, nel 1772 la terra di Gioiosa, con i feudi Romanò e Santa Maria delle Grazie, fu data in «tenuta» al Duca di Soreto Tristano Caracciolo, cui successe nel 1790 il figlio Pasquale.



  1. CARACCIOLO di Soreto (Napoli) Cedolario 86, f. 32

Intestazione 19 luglio 1769

Tristano Caracciolo Duca di Soreto e Marchese d'Arena, per refuta fattagli dal Duca Fabrizio suo padre, stante la rinuncia del primogenito Michele, con R. Assenso 7 aprile 1766:

Terra di Arena (con i casali di Acquaro, Ciano, Dasà, Gerocarne e Limpidi, ab. 6200).

Oggi comuni di Arena, Acquaro, Dasà e Gerocarne in provo di Catanzaro. Superficie complessiva attuale Kmq. 108,79.

Pervenuta a Girolamo Caracciolo duca di Soreto, avo dell'intestatario, per vendita fattagli, per D. 158.000, da Giovan Geronimo Acquaviva, erede della Casa Concublet, con R. Assenso del 25 agosto 1694, esecutoriato il 19 febbraio 1695, e registrato nel Quint. 169, f. l, come dal Cedol. 81, f. 696. Il titolo di Marchese di Arena fu riconcesso all'acquisitore dal Re Carlo 2 con privilegio 1 aprile 1699, esecutoriato il 23 maggio dello stesso anno, e registrato nel Quint. 182, f. 1.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Caracciolo in Appendice al Volume.



  1. CARACCIOLO di Sirignano (Napoli) Cedolario 87, f. 611

Intestazione 21 gennaio 1797

Francesco Caraccio (Duca di Sirignano d'Avella) per successione a Ce-cilia Caracciolo sua madre, deceduta il 17 giugno 1783:

Feudo Montalto o Casale del Conte presso Tropea.

Pervenuto a Gennaro Caracciolo, per successione alla madre Penelope Del Duce deceduta il 31 ottobre 1737.



  1. CARAFA di Belvedere (Napoli) Cedolario 79, f. 600 t

Intestazione 29 luglio 1803.

Francesco M. Carafa Principe di Belvedere per successione al Pr. Carlo M. suo padre deceduto il 29 giugno 1788:

1) Terra di Belvedere ( col casale di Diamante ab 6469) con le prime, seconde e terze cause civili, criminali e miste.

Oggi comuni di Belvedere Marittimo e Diamante, meno la frazione Cirella in prov. Di Cosenza.

Prevenuta ad Ottavio Carafa (Marchese di Anzi) per vendita fattagli, per D. 30.000, da Tiberio Carafa suo zio, con R. Assenso del 22 marzo 1634, registrato nel Quint. 86, f. 11.

Il titolo di Principe di Belvedere fu concesso dal Re Filippo 4° al medesimo Ottavio Carafa e suoi eredi mpr. Con privilegio del 13 novembre 1633, esecutoriato il 30 luglio 1634.

  1. Terra di Bonifati (ab. 2549) con seconde e terze cause, portulania e zecca.

Oggi comune omonimo in provincia di Cosenza.

Pervenuta al Pr. Francesco M. Carafa per successione a sua madre Elisabetta Van den Eynden deceduta il 14 febbraio 1743.

  1. Terra di Mottafollone (col casale di San Sosti ab. 2696) con seconde e terze cause, portulania e zecca.

Oggi comuni omonimi in prov. Di Cosenza.

Pervenuta allo stesso come sopra.

Tutto lo stato di Belvedere comprendeva 5 centri abitati, con 11.714 abitanti, ed una superficie di Kmq. 157,10.

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia Carafa in Appendice al Volume.



  1. CARAFA di Roccella (Napoli) Cedolario 86, f. 131 t

Intestazione 9 dicembre 1774.

Vincenzo Carafa Principe di Roccella per successione al Pr. Gennaro suo padre, deceduto il 31 ottobre 1767:

  1. Terra di Roccella (ab. 3395).

Oggi comune omonimo in prov. di Reggio.

Pervenuta a Giacomo Carafa per acquisto dalla R. Corte nel 1480.

Il titolo di Principe di Roccella fu concesso dal Re Filippo 2° a Fabrizio Carafa con privilegio del 24 marzo 1594.

  1. Terra di Castelvetere (con i casali di Fabrizia e Nardodipace, ab. 7.077).

Oggi comuni di Caulonia in prov. di Reggio, e Fabrizia, Nardodipace e Mongiana in prov. di Catanzaro.

Pervenuta al medesimo Giacomo Carafa per acquisto dalla R. Corte nel 1479.

Il titolo di Marchese di Castelvetere fu concesso dall'Imp. Carlo 5° a Giovan Battista Carafa con privilegio del 5 giugno 1530.

  1. Terra di Grotteria (con i casali di Martone e San Giovanni ab. 4933).

Oggi comuni omonimi in prov. di Reggio.

Pervenuta a Vincenzo Carafa per concessione di Re Federico del 19 ottobre 1496, con possesso effettivo dal 1501; confermata allo stesso dal Re Cattolico nel 1505. Alienata nel 558. Rivendicata con R. Assenso del 26 dicembre 1631, registrato nel Quint. 84, f. 9.

  1. Terra di Siderno (ab. 2868).

Oggi comune omonimo in prov. di Reggio.

Pervenuta a Fabrizio Carafa per refuta fattagli da Livia Spinelli sua madre, con R. Assenso del 22 giugno 1589, registrato nel Quint. 7, f. 248.

  1. Terra di Condoianni (con i casali di Ciminà e Sant'Ilario ab. 1563), con lo. bagliva e la catapania.

Oggi comuni di Ciminà e S. Ilario in prov. di Reggio.

Pervenuta al medesimo Fabrizio Carafa per vendita fattagli all'asta nel S.R.C. contro il patrimonio dei Conti di Condoianni Vincenzo e Giovan Battista Marullo, con R. Assenso del 11 ottobre 1589, registrato nel Quint. 7, f. 276.

  1. Terra di Bianco (con i casali di Casignana e Caraffa ab. 2905) e con la bagliva.

Oggi comuni omonimi in prov. di Reggio.

Pervenuta allo stesso per acquisto come sopra.

  1. Terra di Bruzzano (con i casali di Torre Bruzzano, Motticella e Ferruzzano, ab, 1212), con la bagliva e lo catapania.

Oggi comuni di Bruzzano e Ferruzzano in prov. di Reggio.

Pervenuti per successione ad Ippolita Stayti d'Aragona, marchesa di Brancaleone (+ 17 aprile 1674) moglie di Vincenzo Carafa, il quale vi trasferì il titolo di Duca a lui originariamente concesso sulla terra di Rapolla dal Re Filippo 30 con privilegio del 26 novembre 1621.

  1. Terra di Brancaleone (col casale di Staiti, ab. 1567).

Oggi comuni omonimi in prov. di Reggio.

Pervenuta per successione Staytì come sopra.

Il titolo di Marchese di Brancaleone fu concesso dal Re Filippo 3° a Federico Stayti d'Aragona con privilegio del 10 settembre 1607, esecutoriato il 12 gennaio 1608.

Tutto lo stato di Roccella, uno dei più vasti della regione, comprendeva 20 centri abitati, con 25.523 abitanti, su una superficie complessiva attuale di Kmq. 544,14.

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia Carafa in Appendice al Volume.



  1. de CARDENAS (Napoli)

Cedolario 79, f. 611 t Intestazione 17 dicembre 1805

Giuseppa de Cardenas marchesa di Laino per successione al March. Ferdinando suo padre, deceduto il 12 gennaio 1803:

Terra di Laino (Superiore e Inferiore, ab. 3.389).

Oggi comuni di Laino Borgo e Laino Castello in prov. di Cosenza (Kmq. 96,06).

Pervenuta a Ferrante de Cardenas per vendita fattagli dal Re Federico d'Aragona, per il prezzo di D. 2.500, il 19 maggio 1500; sotto la quale data fu anche concesso al medesimo il titolo di Marchese di Laino.

Per la successione, V. la Genealogia della Famiglia de Cardenas in Appendice al Volume.



  1. CASSANO (Vescovo)

Cedolario 78, f. 248 t Intestazione 1 luglio 1782.

La Mensa Vescovile di Cassano si intesta delle giurisdizioni civili delle terre di Mormanno e Trebisacce concesse da Ugo conte di Chiaromonte nel 1220, e confermate nel 1443 dal Re Alfonso d'Aragona.



  1. CASTIGLIONE MORELLI (Cosenza - Vallelonga)

Cedolario 86, f. 186 Intestazione 20 dicembre 1776

Lelio Castiglione Morelli marchese di Vallelonga per successione al March. Francesco Maria suo avo, deceduto a Vallelonga il 16 giugno 1774:

  1. Terra di Vallelonga (col casale di Nicastrello ab. 1323) con le seconde cause.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta a Lelio Castiglione Morelli seniore per vendita fattagli dalla RC. per D. 14.408, con R Assenso del 20 marzo 1672, registrato nel Quint. 128, f. 132, come al Cedol. 81, f. 450t.

Il titolo di Marchese di Vallelonga fu concesso al medesimo acquisitore dal Re Carlo 2°, con privilegio dato in Madrid il 14 dicembre 1671, esecut. il 10 aprile 1672, e registrato nel Quint. 128, f. 224.

  1. Terra di Chiaravalle (ab. 2513), con le seconde cause.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta al suddetto March. Francesco M. per vendita fattagli per D. 300 da Scipione Parisio Del Cardinale, con R Assenso del 9 luglio 1721, registr. nel Quint. 229, f. 134t, come al Ced. 83, f. 526.

  1. Terra di Gagliato (ab. 793) con le seconde cause, portulania e zecca.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta al suddetto March. Francesco M. per vendita fattagli per D. 45.000 (col feudo Burgorusso poi alienato) dal Duca di Gagliato Giovanni Sanchez de Luna, con R Assenso 13 agosto 1740, registro nel Quint. 282, f. 202, come al Cedol. 85, f. 328t.

  1. Terra di San Nicola (ab. 1463) con le seconde cause.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Già pertinenza della baronia di Vallelonga, di cui fu fatta vendita fittizia per D. 38.000 dal March. Diego Castiglione Morelli ad Ottavio Di Gaeta (il quale vi ottenne il titolo di Duca), con R Assenso 6 luglio 1711, registro nel Quint. 205, f. 1.

Fu retrocessa dal Duca Muzio Di Gaeta al march. Francesco M. Castiglione Morelli con R Assenso del 10 gennaio 1776.



  1. CATALANO GONZAGA (San Marco Argentano) Cedolario 79, f. 409.

Intestazione 24 novembre 1789.

Pasquale Catalano Gonzaga per refuta fattagli dal Bar. Giuseppe suo padre, con R. Assenso 19 dicembre 1780, registr. nel Quint. 316, f. 269:

  1. Terra di Maierà (ab. 1626) con le seconde cause e la bagliva.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuta a Pietro Catalano Gonzaga, avo dell'intestatario, per vendita fattagli, per D., dalla R. Corte, con R. Assenso 7 maggio 1742, registr. nel Quint. 271, f. 1, come dal Cedol. 76, f. 185t.

  1. Terra di Cirella (ab. 303).

Oggi frazione del comune di Diamante in prov. di Cosenza.

Pervenuta ad esso Giuseppe per vendita fattagli, per D. 60.000 dal Principe di Bisignano e dal Conte della Saponara suo figlio, con R. Assenso 7 luglio 1756, registr. nel Quint. 293, f. 24, come dal Cedol. 77, f. 358.

N.B. Il refutante Giuseppe C.G. era anche intestatario, in quell'epoca, della terra di Grisolia (ab. 1473), con seconde e terze cause, zecca e portulania, pervenuta al di lui genitore Pietro per vendita fattagli dai coniugi Duchi di San Donato Paolo M. Sambiase e Maria Cavalcanti, con R. Assenso 30 giugno 1744, registr. nel Quint. 274, f. 279, come dal Cedol, 77, f. 258t.

Sembrerebbe che la terra di Grisolia non sia stata compresa nella presente refuta, né essa risulta ulteriormente intestata. È pertanto da ritenere che, alla morte del Bar. Giuseppe, sia pervenuta per legittima successione al figlio Pasquale.



  1. CATIZZONE (Taverna) Cedolario 87, f. 739 t Intestazione 20 luglio 1802.

Filippo Antonio Catizzone per successione al Bar. Vincenzo suo padre, deceduto il 19 agosto 1799:

Maldotto o Quartieri (quarta parte del feudo), sito in territorio di Taverna. Pervenuto al Rev. Tommaso Catizzone per vendita fattagli da Marcello Blasco, con R. Assenso 1 giugno 1790, come dal Cedol. 87, f. 440t.



  1. CAVALCANTI di Bonvicino (Cosenza) Cedolario 79, f. 279

Intestazione 24 aprile 1783.

Lucio Vincenzo Cavalcanti Duca di Bonvicino per successione al Duca Ippolito suo padre, deceduto il 14 marzo 1782:

Terra di Bonvicino (ab. 1717) con seconde e terze cause, portulania e zecca. Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuta ad Ippolito Cavalcanti, barone di Sartano, per successione alla Baron. Laudomia De Paola sua madre, deceduta il 1° gennaio 1652.

Il titolo di Duca di Bonvicino fu concesso a Lucio Cavalcanti dall'Imp. Carlo 6° con privilegio 20 luglio 1720.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Cavalcanti, in Appendice al Volume.



  1. CAVALCANTI di Caccuri (Cosenza) Cedolario 79, f. 517

Intestazione 16 settembre 1797.

Marianna Cavalcanti Duchessa di Caccuri per successione al Duca Gaetano M. suo padre, deceduto il 15 novembre 1793:

  1. Terra di Caccuri (ab. 1344), con seconde e terze cause civili, criminali e miste, zecca e portulania.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta ad Antonio Cavalcanti del q.m Marzio per vendita fattagli nel S.R.C. contro il patrimonio del Bar. Giovan Battista Cimino, con R. Assenso 17 marzo 1651, registr. nel Quint. 106, f. 46, come dal Cedol. 74, f. 463t.

Il titolo di Duca di Caccuri fu concesso al 2° Barone Marzio dal Re Carlo 2°, con privilegio 14 novembre 1683, esecutor. 14 marzo 1684, e registr. nel Quint. 147, f. 105.

  1. Terra di Sartano (ab. 433) con seconde e terze cause civili, criminali e miste, portulania e zecca.

Pervenuta al Duca Gaetano M. per successione al Bar. Saverio Cavalcanti suo congiunto, con R. Assenso 22 luglio 1785, registr. nel Quint. 316, f. 191, come dal Cedol. 79, f. 350t.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Cavalcanti in Appendice al Volume.



  1. CAVALCANTI di Rota (Cosenza)

Cedolario 79, f. 509 t Intestazione 7 novembre 1796.

Filippo Cavalcanti barone della Rota per successione al Bar. Vincenzo suo padre, deceduto il 31 gennaio 1786:

Terra di Santa Maria la Rota e Mangalavita (ab. 796), con seconde e terze cause, portulania e zecca.

Oggi comune di Rota Greca in prov. di Cosenza.

Pervenuta a Filippo Cavalcanti seniore per vendita fattagli, per D. 28.771, dalla Baron. Violante Cavalcanti, con R. Assenso 10 ottobre 1659, registr. nel Quint. 113, f. 210, come al Cedol 74, f. 290t.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Cavalcanti in Appendice al Volume.




  1. CAVALCANTI di Verbicaro (Cosenza) Cedolario 79, f. 501 t

Intestazione 30 luglio 1796.

Michelangelo marchese Cavalcanti barone di Verbicaro per successione al march. Francesco suo padre, deceduto il 27 gennaio 1795:

Terra di Verbicaro col feudo San Biase (ab. 3248) con seconde e terze cause e la Bagliva.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuta a Curzio Cavalcanti per vendita fatta ad Angelo de Matera, suo prestanome, per D. 40.500, dal Bar. Antonio Castelar, con R. Assenso 16 novembre 1629, esecutor. 10 luglio 1630 e registr. nel Quint. 80, f. 219t, come al Cedol. 73, f. 23t.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Cavalcanti in Appendice al Volume.



  1. de CICCO (San Procopio) Cedolario 87, f. 426

Intestazione 23 giugno 1790.

Antonia de Cicco per successione al Bar. Antonio suo padre, deceduto col terremoto del 5 febbraio 1783:

Feudo Marescotti sito in territorio di Oppido, con prime e seconde cause civili, criminali e miste.

Pervenuto ad Antonio de Cicco seniore per vendita fattagli dal Bar. Annibale Sartiano, con R. Assenso 16 marzo 1682, registro nel Quint. 143, f. 72, come al Cedol. 81, f. 563.

Successe (1726) il nipote ex filio Francescantonio, avo dell'intestataria.



  1. CIGALA (Napoli)

Cedolario 87, f. 399 t Intestazione 4 aprile 1789.

Luigi Cigala Principe di Tiriolo per successione al Pro Giovan Battista suo padre, deceduto il 25 aprile 1787:

  1. Terra di Tiriolo (coi casali di San Pietro, Miglierina e Settingiano ab. 7037) con seconde cause civili, criminali e miste.

  2. Terra di Gimigliano (coi casali di Gimigliano Inf., Carlopoli e Cicala ab. 6.773) con seconde cause civili, criminali e miste.

  3. Terra di Roccafallucca (coi casali di Arenuso e Carafa ab. 680) con le seconde cause civili, criminali e miste.

  4. Stato feudale (ab. 14.490), corrispondente agli attuali comuni di Tiriolo, Miglierina, San Pietro, Settingiano, Gimigliano, Carlopoli, Cicala e Carafa in prov. di Catanzaro; superficie complessiva Kmq. 151,22.

  5. Pervenuto tutto lo stato di Tiriolo al conte Carlo Cigala del fu Visconte, patrizio genovese dimorante a Messina, per vendita fattagli, per D. 70.000, dal Duca di Nocera Francesco M. Carafa, con R. Assenso 31 luglio 1610, registro nel Quint. 42, f. 228t, come al Cedol. 80, f. 10.

  6. TI titolo di Principe di Tiriolo fu concesso all'acquisitore dal Re Filippo 4° con privilegio 29 luglio 1630.

  7. Il titolo di Duca di Gimigliano fu concesso al 4° Principe Giovan Battista dall'Imp. Carlo VI° nel 1713.

  8. Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Cigala in Appendice al Volume.


  1. CLEMENTE (Santa Cristina) Cedolario 87, f. 445

Intestazione 14 aprile 1791.

Alessandro Clemente Marchese di San Luca per successione al March. Lorenzo suo padre, deceduto il 10 aprile 1790:

  1. Terra di Placanica (ab. 1074) con le seconde cause, portulania e zecca.

Oggi comune omonimo in prov. di Reggio.

Pervenuta a Lorenzo Clemente, figlio del premorto Francesco, per successione (1681) alla sua ava Francesca Musitano moglie di Alessandro Clemente da Santa Cristina.

  1. Terra di San Luca (già Potamia, ab. 1262) con la bagliva e la catapania.

Oggi comune omonimo in prov. di Reggio.

Pervenuta al medesimo Lorenzo Clemente per vendita fattagli, per D. 23.000, da Carlo Saverio Gambacorta duca di Ardore, con R. Assenso 9 gennaio 1675, registr. nel Quint. 132, f. 195, come al Cedol. 81, f. 478.

Il titolo di Marchese di San Luca fu concesso al medesimo acquisitore dal Re Carlo con privilegio del 16 dicembre 1693, esecutor. 6 .1694, e registr. nel Quint. 165, f. 188.

  1. Terra di Pentedattilo (coi casali di Melito e Chorio ab. 1284) con le seconde cause e la bagliva.

Oggi comune di Melito Porto Salvo in prov. di Reggio.

Pervenuta a Lorenzo 2° Clemente, nipote ex fi1io del precedente e padre dell'intestatario, per vendita fattagli, per D. 68.000, da Letterio Caracciolo, Marchese di Brienza e di Pentedattilo, erede di Casa Alberti, col patto che dovesse rimanere estinto il titolo di Marchese incardinato su questa terra; e ciò con R. Assenso 11 gennaio 1760, come al Cedol. 85, f. 554.



  1. COSCIA (Catanzaro)

Cedolario 87, f. 428.

Intestazione 14 luglio 1790.

Saverio Coscia per successione al Bar. Francesco suo padre, deceduto il 3 dicembre 1788:

Feudo Mastro Ruggero, sito in territorio di Simeri.

Pervenuto ad esso Francesco Coscia per vendita fattagli, per D. 12.000, dal Duca di Simari Saverio Barreta, con R. Assenso 11 aprile 1774, registrato nel Quint. 309, f. 397, come dal Cedol. suddetto.



  1. COSCO (Albi)

Cedolario 86, f. 104 t Intestazione 21 aprile 1773.

Vincenzo Cosco per successione al Bar. Francesco suo padre, deceduto in Albi il 5 febbraio 1772:

Metà Feudo Staglio Grande a Cardito

Pervenuto al predetto Dott. Fisico Francesco Cosco per vendita fattagli dalla Baron. Giovanna Poerio con R. Assenso 17 agosto 1750, registro nel Quint. 292, f. 71, come al Cedol. 85, f. 44lt.



  1. COSENTINO (Cosenza)

Cedolario 79, f. 465.

Intestazione 4 aprile 1793.

Geronimo Cosentino per acquisto come appresso:

Feudo Capalbo o Cuscini, sito nella Sila.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli per D. 7.003, dalla R. Azienda di Educazione, con R. Assenso 20 marzo 1792, registro nel Quint. 319, f. 242.



  1. CRIVELLI (Napoli) Cedolario 78, f. 212 t Intestazione 18 luglio 1781.

Alfonso Crivelli Duca di Rocca Imperiale per successione al fu Duca Francesco suo padre (+ 1780):

Terra di Bollita (ab. 1571) con le seconde cause e la bagliva.

Oggi comune di Nova Siri in prov. di Matera.

Pervenuta ad Alfonso Crivelli seniore, avo dell'intestatario., per vendita fattagli dal march. Alessandro Raimondi con istrumento 12 giugno 1717, e successiva ricognizione

e dichiarazione di dominio in favore del di lui figlio Francesco, con R. Assenso 8 agosto 1778, registro nel Quint. 313, f. 114, come dal Cedol. suddetto.



  1. DATTILO (Cosenza) Cedolari o 77, f. 377 t Intestazione 31 marzo 1758.

Cleria Dattilo per successione al Bar. Andrea suo fratello, deceduto il 29 luglio 1753:

Feudo Gazzella sito in territorio di Carolei.

Pervenuto a Raimondo Dattilo, patrizio cosentino, per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 8118, contro il patrimonio del fu Bar. Francesco Cavalcanti, e ciò in seguito a provvisìone della R. Camera della Sommaria del 13 maggio 1654 e successiva intestazione 29 ottobre 1654 nel Cedol. 73, f. 192.

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia Dattilo in Appendice al Volume.


  1. DOCIMO (Castiglione Cosentino) Cedolario 79, f. 431 t

Intestazione 16 marzo 1790.

Pietro Docimo per successione al Bar. Giuseppe suo padre, deceduto il 17 marzo 1789:

Feudo Sacco sito nel casale di Altavilla presso Cosenza.

Pervenuto a Carlo Docimo da Castiglione per vendita fattagli dal Bar. Pietro Fulvio Greco con R. Assenso 22 marzo 1725, registro nel Quint. 246, f. 299, come al Cedol. 76, f. 131.

Gli successe (1747) il figlio Pietro (+ 1784), avo dell'intestatario.



  1. de DOMINICIS (Aiello) Cedolario 87, f. 657 t

Intestazione 16 maggio 1800.

Lelio de Dominicìs per refuta fattagli da Lorenzo suo padre:

Terra di Zagarise col casale di Sersale (ab. 3271):

Oggi comuni omonimi in prov. di Catanzaro.

Pervenuta al predetto Lorenzo per vendita fattagli, per D. 42.000, da Pietrantonio Le Piane, barone di Savuto, con R. Assenso del 5 dicembre 1798. come dal Cedolario 87, f. 649t.



  1. DORIA (Napoli) Cedolario 87, f. 791 t Intestazione 30 dicembre 1803.

Marcantonio Doria Principe di Angri per successione al Pr. Giovan Carlo suo padre:

  1. Feudo di Tacina sito in territorio di Cutro.

Pervenuto ad Agostino Doria per vendita fattagli da Francesco M. Carafa duca di Nocera, con R. Assenso 5 maggio 1595, registro nel Quint. 18, f. 22.

  1. Feudo di Massanova con Gariglietto, Valleperrotta e Macchia di Fasano, con le prime e seconde cause civili, criminali e miste e con la bagliva.

Pervenuto a Marcantonio Doria seniore per vendita fattagli, per D. 26.000, dal Bar. Marcello Firrao, con R. Assenso 1618, registro nel Quint. 62, f. 162, come dal Cedol. 81, f. 36lt.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Doria in Appendice al Volume.



  1. d'ESTE CYBO (Modena)

Cedolario 79, f. 454 t

Intestazione 26 aprile 1792.

S.A.R. la Princ. Beatrice Cybo d'Este, Duchessa di Modena, per successione come appresso:

Terra di Ajello (con i casali di Lago, Laghitello, Serra e Terratì ab. 8.108) con le seconde cause.

Oggi comuni di Aiello, Lago e Serra Aiello in provo di Cosenza, con superf. comples. Kmq. 92,17.

Pervenuta all'intestataria come figlia ed erede di S.A.S. la Princ. Teresa Cybo, Duchessa di Ajello, deceduta il 25 dicembre 1790.

Il titolo di Duca di Ajello era stato concesso ad Alberico Cybo Malaspina dal Re Filippo 3° con privilegio del 23 giugno 1605.

N.B. Fin dal 30 ottobre 1787 lo Stato di Ajello era posseduto «in tenuta» da Carlo Di Tocco, principe di Montemiletto, per cessione della predetta princ. Teresa Cybo, sua cognata.

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia Cybo in Appendice al Volume.



  1. FAVA (Amantea) Cedolario 78, f. 267 Intestazione 21 gennaio 1783

Daniele Antonio Fava patrizio di Amantea per successione al Bar. Francesco suo padre, deceduto in Amantea il 15 febbraio 1777:

Mulino e Giardino feudale in Amantea, già detto Mulino di Calocastro. Pervenuto a Giulio Cesare Fava per vendita fattagli da Giovan Vincenzo de Curato, con R. Assenso del 9 gennaio 1550, registro nel Quint. 63, f. 189, come dal Cedol. 74, f. 552.



  1. FAZZARI (Tropea)

Cedolario 87, f. 777 Intestazione 4 aprile 1803.

Ferdinando Fazzari patrizio di Tropea per morte del Bar. Francesco suo fratello, seguita il 24 marzo 1783:

Feudo Jacolino, sito in territorio di Mileto e Francica.

Antico possesso della famiglia (1288).

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia Fazzari in Appendice al Volume.




  1. FERRARI (Catanzaro)

Giuseppe Ferrari di Gioacchino:

A) Cedolario 86, f. 1 t

Intestazione 18 febbraio 1767 per refuta fattagli dal Bar. Filippo suo zio, con R. Assenso 16 maggio 1766:

Feudo Clima sito in territorio di Belcastro.

Pervenuto a Francesco Ferrari per successione alla Baron. Camilla Piterà sua madre (1571).

  1. Cedolario 87, f. 461 t

Intestazione 31 agosto 1791 per azione di rivendica come appresso:

Feudo Tornafranza presso Catanzaro.

Pervenuto al Bar. Giuseppe Ferrari seniore per successione alla Baron. Porzia Susanna sua zia materna, deceduta nel 1637.

Alienato nel 1758 a Gaetano Barba col patto di retrovendita, fu rivendicato dall'intestatario contro Domenico Barba, con R. Assenso 22 agosto 1787, registro nel Quint. 318, f. 147.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Ferrari in Appendice al Volume.



  1. FERRARI (Taverna) Cedolario 86, f. 238 t Intestazione 7 novembre 1780.

Giovan Battista Ferrari per sucessione al Bar. Sebastiano suo padre, deceduto in Taverna il 14 febbraio 1771:

Feudo Staglio Grande a Cardito (sezione del feudo, costituente parte della metà dell'ottava parte del feudo Poerio).

Pervenuto al suddetto Sebastiano Ferrari per vendita fattagli per D. 770 dal Bar. Giuseppe Poerio fu Giacinto, con R. Assenso 16 marzo 1741, registro nel Quint. 267, f. 313t, come al Cedol. 84, f. 202t.

N.B. L'altra metà del feudo Staglio Grande a Cardito si possiede dalla famiglia Cosca.



  1. FILO MARINO (Napoli) Cedolario 86, f. 88

Intestazione 26 febbraio 1772.

Giovan Battista Filomarino (Principe di Roccadaspro) per successione al Pr. Giovan Battista suo avo paterno, deceduto il l° aprile 1770:

  1. Terre di Cotronei e Policastro (ab. 4853) con gli introiti feudali, le prime e seconde cause e feudo Rivioti.

Oggi comuni di Cotronei e Petilia Policastro in prov. di Catanzaro; superf. comples. Kmq. 174,56.

Pervenute al predetto principe Giovan Battista seniore per vendita fattagli, per D. 85.000, da Carlo Caracciolo duca di Belcastro, con R. Assenso 27 aprile 1711, registr. nel Quint. 205, f. 120, come al Cedol. 82, f. 353t.

  1. Feudo Fungardo sito in territorio di Castella, di tomolate 60 e costituente la metà dell'ottava parte del feudo Poerio.

Pervenuto al medesimo per vendita fattagli, per D. 300, dal Bar. Domenico Marincola, con R. Assenso 2 gennaio 1740, registr. nel Quint. 269, f. 268, come al Cedol. 84, f. 209t.

  1. Stato di Roccabernarda, Castella, Cutro, San Giovanni Minagò (ab. 3041) col jus Ancoraggi di Calabria Citra e Calabria Ultra.

Oggi comuni di Roccabernarda e Cutro più la frazione Castella del comune di Isola in provo di Catanzaro; con sup, cornpl. Kmq. 197,39. Pervenuto tutto lo stato a Francesco Filomarino principe della Roccadaspro per vendita fattagli da Francesco Ruffo principe di Scilla con R. Assenso 6 ottobre 1661.

Il titolo di Conte di Castella è probabilmente quello originariamente concesso sulla terra di Roccadaspro (1559), ed ivi trasferito al mo­mento dell'acquisizione del feudo.

Tutto lo stato feudale dei Filomarino comprende N. 6 centri abitati, con 7.894 abitanti ed una superficie complessiva di Kmq. 371,95.

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia Filomarino in Appen­dice al Volume.



  1. de FIORE (Nicastro) Cedolario 87, f. 752 t Intestazione 23 ottobre 1802.

Pietro de Fiore per successione al Bar. Basilio suo padre deceduto il 28 febbraio 1801:

Terra di Cropani (ab. 1128) con le seconde cause.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta a Basilio de Fiore seniore, barone di Stalattì, per vendita fattagli, per D. 41.600, da Domenico de Fiore marchese di Simari, con R. Assenso 20 febbraio 1734, registr. nel Quint. 288, f. 132, come al Cedol, 87, f. 688t.

Gli successe (1751) il fratello Pietro (+1795) avo dell'intestatario.



  1. De FIORE (Catanzaro) Cedolario 87, f. 691 t Intestazione 26 febbraio 1801.

Raffaele de Fiore per acquisto come appresso:

Feudo Tota o Fate presso Santa Severina.

Pervenuto allo stesso per vendita fattagli dal Bar. Nicola Piterà da Cutro, con R. Assenso 8 agosto 1798.



  1. FIRRAO (Cosenza-Napoli)

Tommaso Firrao Principe di Sant'Agata e di Luzzi per successione al Pr. Pier Maria suo padre, deceduto il 22 novembre 1776:

  1. Cedolario 78, f. 185.

Intestazione 23 novembre 1779:

  1. Terra di Luzzi (ab. 2911) con seconde e terze cause, portulania e zecca.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuta a Cesare Firrao per vendita fattagli, per D. 56.000, dal Bar. Marcello Spadafora, con R. Assenso del 3 aprile 1614, registr. nel Quint. 52, f. 28.

II titolo di Principe di Luzzi fu concesso dall'Imper. Carlo 6° a Pietro M. Firrao con privilegio 9 dicembre 1733, esecutor. 6 marzo 1734, e registr. nel Quint. Titul. 13, f. 166.

  1. Terra di Fagnano (ab. 1804).

Oggi comune omonimo, meno la frazione San Lauro, in prov. di Cosenza.

Pervenuta al predetto Cesare Firrao, pr. di Sant'Agata, per vendita fattagli dalla Baron. Elena Falangola Pignatelli, con R. Assenso 27 novembre 1622, registr. ne! Quint. 70, f. 92.

  1. Terra di Joggi (ab. 278).

Oggi frazione del comune di S. Caterina Albanese in prov. di Cosenza.

Pervenuta al Pr. Pier Maria Firrao in virtù di R. Assenso 30 luglio 1770, registr. nel Quint. 307, f. 317, che convalidava una precedente vendita fatta a suo padre Tommaso dal Duca di San Donato il 2 dicembre 1686, senza il R. Assenso.

  1. Terra di Rose (ab. 2132) con seconde e terze cause, portulania e zecca.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuta al Pr. Tommaso Firrao per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 143.000, contro il patrimonio del Marchese di Rose Giovanni Salerno, con R. Assenso 8 ottobre 1729, registr, nel Quint. 244, f. 274.

  1. Terra di San Gineto (ab. 1688) col feudo Crete e con seconde e terze cause, portulania e zecca.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuta al Pr. Tommaso Firrao predetto per vendita fattagli all'asta nel S.R.C. contro il patrimonio del fu Marchese di San Gineto Tommaso Majorana, con R. Assenso 29 maggio 1737, registr. nel Quint. 259, f. 250.

  1. Cedolario 79, f. 289 t

Intestazione 20 settembre 1784

  1. Terra di Sant'Agata (ab. 1664) con seconde e terze cause, portulania e zecca.

Oggi comune di S Agata all'Esaro in prov. di Cosenza.

Pervenuta a Tommaso Firrao seniore per vendita fattagli, per D. 40.000 da Muzio Telesio principe di Bonifati, con R Assenso l0 maggio 1647 registr. nel Quint. 104, f. 143t.

II titolo di Principe di Sant' Agata fu riconcesso dal Re Filippo 4° al medesimo Tommaso Firrao e suoi eredi mpr. con privilegio 5 luglio 1651, esecutor. Il 3 novembre 1651, e registr. nel Quint. Titul, 6, f. 178t.

Comprendente tutto lo stato feudale dei Firrao, N. 6 centri abitati, con 10.477 abitanti e con una superf comples. di Kmq. 228,53.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Firrao in Appendice al Volume.



  1. di FRANCIA (Monteleone) Cedolario 86, f. 197

Intestazione 7 gennaio 1777.

Diego di Francia barone di Santa Caterina per successione al Bar. Francesco suo padre, deceduto il 12 dicembre 1775.

Terra di Santa Caterina (ab. 2.051) con la portulania

S t C t . a.

Oggi comune di Santa Caterina Jonica in prov. di Catanzaro.

Pervenuta al suddetto Francesco Di Francia' per vendita fattagli, per D. 46.000, dal Duca di Monasterace Francescantonio Perrelli con R. As­senso 7 settembre 1759, registr., nel Quint. 299, f 274, come al Cedol. 85, f. 595.



  1. FRANCO (Seminara)

Enrico de Franco per successione al Bar. Domenico suo padre, deceduto il 29 novembre 1762:

  1. Cedolario 85, f. 637

Intestazione 18 marzo 1765.

Terra di Precacore (col casale di Sant'Agata ab. 950) con la bagliva e la catapania.

Oggi comuni di Samo e Sant'Agata del Bianco in prov. di Reggio Cal. Pervenuta al predetto Domenico de Franco per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 55.200, contro il patrimonio del Principe di Cosoleto Giuseppe Antonio Tranfo, con R. Assenso 15 giugno 1743, come al Cedol. 85, f. 241.

  1. Cedolario 85, f. 653.

Intestazione 30 settembre 1766.

Feudo Paterna sito in territorio di Seminara.

Pervenuto al medesimo per vendita fattagli, per D. 3.250, dal Bar. Gaetano Spina, con R. Assenso 8 agosto 1758, registro nel Quint. 304, f. 56.



  1. FRIOZZI (Capua) Cedolario 87, f. 629 Intestazione 24 dicembre 1799.

Ignazio Friozzi del march. Lorenzo per acquisto come segue:

Terra di Torrisola (Isola, ab. 1890).

Oggi comune di Isola Capo Rizzuto, meno la frazione Castella, in prov. di Catanzaro.

Pervenuta all'intestatario per vendita fattagli, per D. 196.500, dal patrimonio del Duca di Montesardo e Principe di Torrisola Fulvio Gennaro Caracciolo, con R. Assenso 25 giugno 1798.



  1. GALLELLI (Badolato)

Intestazione 26 novembre 1658 a don Luca Gallelli, e per esso e i suoi eredi. Notaio Francesco Antonio, Infrascriptus, testimoni, barone don Giovanni Batta, don Giuseppe Bulotta, Plinio Anilio, Filippo Bascio, e Carlo Pagano. Archivio di stato di Catanzaro, notaio N.A. Cundo’ folii in tre facciate, volume 6201 busta 971 anno 1770. Retrofeudo concesso con Regio assenso, sotto il Regno di Filippo IV di Spagna, e il vicereame di Garcia de Avellaneda Jharo, per volontà del Principe di Belmonte don Daniele Domenico Ravaschieri, utile signore della terra di Badolato, e dei suoi territori.

Ultimo intestatario, Antonio Gallelli per successione come appresso:

Feudo di Badolato sito in territorio di Catanzaro, pervenuto all'intestatario per successione al padre.



  1. GALLUCCI (Cotrone) Cedolario 86, f. 247 t Intestazione 4 luglio 1781.

Francesco Gallucci per successione come appresso:

Feudo Carbonara o Sacchetta sito in territorio di Cotrone, Cutro e Isola. Pervenuto all'intestatario per successione alla Baron. Rosa Del Castillo, sua madre, deceduta il 13 gennaio 1776.




  1. GIANNUZZI SAVELLI (Ajello-Cosenza)

Cedolario 78, f. 219.

Intestazione 17 agosto 1781

Domenico Giannuzzi Savelli barone di Pietramala per successione al Bar. Odoardo suo padre, deceduto a Pietramala il 31 marzo 1781:

Terra di Pietramala (ab, 1559).

Oggi comune di Cleto, meno la frazione Savuto, in prov. di Cosenza. Pervenuta ad Ercole Giannuzzi per vendita fattagli, per D dal Principe di Castiglione Carlo d'Aquino, con R. Assenso 2 gennaio 1616, registr. nel Quint. 58, f. 40, come al Cedol. 75, f. 39 e Cedol. 77, f. 369t.

Gli successe (1637) il figlio Odoardo (+ 1703) ed a questi il figlio Filippo (+1752) avo dell'intestatario.



  1. GIANNUZZI SAVELLI (Ajello-Cosenza)

Cedolario 79, f. 526 t

Intestazione 15 novembre 1797.

Tommaso Giannuzzi Savelli Principe di Cerenzia per successione al Pr. Ercole suo padre, deceduto a Belvedere il 9 aprile 1791:

  1. Terra di Cerenzia (col casale di Casino ab. 1358) con la catapania;

  2. Terra di Montespinello (ab. 510);

  3. Terra di Belvedere col feudo Malapezza (ab. 539);

  4. Feudo Poligroni con le prime e seconde cause e la bagliva.

Oggi comuni di Cerenzia, Castelsilano e Belvedere Spinello in provo di Catanzaro, con superf. comples. di Kmq. 93,98.

Pervenuto tutto lo stato al predetto Pro Ercole per successione alla Princ. Ippolita Rota sua madre, deceduta in Napoli il 27 ottobre 1785.

Il titolo di Principe di Cerenzia fu concesso dall'Imp. Carlo 6° al Bar. Tommaso Rota con privilegio dato in Vienna il 14 agosto 1717, esecutor. 27 novembre 1717 e registr. nel Quint. 222, f. 53t, come al Cedol. 75, f. 182.



  1. GIGLIO (Taverna)

Cedolario 86, f. 182 t

Intestazione 20 dicembre 1776.

Antonio Giglio per successione al Bar. Tommaso suo padre, deceduto in Sorbo di Taverna il 3 agosto 1775:

Feudo Montibus detto anche Limbri o Marincola, sito in territorio di Taverna.

Pervenuto ad Antonio Giglio seniore, avo dell'intestatario, per vendita fattagli per D. 1.800 da Alfonso Poerio barone di Belcastro, con R. Assenso 21 luglio 1721, registro nel Quint. 231, f. 293, come al Cedol. 83, f. 548.



  1. de GRAZIA (Mesoraca) Cedolario 86, f. 215 t

Intestazione 20 giugno 1778.

Marco de Grazia per acquisto come appresso:

Feudo Fangella o Cugno del Conte, pertinenza del feudo Rivioti in

territorio di Mesoraca.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli dal Bar. Cesare Olivieri, con R. Assenso del 26 marzo 1778.



  1. De GREGORIO (Messina)

Leopoldo De Gregorio per acquisto come segue:

  1. Cedolario 85, f. 275 Intestazione 29 novembre 1748.

Terra di Mammola (col casale di Agnana ab. 5072) con le seconde cause civili, criminali e miste e la catapania.

Pervenuta all'intestatario per vendita fattagli, per D. 66.000, dal Duca di Casalicchio Ignazio Barretta, con R. Assenso 22 agosto 1748, registro nel Quint. 281, f. 7.

Oggi comuni omonimi in prov. di Reggio Cal. con superf. comples. Kmq. 88,91.

  1. Cedolario 85, f. 382 t Intestazione 14 giugno 1755

Stato di Squillace (con i casali di Amarone, Borgia, Centrache, Olivadi, Palermiti, S. Elia e Stalattì ab. 12.175).

Oggi comuni omonimi (S. Elia = Vallefiorita) in prov. di Catanzaro con superf. comples. Kmq. 144,44.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli dalla R. Corte, per D. 110.261, con R. Assenso 14 febbraio 1755, registr. del Quint. 291, f. 1. Il titolo di Marchese di Squillace fu concesso all'intestatario dal Re Carlo 3° con privilegio del 27 marzo 1755, registro nel Quint. 290, f. 36.

  1. Cedolario 85, f. 633 Intestazione 25 ottobre 1764

Feudo Guarna o Palermiti o Malatina sito nel casale di Palermiti.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli, per D. 8175, dal Duca di Petrizzi Pietro Marincola, con R. Assenso del 22 giugno 1764, registr. nel Quint. 303, f. 60.

Entità di tutto lo stato feudale dei De Gregorio centri abitati N. 10 abi­tanti 17.247, su una superf. comples. di Kmq. 233,35. L'intestatario morì nel 1785 e gli successe il figlio Francesco. Questi morì il 14 marzo 1801 e gli successe il figlio Leopoldo, che fu l'ultimo feudatario.

Questi passaggi non sono notati nei Cedolari.



  1. GREUTHER (Colonia-Napoli)

Cedolario 85, f. 372.

Intestazione 27 maggio 1754.

Antonio Greuther Duca di Santa Severina per successione al duca Gennaro suo padre, deceduto il 27 gennaio 1753:

Terra di Santa Severina (coi casali di San Mauro e Scandale ab. 5852). Oggi comuni omonimi meno la frazione Altilia di Santa Severina in prov. di Catanzaro; superf. comples. Kmq. 147,55.

Pervenuta ad Antonio Greuther per vendita fattagli dalla R. Corte per D. 93.000, con R. Assenso 23 settembre 1691, esecutor. 24 novembre 1692, e registro nel Quint. 158, f. 215, come al Cedol. 81, f. 627.

Il titolo di Duca di Santa Severina fu concesso al medesimo acquisitore dal Re Carlo 2° con privilegio dato in Madrid il 7 aprile 1692, esecut. 22 maggio 1692 e registro nel Quint. 212, f. 72.

Al primo Duca successero (1733) i figli Pier Mattia (+ 1751) e Gennaro, padre dell'intestatario. Quest'ultimo morì il 15 febbraio 1804 e gli successe il figlio Gennaro, che fu in effetti l'ultimo feudatario. Questo passaggio non è notato nei Cedolari.



  1. GRIMALDI (Genova-Napoli)

Cedolario 86, f. 304.

Intestazione 14 gennaio 1784.

Maria Antonia Grimaldi Principessa di Gerace per successione alla Princ. Teresa Grimaldi sua madre, deceduta a Casalnovo col terremoto del 5 febbraio 1783:

  1. Città di Gerace (coi casali di Antonimina, Canolo e Portigliola ab. 5.994) con la mastrodattia.

Oggi comuni di Locri, Gerace, Antonimina, Canolo e Portigliola in prov. di Reggio, superf. Kmq. 110,85.

  1. Stato di Terranova (coi casali di Galatona, Molochio, Radicena, Jatrinoli, Rizziconi, San Martino e Casalnovo ab. 5.627).

Oggi comuni di Terranova, Taurianova, Cittanova, Rizziconi e Molochio in prov. di Reggio, superf. Kmq. 195,70.

  1. Terra di Gioia (ab. 379).

Oggi comune di Gioia Tauro in prov. di Reggio, superf. Kmq. 38,99.

Tutto lo stato (comprendente nel 1794 13 centri abitati, 12.000 abitanti e una superf. comples. di Kmq. 345,54) pervenne al patrizio genovese Giovan Battista Grimaldi, alias Giannetto Piccamiglio, per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., insieme col titolo di Duca di Terranova, e per D. 280.000, contro Tommaso De Marinis, con R. Assenso 26 febbraio 1574, esecutor. il 21 settembre dello stesso anno, e registr. nel Quint. 85, f. 54.

Il titolo di Principe di Gerace fu concesso dal Re Filippo 3° a Giovan Geronimo Grimaldi con privilegio 18 febbraio 1609.

Lo stesso ebbe anche concesso nel 1654 il titolo di Marchese di Gioia, il cui diploma originario di concessione sembra irreperibile.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Grimaldi in Appendice al Volume.



  1. GRIMALDI (Catanzaro)

Cedolario 86, f. 154 t.

Intestazione 30 gennaio 1776.

Gregorio Grimaldi per sucessione al Bar. Saverio suo padre deceduto il 6 novembre 1772:

Feudo Ipato o San Pietro sito in territorio di Catanzaro.

Pervenuto a Giovan Battista Grimaldi per vendita fattagli da Vitaliano Bonelli da Catanzaro nel 1612.

Gli successero (1620) i figli Giacinto (+ 1622) e Ignazio (+ 1683); a questi il figlio Domenico che, fattosi religioso, refutò dopo un anno al fratello Francesco, il quale refutò nel 1728 a Saverio suo nipote (ex fratre Girolamo), padre dell'intestatario.



  1. INTERZATI (Rossano) Cedolario 79, f. 521 t

Intestazione 20 settembre 1797.

Francesco Saverio Interzati per successione al Bar. Pasquale suo padre deceduto il 30 dicembre 1794:

Feudo Pipino, sito in territorio di Scala.

Confermato nel 1484 da Re Ferrante d'Aragona ad Aquilante Interzati del fu Antonello.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Interzati in Appendice al Volume.



  1. LUCA' (Cutro) Cedolario 87, f. 639 t Intestazione 6 febbraio 1800.

Francesco Saverio Lucà per successione come appresso:

Feudo Poerio, sezione Marrella o Baldella presso Taverna, costituente la

metà.dell'ottava parte del feudo Poerio.

Pervenuto all'intestatario per successione alla Baron. Teresa Mannarino Poerio, sua ava paterna, deceduta il 13 novembre 1797.



  1. LUCIFERO (Cotrone) Cedolario 85, f. 353

Intestazione 20 novembre 1752.

Giuseppe Lucifero Marchese di Aprigliano per successione al March. Francesco suo padre, deceduto il 28 novembre 1751:

Feudi di Aprigliano e Pescina con l'Ufficio di Mastrodatti del casale di Apriglianello (ab. 100).

Pervenuti a Fabrizio Lucifero, avo dell'intestatario, per vendita fattagli, per D. 11.850, da Antonia Suriano, Innocenza De Filippis e Antonio Sambiase, rispettivamente madre, figlia e genero, con R. Assenso 22 dicembre 1699, registro nel Quint. 184, f. 165t, come al Cedol, 82, f. 135t.

Il titolo di Marchese di Aprigliano fu concesso dal Re Filippo 5° al predetto acquisitore con privilegio del 24 settembre 1703, esecutor. 24 novembre 1703 e registr. nel Quint. 285, f. 121.



  1. LUCIFERO (Cotrone) Cedolario 86, f. 16 t Intestazione 22 aprile 1768.

Francescantonio Lucifero per successione al Bar. Dionisio suo padre, deceduto il 16 settembre 1765:

Bagliva di Cotrone e Papanice.

Corpo feudale pervenuto a Giuseppe Lucifero, avo dell'intestatario, co­me marito di Fulvia Barricellis e per cessione fattagli a titolo dotale dal suocero Antonio Barricellis, con R. Assenso del 30 gennaio 1713, registr. nel Quint. 212, f.2lt, come dal Cedol. 83, f. 579.

Meligrana Lucifero per transazione ed accordo col R. Fisco trattandosi di feudo mai tassato:

Feudo Gangemi sito in territorio di Badolato.

Pervenuto ad Agazio Lucifero nel 1508 per concessione fattagli da Adamo Toraldo barone di Badolato.

Confermato da Carlo 5° al figlio Scipione Lucifero il 29 gennaio 1536.

Gli successero i fratelli Alfonso e Francesco, cui seguirono, di padre in figlio, Pietrantonio, Francesco e Domenico (+ 1724). A questi successe l'intestataria sua nipote ex filio Francesco premorto.



  1. LUPINACCI (Cosenza) Cedolario 79, f. 608.

Intestazione 7 giugno 1805.

Stanislao Lupinacci patrizio cosentino per successione al Bar. Luigi suo fratello, deceduto il 22 ottobre 1803:

Feudo Scalzati o Ponticelli sito in territorio di Luzzi.

Pervenuto a Giuseppe Lupinacci, padre dell'intestatario, per successione alla Baron. Felicia Antonia Cugini sua madre, deceduta il 2 aprile 1742.



  1. MALENA (Rossano) Cedolario 79, f. 539 t Intestazione 25 settembre 1801.

Francesco Malena Marchese di Scarfizzi per successione al March. Vincenzo suo padre, deceduto in Napoli 16 febbraio 1799:

Terra di Scarfizzi (ab. 700) col feudo Crisma o Carfidi, e con le prime e

seconde cause civili, criminali e miste, mastrodattia, bagliva e

portulania. Oggi comune di Carfizzi in prov. di Catanzaro.

Pervenuta a Francesco Malena per vendita fattagli, per D. 52.000, dal patrimonio dei Duchi di Scarfizzi Crispano, e dal medesimo donata al figlio Nilo, e ciò con unico R. Assenso del 31 marzo 1767, registro nel Quint. 304, f. 86, come al Cedol. 78, f. ru.

I! titolo di Marchese di Scarfizzi è quello concesso originariamente sul cognome dal Re Ferdinando 4° di Borbone al predetto Nilo Malena e poi incardinato sulla terra di Scarfizzi con privilegio 27 marzo 1788, registro nel Quint. 317, f. 41, come al Cedol. 79, f. 407t.

Gli successe (1797) il fratello Vincenzo, padre dell'intestatario.



  1. MALERBA (Borrello) Cedolario 87, f. 848 t

Intestazione 18 giugno 1805.

Giuseppe Malerba per acquisto come appresso:

Feudo Strofolia o Donna Cecilia (di tomolate 250 circa) sito in territorio di Plaisano.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli, per D. 2.100, dal Bar. Girolamo Santacroce Di Barletta, con R. Assenso 11 febbraio 1805, come dal Cedol. suddetto.



  1. MALTA (Sovrano Militare Ordine di - ) Cedolario 77, f. 442 t

Intestazione 13 marzo 1765.

L'Ordine Gerosolomitano si intesta dello Scannaggio e Catapania di Nocera.

Oggi comune di Nocera Tirinese in prov. di Catanzaro.

Dipendenza del Baliaggio Gerosolomitano di Sant'Eufemia.



  1. MAMONE (Parghelia) Cedolario 87, f. 551 t.

Intestazione 7 giugno 1793.

Antonino Mamone per acquisto come appresso:

Feudo Plutino (terza parte) sito in territorio di Parghelia.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli dal Bar. Vincenzo Tranfo con R. Assenso 7 maggio 1793, come dal Cedol. suddetto.



  1. MARCHITELLI (Marino Argusto) Cedolario 86, f. 222 t

Intestazione 28 aprile 1779.

Filippo Marchitelli barone di Argusto per successione al Bar. Giovan Battista suo padre deceduto il 16 gennaio 1779:

Terra di Argusto (ab. 675) con la portulania.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta a Filippo Marchitelli seniore, avo dell'intestatario, per vendita fattagli, per D. 15.000, da Antonio Marìncola Duca di Petrizzi suo congiunto, con R. Assenso 16 marzo 1729, registro nel Quint. 242, f. 23, come al Cedol. 83, f. 707.



  1. MARINCOLA (Catanzaro) Cedolario 87, f. 844 t.

Intestazione 30 gennaio 1805.

Diego Marincola Duca di Petrizzi per sucessione al Duca Francescantonio suo padre, deceduto il 1° gennaio 1803:

  1. Terra di Petrizzi (ab. 1456) con la portulania.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta a Salvatore Marincola per vendita fattagli, per D. 26.000. da Marcantonio Loffredo principe di Maida, con R. Assenso del 1629 registr. nel Quint. 77, f. 269, come al Cedol. 87, f. 733t.

Il titolo di Duca di Petrizzi fu concesso dal Re Filippo 4° al medesimo acquisitore, con privilegio 1 luglio 1642, registro nel Quint. 323, f. 22t, come al Cedol. suddetto.

  1. Terra di Soverato (ab. 306) con la portulania.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta al predetto Salvatore Marincola per vendita fattagli, per D. 28.000, da Vincenzo De Falco, con R. Assenso 12 febbraio 1635, registr. nel Quint. 88, f. 173t, come al Cedol, 80, f. 2.

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia Marincola in Appendice al Volume.



  1. MARSICO (Altilia) Cedolario 78, f. 264 t.

Intestazione 27 novembre 1782.

Francesco Marsico barone di Lattarico per successione al Bar. Antonio suo padre, deceduto il 15 maggio 1774:

  1. Terra di Regina col casale di San Benedetto e il feudo Contessa (ab. 1592) con le seconde e terze cause civili e miste, zecca e portulania.

Regina è oggi frazione del comune di Lattarico; San Benedetto comune omonimo, in prov. di Cosenza.

Pervenuta al suddetto Antonio Marsico per vendita fattagli, per D. 57.171, dalla Principessa di Tarsia Maria Antonia Spinelli, con R. Assenso 15 aprile 1771, registro nel Quint. 307, f. 334, come dal Cedol. 78, f. 69.

  1. Terra di Lattarico (ab. 837) con seconde e terze cause, zecca e portulania.

    Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuta al medesimo Antonio Marsico per vendita fattagli, per D. 25.000, dalla Principessa di Tarsia predetta, con R. Assenso 19 aprile 1773, registro nel Quint. 308, f. 304, come al Cedol. 78, f. 95t.



  1. MARZANO (Monteleone) Cedolario 87, f. 720.

Intestazione 5 dicembre 1801.

Antonio Marzano per successione al Bar. Francesco suo padre, deceduto il 15 aprile 1793:

Feudo Scuderi (la metà) sito in territorio di Borrello.

Pervenuto per intero a Marzano Marzano, avo dell'intestatario, per vendita fattagli dal Bar. Geronimo Cricelli suo suocero, con R. Assenso 1 settembre 1719, come dal Cedol. 83, f. 500; e dal medesimo diviso con il cognato Antonio Tranquillo con R. Assenso 19 maggio 1725.



  1. MASCARO (Scigliano) Cedolario 77, f. 383 t

Intestazione 6 aprile 1759.

Geronimo M. Mascaro per successione al Bar. Antonio suo padre, deceduto il 18 febbraio 1759:

Metà feudo Notar Roberto de Archis o Petritiis, sito in territorio di Scigliano.

Pervenuto al suddetto Antonio Mascaro per vendita fattagli, per D. 1900, dal Bar. Ferdinando Mirabelli Stacco, con R. Assenso 15 marzo 1749, registro nel Quint. 283, f. 63t, come al Cedol. 77, f. 272t.



  1. de MATERA (Cosenza) Cedolario 79, f. 326 t

Intestazione 18 gennaio 1787.

Domenico de Matera, patrizio di Cosenza, per successione al Bar. Giuseppe suo padre, deceduto in Cosenza il 6 gennaio 1784:

Bagliva di Cosenza.

Corpo feudale pervenuto al predetto Giuseppe De Matera, figlio erede del fu Domenico, in virtù di cessione e dichiarazione di dominio fatta in suo favore da Francesco Le Piane barone di Savuto, dalla cui famiglia era stato acquistato nel 1693 in nome e per conto della famiglia De Matera; e ciò con R. Assenso 30 maggio 1765, registr. nel Quint. 306, f. 1, come al Cedol. 78, f. 16.



  1. de MAYDA (Cotrone) Cedolario 87, f. 522 t Intestazione 20 marzo 1793.

Giovan Gregorio de Mayda per refuta e donazione fattagli dal Bar. Giovan Battista suo padre, con R. Assenso 14 gennaio 1793, registro nel Quint. 319, f. 1:

Feudo Croniti o La Sala col suffeudo Viola, sito in territorio di Cotrone, Cutro e Roccabernarda.

Pervenuto ad esso Giovan Battista per vendita fattagli, per D. 9.000, da Nicola Amalfitani marchese di Crucoli, con R. Assenso 20 dicembre 1779, registro nel Quint. 312, f. 201, come al Cedol. 86, f. 230.



  1. MEDICI GATTI (Martorano) Cedolario 78, f. 137

Intestazione 4 giugno 1777.

Leopoldo Medici Gatti per acquisto come appresso:

Feudo Campitelli o Capitelli sito in territorio di Altilia e Maione.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli, per D. 700, dal Bar. Saverio Grilluzzi, con R. Assenso 19 giugno 1776, registro nel Quint. 309, f. 476.



  1. MELECRINIS (Pizzo) Cedolario 87, f. 394 t

Intestazione 12 novembre 1788.

Giovan Battista Melecrinis barone di Joppolo per successione al Bar. Francesco Saverio suo padre, deceduto il 22 luglio 1779:

Terra di Joppolo (coi casali di Cuccorino e Cuccorinello ab. 1406) con

seconde cause e zecca.

Oggi comuni di Joppolo e Cuccorino, meno la frazione Caroniti, in provo di Catanzaro.

Pervenuta a Giorgio Melecrinis, avo dell'intestatario, per vendita fattagli, per D. 30.300, da Orazio Mottola marchese dell'Amato, con R. Assenso 30 gennaio 1768, registro nel Quint. 306, f. 276t, come al Cedol. 86, f. 26.



  1. MEZZATE STA (Seminara) Cedolario 86, f. 173

Intestazione 29 novembre 1776

Agazio Mezzatesta per successione al Bar. Francescantonio suo padre:

Feudod Cannava o Pirara o Foria sito in territorio di Seminara. Pervenuto ad esso Bar. Francescantonio in seguito a transazione ed accordo col R. Fisco, e nella sua qualità di erede del q.m Cesare Mezza· testa, suo antenato, al quale il feudo si diceva venduto dall'Università di Seminara.



  1. MILANO FRANCO D'ARAGONA (Napoli) Cedolario 87, f. 853

Intestazione 13 settembre 1805.

Giovanni M. Milano Franco d'Aragona principe di Ardore per refuta fattagli dal Pro Giovanni M. seniore suo avo paterno il l° settembre 1805:

  1. Terra di San Giorgio (ab. 2543) con la catapania.

Oggi comune omonimo in provo di Reggio.

Pervenuta a Jacopo Milà nel 1501, confiscata nel 1502; rivendicata da Baldassarre Milano contro i Duelli di Terranova per sentenza del 7 agosto 1560. Il titolo di Marchese di San Giorgio fu concesso dal Re Filippo 2° a Jacopo Milano con privi,legio dell'8 febbraio 1593.

  1. Terra di Polistena (col casale di Melicucco ab. 4213) con le fiere e la catapania.

Oggi comuni omonimi in provo di Reggio.

Pervenuta, confiscata e rivendicata come sopra.

Il titolo di Marchese di Polistena vi fu trasferito dalla terra di Postiglione (anzianità 1637) con privilegio 1669.

  1. Terra di Ardore (coi casali di San Nicola e Bombile ab. 2313) con la bagliva e la mastrodattia.

Oggi comune omonimo in provo di Reggio.

Pervenuta a Giovan Domenico Milano Franco, marchese di San Giorgio, per vendita fattagli nel S.R.C., per D. 50.000, contro il patrimonio del fu Principe di Roccella Carlo M. Carafa Branciforte, con R. Assenso del 16 febbraio 1699, registro nel Quint. 183, f. 118.

Il titolo di Principe di Ardore fu concesso dal Re Filippo 5° al medesimo acquisitore con privilegio 30 luglio 1702, esecutor. il 30 novembre dello stesso anno, e registro nel Quint. 193, f. 1, come al Cedol. 82, f. 118t.

  1. Terra di Plaisano (col casale di Galatro ab. 1530) con le seconde cause e la catapania di Plaisano e le seconde cause civili e criminali della metà di Galatro.

Oggi comune di Galatro, più la frazione Plaisano del comune di Feroleto in provo di Reggio.

Pervenuta al medesimo Principe di Ardore per vendita fattagli, per D. 34.000, da Giuliano Colonna principe di Galatro, con R. Assenso 2 maggio 1716, registro nel Quint. 221, f. 1.

Comprendente tutto lo stato N. 8 centri abitati, con 10.599 ab. con una superf. comples. di Krnq. 136,32.

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia Milano, in Appendice al Volume.



  1. MILETO (Vescovo di) Cedolario 87, f. 515 Intestazione 11 settembre 1792.

La Mensa Vescovile di Mileto per la

Metà della Terra di Galatro con la giurisdizione civile.

Ciò in seguito a transazione ed accordo col R. Fisco, ed avendo dimostrato il legittimo possesso di 3 secoli.



  1. MOLLO (Cosenza) Cedolario 77, f. 329 t Intestazione 17 febbraio 1756.

Emanuele Mollo per successione al Bar. Domenico suo padre, deceduto il 19 luglio 1744:

Metà Scannaggio di Cosenza.

Corpo feudale pervenuto ad Ignazio Mollo per vendita fattagli, per D. 1554, da Giuseppe Cavalcanti, con R. Assenso 3 aprile 1727 registr. nel Quint. 240, f. 37, come al Cedol. 75, f. 321.

Gli successe (1727) il figlio Emanuele (+1732) avo dell'intestatario.



  1. MONACO (Cosenza) Cedolario 78, f. 57 Intestazione 11 marzo 1771

Giuseppe Antonio Monaco per acquisto come appresso:

Feudo Scucchi e Stefanizzi in territorio di Rende.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli da Ignazio M. Sambiase, con R. Assenso 31 dicembre 1770, registr. nel Quint. 307, f. 307t.



  1. MONTE CASSINO (Monastero di - ) Cedolario 79, f. 454

Intestazione 22 agosto 1791.

Il Ven. Monastero di Montecassino si intesta delle Terre di Cetraro, Sant'Angelo e Fella (ab. 6.057)

Oggi comune di Cetraro in prov. di Cosenza.

Antico possesso di Montecassino pervenuto per concessione normanna de l 1086.



  1. MORMILE (Napoli) Cedolario 78, f. 224 t Intestazione 9 ottobre 1781.

Nicola M. Mormile (Duca di Castelpagano) per successione come appresso:

Terra di Albidona (ab. 1.185) con le seconde cause e la portulania. Pervenuta all'intestatario per successione alla Baron. Caterina Castro­cucco (Marchesa di Ripalimosano) sua madre, deceduta in Napoli il 17 novembre 1776, la cui famiglia la possedeva fin dal 1318.

Corrispondente all'attuale comune omonimo in prov. di Cosenza.




  1. MOTTOLA (Tropea) Cedolario 87, f. 452 Intestazione 19 luglio 1791.

Francescantonio Mottola marchese dell' Amato per successione al March. Orazio suo padre, deceduto il 17 gennaio 1781:

Terra di Amato (ab. 1396) con prime e seconde cause civili e criminali.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta ad Orazio Mottola seniore per vendita fattagli, per D. 30.000. da Ferrande Dragone di Maida, con R. Assenso 5 agosto 1647, registr. nel Quint. Privileg, VII, f. 152t.

Il titolo di Marchese dell' Amato fu concesso dal Re Carlo 2° a Donato Antonio Mottola con privilegio dato in Madrid il 4 marzo 1675, esecutor. 21 maggio 1675 e registr. nel Quint. 131, f. 230t, come al Cedol, 81, f. 46lt.

L'intestatario morì nel 1789 e gli successe la figlia Caterina che fu l'ultima feudataria.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Mottola in Appendice al Volume.



  1. MOTTOLA NOMICISIO (Tropea) Cedolario 86, f. 288 t

Intestazione 17 novembre 1782.

Giacomo Mottola Nomicisio per rinuncia e transazione fattagli dalla Baron. Caterina Mottola sua cugina, con R. Assenso del 29 maggio 1780, registr. nel Quint. 314, f. 68:

Terra di San Calogero (ab. 708).

Oggi comune omonimo meno la frazione Calimera in prov. di Catanzaro.

Pervenuta a Francesco Mottola Nomicisio per vendita fattagli, per D. 18.000, dalla Baron. Chiara Majuli Mastrilli, con R. Assenso 24 gennaio 1736, registr. nel Quint. 257, f. 254, come al Cedol. 84, f. 72t.



  1. MUSCO (Castelvetere) Cedolario 87, f. 860 t

Intestazione 20 settembre 1805.



  1. NICOTERA (Nicastro) Cedolario 86, f. 85

Intestazione 21 agosto 1771.

Pasquale Nicotera per accordo e transazione col R. Fisco, trattandosi di feudo mai tassato:

Feudo Martà, sito in territorio di Nicastro.

Concesso il 25 ottobre 1506 da Marcantonio Caracciolo conte di Nicastro a Pietrangelo Mazzarella, ascendente della famiglia Nicotera, e riconfermato a Nicola M. Nicotera, padre dell'intestatario, con R. Assenso 19 agosto 1716, come al Cedol. Suddetto.




  1. De NOBILI (Catanzaro) Cedolario 87, f. 662

Intestazione 8 ottobre 1800

Emanuele de Nobili per acquisto come appresso:

Terra di Simari (coi casali di Crichi e Soveria ab. 2.386) con le seconde cause e la portulania.

Oggi comuni di Simeri Crichi e Soveria Simeri in prov. di Catanzaro.

Pervenuta all'intestatario per vendita fattagli, per D. 211.000, dal Duca di Simari Giuseppe Barreta, con la clausola retinenti titulo, e con R. Assenso 7 gennaio 1800.



  1. De NOBILI (Catanzaro)

Raffaele de Nobili:

A) Cedolario 87, f. 571.

Intestazione 3 dicembre 1794 come figlio primogenito ed erede del fu Bar. Cesare, deceduto il 27 novembre 1792:

Feudo Medina ed Ufficio di Vice Secreto del Fondaco di Catanzaro.

Pervenuti a Carlo de Nobili seniore da parte di Beatrice Rocca sua madre, il primo per vendita fattagli per D. 1.500 con R. Assenso 22 dicembre 1652, registr. nel Quint. 108, f. 182; ed il secondo per refuta fattagli dalla medesima con R. Assenso 13 novembre 1663, registro nel Quint. 117, f. 78t, come al Cedol. 81, f. 327.

  1. Cedolario 87, f. 748 t.

Intestazione 1 settembre 1802 per cessione come appresso:

Bagliva e Scannaggio con prime e seconde cause, Dogana e Piazza Minuta di Catanzaro e casale di Gagliano.

Corpo feudale pervenuto all'intestatario per cessione, donazione e transazione a lui fatta dal March. Giuseppe de Nobili per D. 11.090, con R. Assenso 10 giugno 1802.

Per la successione, v. la genealogia della famiglia De Nobili in Appendice al Volume.



  1. De NOBILI (Catanzaro) Cedolario 85, f. 609 t Intestazione 14 giugno 1763.

Felice de Nobili per refuta fattagli dal Bar. Gaetano suo fratello con istrumento 4 giugno 1762, registro nel Quint. Refute XV° f. 39:

Feudo Magliacane e Amendola sito in territorio di Belcastro.

Pervenuto ad Ottavio de Nobili per vendita fattagli, per D. 7880, dal Bar. Michele Anania, con R. Assenso 15 aprile 1692, registr. nel Quint. 159. f. 3lt, come al Cedol 82, f. 87.

  1. la Genealogia della famiglia de Nobili in Appendice al Volume.



111) OLIVA (Reggio) Cedolario 87, f. 589 Intestazione 1 febbraio 1797.

Giuseppe Oliva, patrizio di Reggio, per acquisto come appresso:

Feudo Ragusa o Tomacelli (col casale omonimo ab. 175) con prime e seconde cause civili, criminali e miste e la mastrodattia.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 28.000, contro il patrimonio del fu Duca di Monasterace Francescantonio Perrelli, con R. Assenso 27 marzo 1794.

  1. Feudo Crepacore sito in territorio di Cutro.

Pervenuto al suddetto Giuseppe Antonio Olivieri per vendita fattagli dal Principe di Roccadaspro Giovan Battista Filomarino con R. Assenso 14 novembre 1729, registro nel Quint. 245, f. 72t, come al Cedol. 83, f. 712.

  1. Feudo Rivioti (una sezione) in territorio di Mesoraca.

Pervenuto al medesimo per successione alla Baron. Livia Di Bona sua madre, deceduta 1'8 febbraio 1736, come al Cedol, 84, f. 120.



    112) ORSINI (Cotrone) Cedolario 87, f. 374 t Intestazione 3 luglio 1787.

Raimondo Orsini per successione al Bar. Luca Francesco suo padre deceduto il 24 agosto 1778:

Feudo Longano o Perrotta o Gabella di Capoferro sito in territorio di Cotrone.

Pervenuto ad esso Luca Francesco Orsini per vendita fattagli nel 1758 da Prudenza Papasodaro, con R. Assenso del 19 dicembre 1764, registro nel Quint. 203, f. 212, come al Cedol. 85, f. 646.



113 OTTONE (Monteleone) Cedolario 86, f. 121 t Intestazione 20 luglio 1774.

Anna Ottone per successione come appresso:

Feudo Altavilla-Caradonna (un terzo) sito in territorio di Briatico. Pervenuto all'intestataria come figlia di Zenobia Gravati e per succes­sione al Bar. Giuseppe Gravati, suo cugino germano, deceduto il 9 luglio 1744.



114) PAPARATTI (Rosarno) Cedolario 86, f. 140

Intestazione 13 gennaio 1775.

Maria Orsola Paparatti Mastrilli per successione al Bar. Antonio suo zio, deceduto il 2 luglio 1772:

Feudo Mannarino o Buffetta sito nella piana di San Martino.

Pervenuto al predetto Antonio Paparatti per vendita fattagli, per D. 19.300, dal Bar. Giovan Battista de Mayda con R. Assenso 18 novembre 1755, registro nel Quint. 292, f. 35, come al Cedol. 85, f. 444.



115) P AP ARO (Badolato)

Cedolario 87, f. 416 t Intestazione 6 febbraio 1790.

Domenico Paparo fu Mario per successione al Bar. Nicola suo avo paterno deceduto il 20 ottobre 1788:

Feudo Sant' Attanasio in territorio di Soverato.

Pervenuto ad Antonio Paparo, padre del predetto Nicola, per vendita fattagli, per D. 1.300, dalla Baron. Elena Gironda patrizia di Stilo, con R. Assenso 14 aprile 1722, registr. nel Quint. 232, f. 247, come al Cedol. 84, f. 7t.



116) PARAVAGNA (Napoli)

Cedolario 87, f. 708 Intestazione 3 giugno 1801.

Giovanni Paravagna Principe di Maropati e Marchese di Anoja per successione al Pr. Nicola suo padre, deceduto il l° marzo 1798:

Terra di Anoja (coi casali di Susanoja, Maropati e Tiritanti ab. 2.903) con le seconde cause civili, criminali e miste, portulania e zecca.

Oggi comuni di Anoia e Maropati in prov. di Reggio.

Pervenuta a Giovan Francesco Paravagna, patrizio genovese, per vendita fattagli, per D. 40.000, da Giovanna Ruffo principessa di Scilla, con R. Assenso del 31 maggio 1636, registr. nel Quint. 89, f. 172, come al Cedol, 80, f. 233.

Il titolo di Marchese di Anoja fu concesso dal Re Filippo 4° a Giacomo Paravagna con privilegio del 31 ottobre 1664, esecutor. il 10 giugno 1665.

Il titolo di Principe di Maropati fu concesso dall'Imp. Carlo 6° a Francescantonio Paravagna con privilegio dato in Vienna il 28 giugno 1727. esecutor. 13 settembre dello stesso anno, e registro nel Quint. 241, f. 22t.

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia Paravagna in Appendice al Volume.






113) ARISANI BONANNO (Napoli) Cedolario 78, f. 76

Intestazione 21 aprile 1773

Nicola Parisani Bonanno (marchese di Caggiano) per cessione come appresso:

Terra di Scala (ab. 1340).

Oggi comune di Scala Coeli meno la frazione S. Morello in prov. di Catanzaro.

Pervenuta all'intestatario per cessione fattagli dai coniugi Emanuela Vililio ed Andrea De Gennaro, con R. Assenso 31 ottobre 1768, registro nel Quint. 308, f. 197, come al Cedol. Suddetto.



114) PARISIO (Reggio Cal.) Cedolario 87, f. 486

Intestazione 27 marzo 1792

Giovanni Parisio per successione al Bar. Domenico suo padre deceduto 12 gennaio 1789:

Feudo San Cono de Proditoribus (3/4), sito in territorio di Fiumara di Muro e Calanna.

Pervenuto al predetto Domenico Parisio, patrizio cosentino, per succes­sione alla Baron. Anna Diano Parisio sua madre, come da intestazione presa nel 1760 nel Cedol. 85, f. 542.


    115) PASSALACQUA (Cosenza) Cedolario 79, f. 433 t

Intestazione 24 aprile 1790

Francesco Passalacqua barone di Pittarella per successione al Bar. Giuseppe suo padre, deceduto il 7 aprile 1788:

Casale di Pittarella presso Scigliano (ab. 700) con le prime e seconde cause civili, criminali e miste, mastrodattia e portulania.

Oggi frazione del comune di Pedivigliano in prov. di Cosenza.

Pervenuto a Francesco Passalacqua seniore, patrizio cosentino, avo dell'intestatario, per successione alla Baron. Maria De Matera Scaglione, sua madre, deceduta il 10 novembre 1744.



    116) PERRONE (Rossano-Catanzaro) Cedolario 86, f. 218

Intestazione 19 dicembre 1778

Gregorio Perrone barone di Sellia per successione al bar. Antonio suo padre, deceduto in Sellia il 26 dicembre 1776:

Terra di Sellia (ab. 930) con seconde cause, portulania e zecca.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta a Giovan Lorenzo Perrone per vendita fattagli, per D. 25.500. dalla Baron. Giulia Marincola, con R. Assenso 13 marzo 1662, registro nel Quint. 118, f. 220t, come al Cedol. 81, f. 343.

Successe (1688) il figlio Saverio (+ 1715), avo dell'intestatario.



    117) PESCARA DIANO (Calabria-Napoli) Cedolario 87, f. 781

Intestazione 18 agosto 1803

Giuseppe Pescara Diano Duca di Bovalino per successione al Duca Giovan Battista suo padre, deceduto il 19 febbraio 1796:

  1. Terra di Cinquefrondi (col casale di Giffone e il feudo Morbogallico ab. 3.374).

Oggi comuni omonimi in prov. di Reggio; superf. Kmq. 80,82. Pervenuta a Francesco Pescara Diano, duca della Saracena, avo dell’intestatario, per vendita fattagli, per D. 62.000, da Francesco M. Giffone d'Aragona, Marchese di Cinquefrondi, con R. Assenso 18 giugno 1712, registro nel Quint. 208, f. 1, come dal Cedol. 82, f. 361.

  1. Terra di Bovalino (coi casali di Benestare e Cirella ab. 2675) con portulania, bagliva e catapania.

Oggi comuni di Bovalino e Benestare, più la frazione Cirel1a del comune di Platì in prov. di Reggio; superf. Kmq. 36,52.

Pervenuta al predetto Francesco Pescara Diano per vendita fattagli, per D. 80.000, da Nicola Barnardino Caracciolo principe di Marano e da Isabella Spinelli, con R. Assenso 30 marzo 1716, registro nel Quint. 219, f. 117.

Il titolo di Duca di Bovalino è quello originariamente concesso alla famiglia Pescara sulla terra di Saracena (anzianità 1617), e trasferito su Bovalino in favore dell'acquisitore con privilegio 27 giugno 1716, esecutor. il 28 novembre dello stesso anno, come dal Cedol.84, f. 148.



    118) Le PIANE (Figline-Catanzaro) Cedolario 79, f. 323

Intestazione 1 aprile 1786

Pietrantonio Le Piane Barone di Savuto per successione al bar. Fran­cesco suo padre, deceduto il 7 giugno 1783:

Terra di Savuto (ab. 406) con le seconde cause.

Oggi frazione del comune di Cleto in prov. di Cosenza.

Pervenuta a Giovan Battista Le Piane per vendita fattagli, per D. 27.000, dal Principe di Castiglione Alessandro d'Aquino Pico, con R. Assenso 5 ottobre 1718, registr. nel Quint. 240, f. 1, come al Cedol. 76, f. 56. Passata (1737) al nipote (ex-fratre Pietrantonio) Lelio, e da questi per refuta (1739) al figlio Pietrantonio (+1753), avo del1'intestatario.





    119) PICCOLOMINI (Napoli) Cedolario 87, f. 355 t

Intestazione 27 settembre 1786

Anna M. Piccolomini Marchesa di Montesoro per successione al fratello Giuseppe Pro di Valle, deceduto il 6 luglio 1783:

Terra di Montesoro (ab. 308) con seconde cause, portulania e zecca.

Oggi frazione del comune di Filadelfia in prov. di Catanzaro.

Pervenuta a Giuseppe Piccolomini pr. di Valle per successione ad Eleonora Loffredo princ. di Maida sua madre, e passata (1739) ai figli G,­rardo (+1746) e Pompeo (+ 1765) padre dell'intestataria. Quest'ultima era anche erede della casa di Gioiosa-Girifalco e moglie del Duca di Monteleone Ettore Pignatelli.

I! titolo di Marchese di Montesoro è quello originariamente concesso a Cesare Loffredo sulla terra di Amato, e trasferito su Montesoro con la stessa anzianità del 9 aprile 1628.



    120) PIGNATELLI di Monteleone (Napoli)

  1. Cedolario 78, f. 121 t Intestazione 13 gennaio 1776

Ettore Pignatelli Duca di Monteleone per successione come appresso:

  1. Terra di Amendolara (ab. 1039).

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza (Kmq. 64,21).

  1. Terra di Casalnovo (ab. 666).

Oggi comune di Villapiana in prov. di Cosenza, con superf. di Kmq. 38,74.

Pervenute all'intestatario per successione alla Duchessa di Bellosguardo Margherita Pignatelli, sua ava paterna, deceduta in Napoli il 27 ottobre 1774.

  1. Cedolario 79, f. 325 t Intestazione 27 settembre 1786

Ettore Pignatelli predetto per successione al Duca Fabrizio suo padre, deceduto 1'8 settembre 1765:

  1. Terra di Cerchiara (coi casali di Plataci e S. Lorenzo ab. 4030), con portulania e zecca.

Oggi comuni omonimi in prov. di Cosenza (Kmq. 171,48). Pervenuta a Giacomo Pignatelli per vendita fattagli dalla R.C. nel 1532.

I! titolo di Marchese di Cerchiara fu concesso dal Re Filippo 2° a Fabrizio Pignatellì, figlio dell'acquisitore, con privilegio 7 novembre 1556.

  1. Cedolario 87, f. 355 t Intestazione 27 settembre 1786

Ettore Pignatelli predetto per la stessa causa:

  1. Città di Monteleone (con 9 villaggi e il feudo Santa Venera ab. 11.163), con portulania e zecca.

Oggi comuni di Vibo Valentia e San Gregorio d'Ippona in prov. di Catanzaro (Kmq. 58,71).

Pervenuta ad Ettore l° Pignatelli per concessione di Re Federico 8 giugno 1501, confermata dal Re Cattolico, col titolo di Conte, il 16 maggio 1506.

I! titolo di Duca di Monteleone fu concesso al medesimo dall'Imp. Carlo 5° con privilegio 29 maggio 1527.

  1. Terra di Borrello (coi casali di Laureana, Bellantone, Stellinatone, Candidane e Serrata ab. 4283).

Oggi comuni di Laureana di Borrello, Candidoni e Serrata in prov. di Reggio (Kmq. 83,78).

Pervenuta al medesimo come sopra.

I! titolo di Conte di Borrello fu concesso allo stesso dall'Imp. Carlo 5° con privilegio 30 agosto 1520, e fu usato dal primogenito dei Duchi di Monteleone durante la vita del padre.

  1. Terra di Rosarno (col casale di S. Fili ab. 1753).

  1. Oggi comune omonimo in prov. di Reggio (Kmq. 53,44). Pervenuta come sopra. Terra di Mesiano (composta di 14 casali ab. 6125).

Oggi comuni di Filandari, Rombiolo e Zungri in prov. di Catanzaro (Kmq, 64,60).

Pervenuta come sopra.

  1. Terra di Castelmonardo (poi Filadelfia, con Polia, Poliolo e Monterosso ab. 7.625).

Oggi comuni di Filadelfia (meno la frazione Montesoro), Polia e Monterosso in prov. di Catanzaro (Kmq. 80,90).

Pervenuta ad Ettore Pignatelli duca di Monteleone per vendita fattagli nel 1534 dalla R. Corte, cui era ricaduta per il reato di fellonia del feudatario Antonio delle Trezze durante la rivolta del 1528.

  1. Terra di Briatico (con 13 villaggi ab. 4650).

Oggi comuni di Briatico e Cessaniti in prov. di Catanzaro (Kmq. 45,61).

Pervenuta ad Ettore 3° Pignatelli duca di Monteleone per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., a mezzo di sua madre Girolama Co­lonna di Paliano, e per D. 60.000, ad istanza dei creditori del patri­monio di Giovanni Alfonso de Castro Bisbal, marchese di Briatico, nel 1598.

Comprendente, tutto lo Stato di Monteleone, N. 60 centri abitati, con 43.421 abitanti; oggi N. 20 comuni, su una superficie di Kmq. 690,37; e costituente, perciò, il più vasto complesso feudale della Calabria.

L'intestatario morì il 26 febbraio 1800 e gli successe il figlio Diego, che fu in effetti l'ultimo feudatario.

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia Pignatelli in Appendice al Volume.



    121) PIGNATELLI di Strongoli (Napoli) Cedolario 78, f. 162

Intestazione 15 dicembre 1778

Salvatore Pìgnatellì Principe di Strongoli per successione alla princ. Lucrezia Pignatelli sua madre, deceduta in Napoli il 21 settembre 1760:

  1. Terra di Strongoli (ab. 1895) con seconde e terze cause, zecca e portulania.

  1. Terra di Melissa (ab. 200) con seconde e terze cause, zecca e portulania.

Oggi comuni omonimi in prov. di Catanzaro.

Pervenuto tutto lo stato a Domenico Pignatelli per successione al Pr Francesco Campitelli suo zio materno, deceduto 1'11 maggio 1668.

Il titolo di Conte di Melissa fu concesso dal Re Filippo 2° a Giovan Battista Campitelli, 5° barone di Melissa, con privilegio 17 luglio 1591.

Il titolo di Principe di Strongoli fu concesso dal Re Filippo 3° ad Annibale Campitelli con privilegio 26 settembre 1620. L'intestatario morì nel 1792 ed ebbe a successori i figli Ferdinando (deposto e giustiziato 1799) e Francesco che fu in effetti l'ultimo feudatario. Questi passaggi non sono notati nei Cedolari.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Pignatelli in Appendice al Volume.



    122) PIGNATELLI PINELLI (Napoli)

Antonio M. Pignatelli Pinelli Ravaschieri Principe di Belmonte per suc­cessione al principe Antonio suo padre, deceduto il 2 gennaio 1794:

  1. Cedolario 79, f. 533 Intestazione 29 marzo 1798

Terra di Belmonte (col casale di S. Pietro ab. 4.178) con prime e seconde cause civili, criminali e miste, mastrodattia, zecca e portulania.

Oggi comuni omonimi in prov. di Cosenza.

Pervenuta al predetto Pr. Antonio Pignatelli seniore per successione alla Princ. di Belmonte Anna Francesca PineIli Ravaschieri sua madre, deceduta il 18 gennaio 1779.

Il titolo di Principe di Belmonte fu concesso dal Re Filippo 3° ad Orazio Giovan Battista Ravaschieri con privilegio 5 marzo 1619, esecutoriato il 20 aprile 1619 e registro nel Quint. 64, f. 82.

  1. Cedolario 86, f. 264

Intestazione 17 luglio 1782 (in pro del pr. Antonio senior)

Terra di Badolato (coi casali di Isca e S. Andrea ab. 6981) con seconde cause e portulania.

Oggi comuni omonimi in prov. di Catanzaro. Pervenuta come sopra.

  1. Cedolario 87, f. 408

Intestazione 27 agosto 1789 (in pro del pr. Antonio seniore)

Seconde cause della terra di Santa Caterina.

Corpo feudale pervenuto come sopra.

Si nota che la Casa di Belmonte è solo intestataria, mentre le Case di San Marco (Cavaniglia) e Satriano (Ravaschieri) sono le tenutarie, in comune, dello Stato di Badolato e delle seconde cause di Santa Caterina.



    123) PIGNONE DEL CARRETTO (Napoli) Cedolario 79, f. 388 t

Intestazione 12 novembre 1787

Alessandro Pignone Del Carretto principe di Alessandria per successione al pr. Carlo suo padre, deceduto in Oriolo il 20 giugno 1773:


Terra di Oriolo (con i casali di Alessandria, Castroregio e Farneta ab. 5498) con prime

e seconde cause civili, criminali e miste, zecca e portulania.

Oggi comuni di Oriolo, Alessandria Del Carretto e Castroregio in prov. di Cosenza.

Pervenuta a Marcello Pignone, Reggente del Supremo Consiglio di Italia a Madrid per vendita fattagli nel 1552 dalla R. Corte, alla quale era ricaduta per ribellione del Principe di Salerno.

Il titolo di Marchese di Oriolo fu concesso dal Re Filippo 2° al medesimo acquisitore con privilegio 16 aprile 1558.

Il titolo di Principe di Alessandria fu concesso dal Re Filippo 4° al 3° Marchese Alessandro Pignone Del Carretto con privilegio 21 giugno 1653.

N.B. Allo stato di Oriolo appartiene anche il casale di Montegiordano, attuale comune omonimo in prov. di Cosenza, che si nota dato «in te­nuta» alla famiglia De Martino.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Pignone Del Carretto in Appendice al Volume.



    124) PIMENTEL (Madrid)

Cedolario 77, f. 464 t Intestazione 23 febbraio 1764

Giuseppa Pimentel Marchesa di Javalquinto per successione al march. Francesco Alfonso suo padre, deceduto il 9 febbraio 1763:

Annui Ducati 500 di Fiscali sui Fuochi e Sali della Città di Cosenza e Casali.

Pervenuti a Gaspare Pimentel de Quinones, conte di Benavente, per suc­cessione alla Marchesa di Javalquinto D. Isabella Francesca de Bena­vides, sua madre; passati al fratello Francesco Casimiro, e da questi al figlio Antonio Alfonso, avo dell'intestatario.



    125) PIROMALLO (Casalnovo - Messina)

Cedolario 87, f. 645 Intestazione 27 marzo 1800

Giovanni Piromallo per successione al Bar. Francescantonio suo padre, deceduto in Casalnovo col terremoto del 5 febbraio 1783:

Terra di Montebello (ab. 1401) con le seconde cause.

Oggi comune omonimo in prov. di Reggio.

Pervenuta al predetto Francescantonio Piromallo per vendita fattagli, per D. 55.000, dal Bar. Paolo Barone, con R. Assenso 20 dicembre 1757, registro nel Quint. 296, f. 258, come al Cedolario 85, f. 508.



    126) PIZZARRO PICCOLOMINI (Madrid) Cedolario 78, f. 71

Intestazione 17 dicembre 1771

Florentia Pizzarro Piccolomini d'Aragona, Marchesa di San Giovanni, per successione al March. Giovanni suo padre, deceduto in Madrid il 22 aprile 1771:

Annui Ducati 200 sui Fiscali di Cosenza.

Concessi al Capit, Alvaro Pizzarro dal Re Ferdinando il Cattolico con privilegio 1 giugno 1507, come dal Reg. 348 dei Rilevi Originali, f. 378.



    127) POERIO (Taverna) Cedolario 87, f. 828 t

Intestazione 15 settembre 1804:

Alfonso Poerio barone di Belcastro per successione al Bar. Geronimo suo padre, deceduto il 7 giugno 1787:

Terra di Belcastro (coi casali di Andali, Cerva e Cuturella ab. 2335) con la bagliva.

Oggi comuni di Belcastro, Andali e Cerva, più la frazione Cuturella del comune di Cropani, in prov. di Catanzaro; superf. compl, Kmq. 106,95.

Pervenuta ad Alfonso Poerio senìore, avo dell’Intestatario, per vendita fattagli, per D. 58.000, dal Duca di Belcastro Carlo Caraccìolo, con R. As­senso 17 settembre 1715, registr. nel Quint. 217, f. come al Cedol. 83, f. 424t.

Alienata dal suddetto per D. 75.000 a Giovan Battista de Mayda con R. Assenso 29 ottobre 1746, registro nel Quint. 280, f. 18, come al Cedol. 85, f. 268t.

Rivendicata contro il medesimo da Geronimo Poerio predetto con R. As­senso 18 marzo 1755, registro nel Quint 290, f. 143, come al Cedol. 85, f. 459.



    128) POERIO (Taverna)

Cedolario 87, f. 836 t

Intestazione 1 dicembre 1804

Carlo Poerio per successione al Bar. Annibale suo padre, deceduto il 7 novembre 1786:

  1. Feudo Cucinà sito in territorio di Zagarise.

Pervenuto ad Annibale Poerio fu Geronimo per vendita fattagli, per D. 1625, dal Bar. Scipione Monizio, con R. Assenso 4 giugno 1708. registr. nel Quint. 204, f. 157t, come al Cedol. 82, f. 330t.

Passato (1710) al fratello Alfonso (barone di Belcastro) e da questi per cessione (1736) al fratello Giuseppe, avo dell'intestatario.

  1. Feudo Le Silette (coi territori Tacina, Gallida, Grivoli, Pisarello e Campicello) sito presso Zagarise nella contea di Belcastro.

Pervenuto al predetto Giuseppe Poerio fu Geronimo per vendita fattagli da Tomaso Francesco Spinelli marchese di Fuscaldo, con R. Assenso 27 gennaio 1749, registr. nel Quint. 281, f. 273, come al Cedol. 85, f. 316t.

  1. Feudo Spinalba.

Pervenuto allo stesso come sopra.

  1. Feudo Cotura alla Basilicata (costituente metà della metà dell'ottava parte del feudo Poerio.

Pervenuto al predetto Giuseppe Poerio per vendita fattagli, per D. 730, da altro Giuseppe Poerio fu Giacinto, con R. Assenso 26 gennaio 1741, registro nel Quint. 267, f. 272, come al Cedol. 84, f. 198t.

  1. Feudo Cotura alla Basilicata, Staglio Grande a Cardito e Feudicello costituente altra sezione come sopra del feudo Poerio.

Pervenuto al medesimo per vendita fattagli, per D. 1000, dal Cav. Gerosolom. Geronimo De Nobili, con R. Assenso 30 ottobre 1751, registro nel Quint. 288, f. 222, come al Cedol. 85, f. 367.



    129) POERIO PITERA' (Taverna) Cedolario 87, f. 840

Intestazione 20 dicembre 1804

Saverio Poerio Piterà per successione al Bar. Domenico suo padre e al Bar. Saverio suo avo, deceduti lo stesso giorno 19 febbraio 1799:

Feudo Rocca (la terza parte) sito in Taverna.

Pervenuto ad altro Saverio Poerio fu Luigi per successione alla Baron. Camilla Rocca sua madre, deceduta nel 1703.

Passato al figlio Domenico (+1766) e da questi al figlio Saverio, avo dell'intestatario.



    130) PROCIDA (Amantea)

Cedolario 79, f. 592 t

Intestazione 28 aprile 1803

Antonino Procida, patrizio di Taverna, per acquisto come appresso:

Metà Feudo Roberto de Archis o Petritiis, detto anche Gaggianella o Jaccianello, sito

in territorio di Scigliano.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli dal Bar. Nicola D'Epiro, con R. Assenso 24 gennaio 1797, registr. nel Quint. 323, f. 153.







    131) PUCCI

Cedolario 79, f. 524 t

Intestazione 13 novembre 1797

Giuseppe Pucci per acquisto come appresso:

Terra di Trebisacce (ab. 1196) con le prime e seconde cause criminali.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuta all'intestatario per vendita fattagli, per D. 4000 dal Principe di Trebisacce Teodoro Correr, con R. Assenso del 27 marzo 1797, registr. nel Quint. 321, f. 166.



    132) RAVASCHIERI (Napoli)

Cedolario 84, f. 40 Intestazione 30 marzo 1734

Filippo Ravaschieri Principe di Satriano per successione al pro Francesco suo padre, deceduto il 2 novembre 1733:

  1. Terra di Satriano (coi casali di Davoli e S. Sostene ab. 6696) con la catapania.

Oggi comuni omonimi in prov. di Catanzaro.

Pervenuta ad Ettore Ravaschieri per vendita fattagli, per D. 85.000, a mezzo di Francesco Brancaccio, da Anna Borgia d'Aragona princ. di Squillace, con R. Assenso del 7 agosto 1609, registro al Quint. 39, f. 229, come al Cedol. 80, f. 28.

Il titolo di Principe di Satriano fu concesso dal Re Filippo 4° al mede­simo Ettore Ravaschieri con privilegio del 19 marzo 1621.

  1. Terra di Cardinale (ab. 2331) col feudo Barile e la catapania.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta al medesimo Ettore Ravaschieri per cessione e donazione fattagli da Pietro Francesco suo zio, con R. Assenso 6 ottobre 1610, registro nel Reg. Privileg. 7°, f. 117, come al Cedol. 80, f. 30.

Il titolo di Duca di Cardinale fu concesso dal Re Filippo 30 al predetto Ettore Ravaschieri con privilegio 14 giugno 1611 esecutor. il 12 agosto dello stesso anno.

Gli successe il nipote (ex-fratre) Francesco, ed a questi il fratello Ettore (+1705) avo dell'intestatario.



    133) REGGIO CALABRIA (Arcivescovo di -) Cedolario 86, f. 233

Intestazione 17 ottobre 1780

La Mensa Arcivescovile di Reggio

  1. Contea di Bova (coi casali di Africo e Casalnovo ab. 2658) con prime

e seconde cause civili.

  1. Baronia di Castella ce (ab. 113) con prime e seconde cause civili.

Oggi comuni di Bova, Bova Marina, Africo e la frazione Castellace del comune di Oppido in provo di Reggio Cal. (Kmq. 127,28).

Pervenute alla Mensa Arcivescovile di Reggio per concessione fattale, col titolo di Conte di Bova, da Enrico 6° d'Hohenstaufen nel 1195.



    134) RICCIULLI DEL FOSSO (Rogliano) Cedolario 78, f. 97 t

Intestazione 3 settembre 1773

Gaetano Ricciulli del Fosso barone di Parenti per successione al Bar. Luigi suo padre, deceduto in Parenti il 28 settembre 1772:

Terra di Parenti (ab. 934) con la giurisdizione civile e criminale.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Già predio rustico in territorio di Rogliano, popolato da Luigi Ricciulli del Fosso seniore ed eretto in feudo nobile in favore del medesimo con privilegio 27 novembre 1709, esecutor. 6 marzo 1710, come dal Cedol. 75, f. 157. Gli successe (1726) il figlio Stefano (+1743) avo dell'intestatario.



    136) De RISO (Catanzaro) Cedolario 86, f. 136 t Intestazione 10 gennaio 1775

Vitaliano De Riso Marchese di Botricello per successione al Bar. Emanuele suo padre, deceduto il 24 settembre 1774:

Feudo Botricello (col casale omonimo ab. 140) in territorio di Belcastro.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuto a Vitaliano De Riso seniore per vendita fattagli, per D. 5316, da Ippolita Grimaldi sua suocera, con R. Assenso l dicembre 1662, registr. nel Quint. 117, f. 97t, come al Cedol. 81, f. 313t.

Gli successero (1671), di padre in figlio, Angelo (+ 1678), Vitaliano, Angelo (+ 1720) ed a questi il fratello Emanuele suddetto.

Il titolo di Marchese di Botricello fu concesso all'intestatario dal Re Ferdinando 4° di Borbone con privilegio 24 giugno, esecutor. 5 agosto, 1797.



    137) RODINO' (Polistena) Cedolario 87, f. 333

Intestazione 9 settembre 1785:

Luigi Rodinò barone di Miglioni per refuta fattagli dal Bar. Giulio suo fratello il 21 giugno 1785, seguita da R. Assenso del 2 luglio 1785:

Feudo Miglioni o Aracri Celano già Mayoli sito in territorio di Polistena. Pervenuto a Francesco Rodinò per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 1200, contro il patrimonio del fu Bar. Giovan Battista Asciutti, con R. Assenso 14 marzo 1593, registro nel Quint. 15, f. 75, come al Cedol. 82, 252t.

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia Rodinò in Appendice al Volume.



    138) ROMANO (Bagnara)

Cedolario 87, f. 456 Intestazione 27 agosto 1791

Domenica Romano per successione a Vincenzo suo padre, deceduto in Bagnara il 29 ottobre 1775:

Stato di Maida (coi casali di Lacconia, Cortale, Curinga, Jacurso, S. Pietro e Vena (ab. 12.424) con la catapania.

Oggi comuni di Maida, Cortale, Curinga, Jacurzo e San Pietro in prov. di Catanzaro; superf. Kmq. 176,51.

Pervenuto tutto lo stato ad Antonio Romano da Bagnara, avo del predetto Vincenzo, per vendita fattagli all'asta nel S.R.C. per D. 157.520 contro il patrimonio dei Principi di Maida Loffredo, con R. Assenso 24 novembre 1699, esecutor. 22 maggio 1700, e registr. nel Quint. 186, f. 41. L'acquisto suddetto fu fatto in realtà in nome e per conto del Priore di Bagnara Fabrizio Ruffo, e tutte le intestazioni prese dalla famiglia Romano sono da considerarsi come prese in nome dei Duchi di Bagnara eredi di esso Fabrizio Ruffo.

La presente intestazione ai Romanò è quindi fittizia, e tutto lo Stato di Maida va aggiunto a quelli del Duca di Bagnara che ne è il vero feudatario.




    139) de ROSIS (Rossano) Cedolario 79, f. 606

Intestazione 7 settembre 1803:

Claudio de Rosis per successione al Bar. Domiziano suo padre deceduto il 23 gennaio 1795:

Feudo San Giovanni in Foresta o Torre Piacenza o Crosetto, sito in territorio di Rossano.

Pervenuto a Marcantonio de Rosis per vendita fattagli, per D. 10.400, dalla Baron. Teresa Giannuzzi sua moglie, con R. Assenso 16 giugno 1695, registro nel Quint. 170, f. 39t, come al Cedol. 74, f. 585.

Gli successe (1724) il figlio Luca (+1765) avo dell'intestatario.



    140) ROVEGNO (Calabria) Cedolario 79, f. 396 t

Intestazione 31 agosto 1789

Giuseppe Francesco Rovegno principe di Palagorìo per successione al pro Francesco suo padre, deceduto in Napoli il 18 gennaio 1782:

Terra di Umbriatico (col casale di Palagorio ab. 1200) con le prime e seconde cause.

Oggi comuni omonimi in prov. di Catanzaro.

Pervenuta a Giuseppe Antonio Rovegno seniore per vendita fattagli, per D. 65.000, dal Principe di Cariati Carlo Filippo Antonio Spinelli, con R. Assenso 20 maggio 1682, registro nel Quint. 147, f. 78, come al Cedol, 74, f. 489. Il titolo di Marchese di Umbriatico fu concesso al medesimo acquisitore dal Re Carlo 2° con privilegio 17 settembre 1682, esecutor. 23 ottobre 1682 e registr. nel Quint. 149, f. 186.

Gli successe (1685) il figlio Giovan Francesco il quale ebbe concesso il titolo di Principe di Palagorio con privilegio del Re Carlo 2° del 20 maggio 1696.

Gli successe (1704) il figlio Giuseppe Antonio (+ 1766) e a questi il fratello Francesco, padre dell'intestatario.



    141) RUFFO Scilla (Calabria) Cedolario 87, f. 615

Intestazione 12 dicembre 1797

Francesco Fulco Antonio Ruffo Principe di Scilla per successione al Pr. Fulco Antonio suo avo deceduto col terremoto e maremoto del 5 febbraio 1783:

  1. Terra di Sinopoli (coi casali di Acquaro, S. Procopio, S. Eufemia, e S. Bartolomeo (ab. 6598).

Oggi comuni di Sinopoli, S. Eufemia d'Aspromonte e S. Procopio, più la frazione Acquaro del comune di Cosoleto, in prov. di Reggio; superf. Kmq. 69,42.

Uno dei più antichi possessi agnatizi del Regno di Napoli, pervenuto ad Enrico Ruffo (1278) per successione alla madre Margherita de Pavia. Il titolo di Conte di Sinopoli fu concesso dal Re Roberto a Guglielmo Ruffo con privilegio 20 marzo 1334.


  1. Terra di Scilla (coi casali di Melia e Favazzina ab. 3820) con la Gabella dei legnami.

Oggi comune omonimo in prov. di Reggio; Kmq. 43,68.

Pervenuta a Paolo Ruffo, 6° conte di Sinopoli, per vendita fattagli, per D. 30.000, da suo cognato Gutierez 30 De Nava, con R. Assenso 26 dicembre 1533.

Il titolo di Principe di Scilla fu concesso dal Re Filippo 20 a Fabrizio Ruffo con privilegio 31 luglio 1578.

  1. Terra di Nicotera (coi casali di Badia, Caroniti, Comerconi e Preitoni ab. 3912) e col feudo Ravello, e con bagliva, mastrodattia e catapania.

Oggi comune di Nicotera, più la frazione Caroniti del comune di Joppolo in prov. di Catanzaro; superf. Kmq. 32,77.

Pervenuta a Maria Ruffo Princ. di Scilla per successione a sua madre Ippolita De Gennaro, moglie del predetto pr. Fabrizio, deceduta nel 1585.

Il titolo di Conte di Nicotera fu concesso dall'Imp. Carlo 5° ad Annibale De Gennaro, padre della predetta Ippolita, con privilegio 4 marzo 1555.

  1. Terra di Calanna (con otto casali ab. 6436).

Oggi comuni di Calanna, Laganadi, S. Stefano e S. Alessio in prov. di Reggio; superf. Kmq. 40,61.

Pervenuta a Vincenzo Ruffo per vendita fattagli dalla R. Corte con R. Assenso del 23 ottobre 1608, registr. nel Quint. 38, f. 145.

  1. Terre di Panagia e Filogaso (col casale di S. Onofrio ab. 2189).

Oggi comuni di Filogaso e S. Onofrio in prov. di Catanzaro; superf. Kmq. 42,05.

Pervenute nel 1653 a Maria Ruffo a titolo di restituzione di dote dal patrimonio del Duca di Nocera.

Il titolo di Marchese di Panagia è quello concesso originariamente sulla terra di Crispano e trasferito su Panagia in favore di Guglielmo Antonio Ruffo con privilegio del 11 aprile 1764.

Comprendente tutto lo stato dei Ruffo-Scilla n. 25 centri abitati, con 22.955 abitanti; oggi 11 comuni su Kmq. 228,53.

L'intestatario morì il 9 aprile 1803 e gli successe il figlio Fulco Giordano, che fu in effetti l'ultimo feudatario.

Questo passaggio non è notato nei Cedolari.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Ruffo in Appendice al Volume.



    142) RUFFO Bagnara (Calabria-Napoli)

Nicola Ruffo Duca di Bagnara per successione al Duca Francesco suo padre deceduto il 23 marzo 1767:

  1. Cedolario 86, f. 149 t

Intestazione 14 ottobre 1775:

  1. Terra di Bagnara (col casale di Salano ab. 5947).

Oggi Comune omonimo in prov. di Reggio; Kmq. 24,68.

Pervenuta ad Esaù Ruff'o per concessione fattagli il 27 ottobre 1464 dal Re Ferrante 1° d'Aragona e confermata al medesimo dal Re Alfonso con privilegio 31 maggio 1494 (Reg. Privileg. 6°, f. 131). Il titolo di Duca di Bagnara fu concesso dal Re Filippo 3° a Carlo Ruffo, barone di Bagnara, con privilegio del 19 gennaio 1603.

  1. Terra di Motta San Giovanni (coi casali di Pellaro e Lazzaro ab. 2559).

Oggi comune di Motta San Giovanni più la frazione Pellaro del Comune di Reggio; Kmq. 46,73.

Pervenuta al predetto Carlo Ruffo per vendita fattagli, per D. 55.600, da Mario Joppolo, con R. Assenso del 24 settembre 1605, registro nel Quint. 34, f. 209.

Il titolo di Principe di Motta San Giovanni è quello originariamente concesso sulla terra di Fiumara di Muro il 30 giugno 1651 e trasferito su Motta San Giovanni con privilegio del Re Carlo 2° del 20 settembre 1682.

  1. Terra di San Lorenzo (coi casali di Bagaladi, S. Pantaleo e S. Maria di Ceramia ab. 2476) con seconde cause e portulania.

Oggi comuni di S. Lorenzo e Bagaladi in prov. di Reggio; Kmq. 94,98. Pervenuta al predetto Carlo Ruffo per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 59.000, contro il patrimonio del Bar. Giovan Battista Abbenavoli, con R. Assenso del 20 marzo 1608, come dal Cedol. 80, f. 199.

  1. Feudo Covala disabitato, presso Seminara.

Pervenuto a Francesco Ruffo per vendita fattagli dall'Università di Seminara con R. Assenso del 1618 registro nel Quint. 69, f. 96.

  1. Terra di Amendolea (coi casali di Gallicianò, Condofuri, Rocca­forte e Rogudi ab. 3242) con seconde cause, portulania e zecca.

Oggi comuni di Condofuri, Roccaforte del Greco e Roghudi in prov. di Reggio; Kmq. 147,05,

Pervenuta al medesimo Francesco Ruffo per vendita fattagli, per D. 52.000, dal principe di Mileto Ruy Gomez de Sylva y Mendoza, con R. Assenso del 16 aprile 1624, registr. nel Quint. 70, f. 56.

  1. Terra di Fiumara di Muro (coi casali di S. Roberto, S. Giuseppe, Salice, Azzarello, Villa S. Giovanni, Cannitello ab. 7376).

Oggi comuni di Fiumara di Muro, S. Roberto e Villa S. Giovanni, più le frazioni Salice e Villa S. Giuseppe del comune di Reggio; superf. Kmq. 53,42.

Pervenuta a Carlo Ruffo, 3° Duca di Bagnara, per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 110.000, contro i Pr. di Scilla Giovanna e Vincenzo Ruffo, con R. Assenso del 1650, come al Cedol. 80, f. 226. Il titolo di Principe di Fiumara di Muro, concesso al medesimo Carlo Ruffo con privilegio del Re Filippo 4° del 30 giugno 1651, fu poi trasferito in favore del medesimo sulla terra di Motta San Gio­vanni, come già detto.

  1. Terra, Gabella e Passo di Catona ab. 1621).

Oggi frazione del comune di Reggio. Pervenuta allo stesso come sopra.

  1. Cedolario 86, f. 212 Intestazione 3 ottobre 1777

  1. Feudo Burgorusso, sito in territorio di Stilo.

Pervenuto a Francesco Ruffo per vendita fattagli, per D. 10.400, da Francesco M. Castiglione Morelli, March. di Vallelonga, con R. Assenso 29 ottobre 1746, come dal Cedol. 85, f. 25lt.

Comprendente, tutto lo Stato di Bagnara, N. 22 borghi, con 23.221 abitanti, ed una superficie di Kmq. 366,86.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Ruffo in Appendice al Volume.

Vedi anche la nota all'intestazione seguente.



    143) RUFFO Baranello (Napoli) Cedolario 78, f. 111 t

Intestazione 9 agosto 1775

Vincenzo Ruffo (duca di Baranello) per successione al duca Letterio suo padre, deceduto in Napoli il 12 ottobre 1772:

Terra di San Lucido (ab. 1628) con prime e seconde cause civili, criminali e miste, mero e misto imperio e gladii potestate.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza; Kmq. 27,20.

Pervenuta al suddetto Letterio Ruffo per vendita fattagli, per D. 143.000, da Odorisio Di Sangro Marchese di San Lucido, con R. Assenso 3 gennaio 1746, registr. nel Quint. 279, f. 1, come al Cedol. 77, f. 227.

Con atto del 18 marzo 1795, l'intestatario ebbe refutati e ceduti tutti i feudi della Casa di Bagnara di cui al N. precedente, per disposizione della sua congiunta la princ. Ippolita Ruffo, nipote, moglie ed erede del fu Duca Nicola predetto, deceduto senza figli nel 1794. A detti feudi dovevano aggiungersi quelli intestati alla famiglia Romano ed appartenenti, in Realtà, alla Casa Ruffo Bagnara.

Per la morte poi dell'intestatario, seguita in Napoli 8 febbraio 1802, tutto questo notevole complesso feudale, comprendente 30 centri abitati, con 37.273 abitanti, ed una superficie di Kmq. 570,57, passò al figlio Francesco Ruffo, che fu l'ultimo feudatario.

Questi passaggi non sono notati nei Cedolari.



    144) SABATINI (Soriano) Cedolario 87, f. 786

Intestazione 8 novembre 1803:

Giuseppe Alfonso Sabatini per successione a Giovan Battista suo padre, deceduto il 30 agosto 1798:

Terre di Brognaturo, Belforte, Pizzone Simbario e Vazzano (ab. 4239) col Bosco Squilla e le seconde cause.

Oggi comuni di Brognaturo, Simbario, Pizzoni e Vazzano in prov. di Catanzaro; Kmq. 84,83.

I casali di Belforte, Pizzone, Simbario e Vazzano col Bosco Squilla, staccati dalla baronia di Vallelonga, pervennero a Giuseppe Alfonso Sabatini seniore, da Soriano, per vendita fattagli dal R. Fisco, come prestanome del Monastero di San Domenico di Soriano, con R. Assenso 1 dicembre 1670, registr. nel Quint. 126, f. 40t.

Il casale di Brognaturo con le seconde cause pervenne al predetto Sabatini come tenutario nominato dallo stesso Monastero, in favore del quale aveva fatto donazione e cessione Paolo De Santis, con R. Assenso del 27 febbraio 1662, registr , nel Quint. 115, f. 144.

L'intestazione alla famiglia Sabatini è pertanto fittizia, e presa in nome e per conto del Monastero di San Domenico di Soriano, che è il vero feudatario.



    145) SACCO (Reggio Cal.) Cedolario 87, f. 622 Intestazione 12 giugno 1798

Giovanni Sacco per successione al Bar. Fabrizio suo padre, deceduto il 9 marzo 1797:

Feudo Arrido o Annomeri o Saracinello sito nel casale di Orti presso Reggio. Pervenuto al predetto Fabrizio Sacco per successione alla Baron. Anna Foti, sua madre, deceduta il 4 ottobre 1729, come dal Cedol. 84, f. 146.





    146) SALUZZO (Napoli) Cedolario 79, f. 285 t Intestazione 26 giugno 17B4

Giacomo Saluzzo Duca di Corigliano per successione al Duca Agostino suo padre, deceduto il 5 agosto 1783:

Terra di Corigliano (coi casali di Santo Mauro, S. Giorgio e Vaccarizzo ab. 10.477) con seconde e terze cause, portulania e zecca, e con annui D. 1003 sui fiscali di Corigliano e Cassano.

Oggi comuni di Corigliano, S. Giorgio Alb. e Vaccarizzo Alb. in prov. di Cosenza; superf'. Kmq. 227,09.

Pervenuta ad Agostino Saluzzo seniore per vendita fattagli a mezzo di Leone Parisio, e per D. 322.560, ed in esecuzione di Decr. della R. Corte, da Antonio Capece fu Orazio, duca di Rodi, con R. Assenso 5 gennaio 1633, registro nel Quint. 88, f. 177, come al Cedol. 73, f. 6t.

Il titolo di Duca di Corigliano fu concesso dal Re Filippo 4° al medesimo acquisitore con privilegio 18 maggio 1649.

Gli successe il nipote (ex filio) Agostino (+1747) in favore del quale fu concesso il titolo di Principe di Santo Mauro con privilegio dell'Imp. Carlo 6° dato in Vienna il 9 novembre 1726.

Gli successe il figlio Giacomo (+1780) avo dell’intestatario.



    147) SALZANO (Catanzaro) Cedolario 87, f. 349

Intestazione 17 agosto 1786

Giuseppe Salzano per acquisto come appresso:

Feudo Giuda, sito in territorio di Catanzaro.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli, per D. 8000, dal Bar. Tommaso Schipani, con R. Assenso 5 aprile 1785, registr. nel Quint. 315, f. 412.



    148) SAMBIASE di Campana (Cosenza) Cedolario 79, f. 413 t

Intestazione 10 dicembre 1789

Giuseppe M. Sambiase Principe di Campana per successione al Pro Vin­cenzo M. suo padre, deceduto in Napoli 21 novembre 1784:

  1. Stato di Crosia (composto dalle terre di Crosia, Calopezzati, Caloveto e Pietrapaola, col casale di Mandatoriccio ed il feudo Mirto ab. 4275), con prime, seconde e terze cause, zecca e portulania.

Oggi comuni omonimi in prov. di Cosenza; Kmq. 157,53.

Pervenuto a Bartolo Sambiase patrizio cosentino per successione alla Duchessa di Crosia Vittoria Mandatoriccio sua madre, deceduta il 4 maggio 1696.

Il titolo di Duca di Crosia fu concesso dal Re Filippo 4° a Teodoro Mandatoriccio con privilegio 18 maggio 1625.

  1. Terre di Campana e Bocchigliero (ab. 4971) con la catapania.

Oggi comuni omonimi in prov. di Cosenza; Kmq. 200,86.

Pervenute al predetto Bartolo Sambiase per vendita fattagli, per D. 50.639, da Alessandro Labonia, con R. Assenso 9 dicembre 1694, registr. nel Quint. 167, f. 19lt, come al Cedol. 74, f. 5Blt.

Il titolo di Principe di Campana fu concesso dal Re Carlo 2° al mede­simo acquisitore, con privilegio del 1699.

Il titolo di Conte di Bocchigliero fu concesso dall'Imp. Carlo 6° nel 1717 al pr. Felice Nicola Sambiase.

Il complesso feudale dei Sambiase di Campana comprende N. 7 centri abitati, con 9246 abitanti, ed una superficie di Kmq. 358,39.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Sambiase in Appendice al Volume.



    149) SAMBIASE di Malvito (Cosenza) Cedolario 77, f. 289

Intestazione 20 dicembre 1752

Paolo M. Sambiase Duca di Malvito per successione al Duca Domenicantonio suo zio paterno, deceduto il 30 aprile 1750:

Terra di Malvito (ab. 1315) con seconde e terze cause, portulania e zecca.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuta a Paolo Sambiase seniore, avo dell'intestatario, per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 29.328, contro il Duca Geronimo De Cardenas, con R. Assenso 18 febbraio 1688, esecutor. 9 gennaio 1689, e registro nel Quint. 163, f. 20lt, come al Cedol. 74, f. 548.

Il titolo di Duca di Malvito fu concesso dal Re Carlo 2° al medesimo acquisitore con privilegio 28 dicembre 1695, esecutor. 30 giugno 1696 e registr. nel Reg. Privileg. Coll. 586, f. 85.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Sambiase in Appendice al Volume.



    150) SAMBIASE (Cosenza)

Cedolari o 78, f. 99 t

Intestazione 17 settembre 1773

Giuseppe Sambiase patrizio cosentino per refuta e donazione fattagli dal Bar. Ignazio Aniello suo padre, con istrumento 7 settembre 1772, registro nel Quint. Refute XV°, f. 282.

Bagliva dei Casali di Cosenza detta del Manco

Corpo feudale pervenuto a Giuseppe Sambiase seniore, avo dello intesta­tario, per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 8300, contro il Bar. Ignazio Sambiase, con R. Assenso 15 maggio 1699, registro nel Quint. 187, f. 187, come al Cedol. 75, f. 110t.

Mercurio Sanchez per successione al Bar. Antonio suo padre, deceduto il 7 gennaio 1746:

Feudo Salica o Prato sito in territorio di Seminara

Pervenuto al predetto Antonio Sanchez per successione alla Baron. Geronima Marzano sua madre, deceduta il 1710.



    151) SANCHEZ (Seminara) Cedolario 85, f. 378



    152) SANSEVERINO di Bisignano (Napoli)

Tommaso Sanseverino Principe di Bisignano per refuta fattagli dal Pr. Luigi suo fratello con istrumento l aprile 1783, registro nel Quint. Refute XVI°, f. 87:

  1. Terra di Bisignano (col casale di S. Sofia ab. 4514) con annui D. 1132:2:10, più annui D. 360 sui fiscali di Bisignano.

  1. Terra di Altomonte (coi casali di Acquaformosa, Lungro e Firmo ab. 6.093) con seconde e terze cause, portulania e zecca.

  1. Terra di Acri (ab. 6998).

Oggi comuni omonimi in prov. di Cosenza; Kmq. 468,02.

Entità territoriale dello stato centri abitati N. 7, con 17.005 abitanti; superf. complesso attuale Kmq. 468,02.

Le terre suddette, le uniche salvate dallo sfacelo dello Stato di Bisignano, vasto quanto una provincia, ricaddero nel 1622 a Luigi Sanseverino, conte della Saponara, ed allora esponente primogenito della Casa, sia in virtù di vecchi privilegi della famiglia, più volte confermati, sia in seguito a transazione ed accordo col R. Fisco.

Il casale di Lungro, smembrato fin dal 1531, fu rivendicato dal pr. Giu­seppe Leopoldo per vendita fattagli, per D. 33.384, dal principe di Scalea Francesco M. Spinelli, con R. Assenso 8 maggio 1717, come dal Cedol. 75, f. 261.

I titoli di Principe di Bisignano, l° titolo e dignità del Regno di Napoli (con anzianità 1464) e Conte di Altomonte (anz. 1337), già della prima Casa di Bisignano, furono riconosciuti alla linea della Saponara con lo stesso privilegio 10 marzo 1622.

Per la successione, V. la Genealogia della fam. Sanseverino in Appendice al Volume.



    153) SANSEVERINO della Saponara (Napoli)

Francesco Vincenzo Sanseverino (Conte della Saponara) per acquisto come appresso:

  1. Cedolario 78, f. 189 t

Intestazione 10 dicembre 1779

Terra di Roggiano (ab. 1597) col feudo Larderia e con le seconde e terze cause, zecca e portulania.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuta all'intestatario per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 126.900, contro il Duca di San Donato Francesco Saverio Sambiase, con R. Assenso 23 agosto 1777, registro nel Quint. 311, f. 352.

  1. Cedolario 79, f. 33]

Intestazione 6 maggio 1787

Terra di Santa Caterina Pizzoleo (ab. 820).

Oggi comune di S. Caterina Alb., meno la frazione Joggi, in prov. di Cosenza.

Pervenuta all'intestatario per vendita fattagli, per D. 35.400, contro il patrimonio dello stesso Duca di San Donato, con R. Assenso 5 novembre 1784, registro nel Quint. 3]6, f. 125. L'intestatario morì il 19.9.1787 e gli successe il figlio Luigi, ultimo feudatario. Ciò non risulta dai Cedolari.



    154) SANSEVERINO di Maldotto (Catanzaro) Cedolario 85, f. 571 t. Intestazione lO febbraio 1762

Vincenzo Sanseverino per successione come appresso:

Feudo Maldotto o Quartieri (tre parti) sito in territorio di Taverna. Pervenuto all'intestatario per successione alla Baron. Rosa Marincola di Petrizzi sua madre, deceduta il 13 giugno 1758. Per morte dell’intestatario, 6 luglio 1789, anche il feudo Maldotto pervenne alla nipote Maddalena, di cui all'intestazione seguente.



    155) SANSEVERINO di Marcellinara (Catanzaro) Cedolario 87, f. 470 t. Intestazione 1 dicembre 1791

Luigi Sanseverino Barone di Marcellinara per successione al bar. Carlo suo fratello, deceduto il 18 ottobre 1788, e stante la rinuncia dell'altro fratello Francesco:

Terra di Marcellinara (ab. 1247) con la portulania.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta a Nicola Sanseverino per cessione fattagli dal Re Alfonso l° d'Aragona con privilegio 3 febbraio 1445.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Sanseverino, in Appendice al Volume.

Maddalena Sanseverino per successione al Bar. Vincenzo suo avo paterno (di cui all'intestazione precedente), deceduto il 6 luglio 1789, stante la premorienza di suo padre Domenico:

Metà Scannaggio di Cosenza

Corpo feudale pervenuto a Fabrizio Sanseverino per successione alla Baron. Cinzia Firrao sua madre, deceduta il 28 maggio 1609.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Sanseverino in Appendice al Volume.



    156) SANTACROCE DI BARLETTA (Borrello) Cedolario 87, f. 558 t.

Intestazione 16 novembre 1793

Geronimo Santacroce Di Barletta per successione al Bar. Nicola suo padre, deceduto il 7 dicembre 1788:

Feudo Ammirato, sito in territorio di Roccangitola.

Antico possesso agnatizio della famiglia, confermato dall'imperatore Carlo v- il 20 luglio 1534, come dal Vol. 347 dei Rilevi Originali, f. 420.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Santacroce Di Barletta, in Appendice al Volume.



    157) SANT'ADRIANO (L'Abate di -) Cedolario 79, f. 307

Intestazione 22 dicembre 1785

il Ven. Monastero di Sant' Adriano si intesta delle Prime e Seconde Cause civili, criminali e miste, mastrodattia e dogana dei casali di S.

Demetrio, S. Cosma e Macchia.




    158) de SANTIS (Filogaso) Cedolario 87, f. 674 t

Intestazione 13 ottobre 1800

Nicola de Santis per successione come appresso:

Feudo Vazzano o Cubello sito in territorio di Vazzano presso Vallelonga. Pervenuto all'intestatario per successione alla Baron. Rosa Bardari sua madre, deceduta il 18 aprile 1788.



    159) SANTORO (?)

Cedolario 83, f. 729

Intestazione 27 novembre 1731

Paolo Santoro per acquisto come appresso:

Feudo Cutera e Sant'Opoli.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli, per D. 1637, dal Bar. Filippo Del Giudice, con R. Assenso 12 marzo 1731, registr. nel Reg. Istrum. 7°, f. 71.



    160) SANTO STEFANO DEL BOSCO (La Certosa di -) Cedolario 79, f. 556 t

Intestazione 23 novembre 1802

Giuseppe Bianco per successione al cugino germano Giovan Giacomo Lemetre, a sua volta erede della famiglia Manno, tutti precedenti inte­statari in nome e per conto della Certosa di Santo Stefano del Bosco:

Terra di Rocca di Neto (ab. 598).

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro.

Pervenuta a Scipione Manna, prestanome della Certosa predetta, per vendita fattagli, per D. 39.000, dal Principe di Strongoli Francesco Campitelli, con R. Assenso del 12 maggio 1664, come dal CedoL 74, f. 435.



    161) SCALZO (Feroleto) Cedolario 87, f. 576

Intestazione 13 gennaio 1795

Giuseppe Scalzo per successione al Bar. Antonino suo padre deceduto il 10 febbraio 1790:

Feudo Albona e Romaci o Drema e Mulino Feudale presso Feroleto. Pervenuto al predetto Antonino per vendita fattagli, per D. 1123, dal Bar. Nicola Cimino, con R. Assenso 7 novembre 1780, registr. nel Quint. 314, f. 11, come al Cedol. 86, f. 261.



    162) CHIPANI (Catanzaro) Cedolario 86, f. 220 t

Intestazione 28 aprile 1779

Tommaso Schipani per successione al Bar. Ignazio suo padre, deceduto in Catanzaro il 20 ottobre 1777

  1. Feudo San Nicola Leporina in territorio di Zagarise.

Pervenuto ad Ignazio Schipani seniore per vendita fattagli, per D. 9.600, dal Bar. Carlo Carafa, con R. Assenso 21 maggio 1660, registr. nel Quint. 114, f. 217, come dal Cedol. 81, f. 304t.

  1. Feudo Galterio o Frosina o Donna Teodora Frosina oggi detto Fichicello.

Pervenuto a Tommaso Schipani, figlio del predetto Ignazio seniore, per vendita fattagli, per D. 6000, dalla Baron. Giulia Schipani in Piterà, con R. Assenso 10 gennaio 1714, registr. nel Quint. 213, f. 200, come dal Cedol 83, f. 412.

Gli successe il figlio Vincenzo (+ 1765) avo dell'intestatario.



    163) SERRA (Genova-Napoli) Cedolario 79, f. 441 t

Intestazione 15 novembre 1790

Luigi Serra Duca di Cassano per successione alla Duch. Laura Serra sua madre, deceduta in Napoli 22 settembre 1790:

Terra di Cassano (coi casali di Civita, Oria, Lauropoli e Francavilla (ab. 7152) con seconde e terze cause, zecca e portulania.

Oggi comuni di Cassano, Civita e Francavilla in prov. di Cosenza; superf. Kmq. 214,39.

Pervenuta al march. Giovan Francesco Serra, patrizio genovese, per cessione fattagli dal Reggente Rovito in quanto acquistata per suo conto, e per D. 520.000, da Antonio Pallavicino per vendita dal Patrimonio del Principe di Bisignano, con R. Assenso 8 agosto 1631, registro nel Quint. 82, f. 100, come al Cedol. 73, f. 5.

Il titolo di Duca di Cassano fu concesso dal Re Carlo 2° al march. Giuseppe Serra con privilegio 14 marzo 1678.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Serra in Appendice al Volume.



    164) SERSALE (Cosenza-Napoli) Cedolario 79, f. 328 t

Intestazione 16 aprile 1787

Girolamo M. Sersale Principe di Castelfranco per successione al Pro Domenico M. suo padre, deceduto il 25 ottobre 1782:

Terre di Castelfranco e Cerisano (con Marano ab. 4201) con seconde e terze cause, zecca e portulania.

Oggi comuni di Castrolibero, Cerisano e Marano Principato in prov. di Cosenza.

Pervenute ad Orazio Sersale per vendita fattagli, per D. 33.600, da Roberto Telesio, con R. Assenso del 1580, registro nel Quint. 105, f. 237.

Il titolo di Duca di Cerisano fu concesso dal Re Filippo 3° ad Annibale Sersale, con privilegio 25 novembre 1613.

Il titolo di Principe di Castelfranco fu concesso dal Re Filippo 4° al medesimo Annibale Sersale, con privilegio 26 gennaio 1628.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Sersale in Appendice al Volume.






    165) de SIENA (Catanzaro) Cedolario 86, f. 94

Intestazione 21 agosto 1772

Francesco De Siena per successione al Bar. Gaetano suo padre, deceduto in Catanzaro il 2 settembre 1768:

Feudo Poerio de Garrectis (parte) rappresentante metà della metà dell’ottava parte del feudo Poerio, detto anche Passo di Salto e sito in territorio di Catanzaro.

Pervenuto al suddetto Gaetano De Siena per vendita fattagli, per D. 650, dal Bar. Fabrizio Sanseverino, con R. Assenso del 29 ottobre 1732, registro nel Quint. 252, f. 46, come al Cedol. 84, f. 28t.



    166) SOLARO (Monteleone) Cedolario 85, f. 523 t

Intestazione 21 aprile 1760

Ippolita Solaro per successione al Bar. Pietro suo padre, deceduto in Monteleone il 14 dicembre 1752:

Feudo Altavilla-Caradonna (2/3) sito in territorio di Briatico.

Pervenuto al suddetto Pietro Solaro che si intestò il 1° febbraio 1725 come erede della fu Baron. Popa Taccone sua madre, come dal Cedol. 83, f. 583. L'intestataria era moglie di Francesoantonìo Paparatti Mastrììlì e madre di Maria Orsola, baronessa di Mannarino.



    167) SPlNELLI (Napoli) Linea dei Principi di Cariati

Giovan Battista Spinelli Savelli principe di Cariati, duca di Seminara, sotto diverse date e per i motivi di cui appresso:

  1. Cedolario 85, f. 643

Intestazione 11 novembre 1765, per acquisto:

  1. Jus Scannaggi della terra di Palmi

Corpo feudale pervenuto all'intestatario per vendita fattagli, per D. 2.250, dal bar. Gioacchino Prenestino, con R. Assenso 26 no­vembre 1764.

  1. Cedolario 86, f. 4

Intestazione 10 giugno 1767, per acquisto:

  1. Feudo Tonnara di Agrillo, sito presso Seminara.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli da Paolo e Giuseppe Marzano, padre e figlio, con R. Assenso 18 novembre 1755.

  1. Cedolario 86, f. 37 t

Intestazione 14 settembre 1769, per acquisto:

  1. Terra di Garreri col casale di Natile (ab. 911), con la bagliva e la portulania.

Oggi comune di Careri in provo di Reggio; Kmq. 38,21.

Pervenuta all'intestatario per vendita fattagli, per D. 50.000, dal bar. Francesco Coscinà, con R. Assenso 18 novembre 1768, registro nel Quint. 306, f. 338.

  1. Cedolario 86, f. 52 t

Intestazione 1 settembre 1770, per successione al principe Scipione suo padre, deceduto il 27 agosto 1766:

  1. Terra di Seminara col casale di S. Anna (ab. 4658).

Oggi comune omonimo in prov. di Reggio; Kmq. 33,55.

Pervenuta a Carlo 1° Spinelli, con titolo di Conte, nel 1495, per concessione di Re Ferrante 2° d'Aragona. Alienata nel 1578; rivendicata nel 1641. Il titolo di Duca di Seminara fu concesso a Carlo 2° Spinelli per privilegio di Re Filippo 2° in data 28 aprile 1559.

  1. Terra di Santa Cristina coi casali di Pedavoli, Puzzopodane, Cacciapodane, Lubrichi, Furia, Paracorio, S. Giorgio e Platì (ab. 4484), con la giurisdizione delle seconde cause.

Oggi comuni di Santa Cristina, Scido, Delianuova e Platì in prov. di Reggio; superficie complessiva attuale Kmq. 111,78.

Pervenuta come sopra.

Il titolo di Conte di Santa Cristina trasferito da Seminara con lo stesso privilegio 28 aprile 1559.

  1. Terra di Oppido coi casali di Tresilico, Varapodio, Mesignadi e Zurgonadì (ab. 3162), con le seconde cause, portulania e zecca. Oggi comuni di Oppido e Varapodio in prov. di Reggio; superficie complessiva Kmq. 87,59.

Pervenuta a Carlo 3° Spinelli per vendita fattagli da Isabella Carac­ciolo, Duch. di Feroleto, con R. Assenso del 10 gennaio 1611.

Il titolo di Conte di Oppido vi fu trasferito dalla terra di Scala con privilegio 16 gennaio 1678.

  1. Cedolario 78, f. 35

Intestazione 1 settembre 1770 per successione come sopra:

  1. Terra di Cariati col casale di Terravecchia (ab. 1713).

Oggi comuni omonimi in provo di Cosenza; superf; compl. Kmq. 48,22.

Pervenuta con tutto lo stato di Cariati (successivamente smembrato) a Carlo 2° Spinelli per vendita fattagli dalla Duch. di Castrovillari Francesca Spinelli, sua nuora, per D. 73.000, con R. Assenso del 18 gennaio 1565, registr. nel Quint. 63, f. 240.

Il titolo di Principe di Cariati fu concesso allo stesso acquisitore dal Re Filippo 2° con privilegio 15 novembre 1565.

Si rileva dal Cedolario che Cariati è concessa in tenuta alla casa del Principe di Campana.

  1. Terra di Castrovillari coi casali di Frascineto e Porcile (ab. 7050).

Oggi comuni di Castrovillari e Frascineto in prov. di Cosenza; superf. comples. Kmq. 158,94.

Pervenuta a Giovan Battista Spinelli, l° Conte di Cariati, nel 1519. Il titolo di Duca di Castrovillari fu concesso dall'Imp. Carlo 5° a Ferrante Spinelli con privilegio del 26 ottobre 1521.

  1. Cedolario 86, f. 53 t

Intestazione 3 settembre 1770 per acquisto come appresso:

  1. Mastrodattia di Seminara e casali

Corpo feudale pervenuto all'intestatario per vendita e cessione fattagli, per D. 9.000, dal bar. Antonio e Pio Grimaldi, padre e figlio, con R. Assenso 14 giugno 1764, registro nel Quint. 307, ff. 182 e 116.

  1. Cedolario 86, f. 106 t

Intestazione 18 settembre 1773 per successione paterna:

10) Terra di Palmi (ab. 4799)

Oggi comune omonimo in prov. di Reggio; Kmq. 31,73.

Già casale di Seminara, rivendicato dal Principe di Cariati Carlo Filippo Antonio Spinelli per vendita fattagli a mezzo di Giuseppe Coscinà, e per D. 35.000, dal Duca di Atri Giovan Geronimo Acquaviva, erede della Casa d'Arena, con R. Assenso 6 giugno 1684, registro nel Quint. 147, f. 204t.

  1. Cedolario 86, f. 110

Intestazione. . . . . 1774 per successione paterna:

11) Difese Pluppa, Prati e Bricuri

Pervenute al principe Scipione 2° Spinelli, rappresentato dalla madre Giovanna Di Capua, per vendita fattagli dalla R. Corte con istrumento 27 febbraio 1626.

Entità territoriale complessiva dello stato dei Principi di Cariati centri abitati N. 25 con 26.777 abitanti; oggi comuni 13, con una superficie di Kmq. 410,02.

Il pr. Giovan Battista Spinelli morì il 22 febbraio 1792 e, per la premorienza del primogenito Scipione (deceduto in Palmi il 30 agosto 1791), gli successe la nipote Cristina, maritata nella Casa di Fuscaldo della stessa famiglia Spinelli. Questo passaggio non è notato nei cedolari.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Spinelli in Appendice al Volume.



    168) SPINELLI (Napoli) Linea dei Marchesi di Fuscaldo Cedolario 78, f. 53

Intestazione 28 febbraio 1771

Giuseppe Spinelli marchese di Fuscaldo per successione al march. Tommaso Francesco suo padre, deceduto nel 1769:

  1. Terra di Fuscaldo (ab. 5758) con la portulania.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza; superf. Kmq. 60,41. Pervenuta il 4 maggio 1540 a Salvatore Spinelli, come erede particolare di Carlo Spinelli conte di Seminara, suo padre, al quale era pervenuta per vendita fattagli da Ferrante Spinelli, duca di Castrovillari, con R. Assenso 1532 (in Quint. 5, f. 149), rinnovato il 5 febbraio 1537 e reg. nel Registro Priv. R. Canc. XX, f. 210.

Il titolo di Marchese di Fuscaldo fu concesso dal Re Filippo 2° al me­desimo Salvatore Spinelli con privilegio 8 aprile 1565.

  1. Terra di Guardia coi casali di Acquappesa e Intavolata, (ab. 2749), con la portulania e col feudo Pantano o DonnaPolissena.

Oggi comuni di Guardia e Acquappesa in prov. di Cosenza; superf. Kmq, 35,72.

Pervenuta come sopra.

  1. Terra di Paola (ab. 4840) con portulania e zecca.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza; superf. Kmq. 42,49. Pervenuta al medesimo Salvatore Spinelli per vendita fattagli da Fran­cesca Spinelli, Duch. di Castrovillari, con R. Assenso 1571, registro nel Quint. 80, f. 99.

Terra di San Marco coi casali di San Giacomo, Mongrassano, Cerzeto, Serradileo e Cervicati (ab. 6124), con le prime cause criminali, e le seconde e terze cause civili, criminali e miste, zecca e portulania.

(I casali di Cerzeto, Cervicati e Serradileo sono subinfeudati rispettivamente alle famiglie Cavalcanti, Guzzolini e Miceli).

Oggi comuni di San Marco Argentano, Mongrassano, Cerzeto e Cervicati in prov. di Cosenza; superf. Kmq. 146,93.

Pervenuta a Giovan Battista Spinelli, marchese di Fuscaldo, per vendita fattagli, per D. 75.000, e con la clausola di estinzione del titolo di Duca di San Marco, da Filippo Gaetani principe di Caserta, con R. Assenso 19 dicembre 1686, registro nel Quint. 151, f. 99 t., come dal Cedol. 74, f. 558.

Le prime cause criminali, le seconde e terze cause civili, criminali e miste, portulania e zecca del casale di San Giacomo pervennero a Maria Imperiali, marchesa di Fuscaldo, per vendita fattale, per D. 24.201, dal bar. Giovan Battista Curato, con R. Assenso 26 agosto 1715, registro nel Quint. 219, f. 247, come dal Cedol. 75, f. 199.

Entità territoriale complessiva dello stato di Fuscaldo; centri abitati N. 11, con 19.471 abitanti; oggi comuni 8, con una superficie di Kmq. 285,55.

N.B. L'intestatario morì il 24 giugno 1791 e gli successe il figlio Tommaso, il quale refutò lo stato nel 1806 al figlio primogenito Gennaro. Questi passaggi non sono notati nei cedolari.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Spinellì in Appendice al Volume.



    169) SPlNELLI (Napoli) Linea dei Principi di Scalea

Vincenzo M. Spinelli Principe di Scalea, sotto diverse date e per le causali di cui appresso:

  1. Cedolario 79, f. 479 t

Intestazione 23 settembre 1793 per successione al pr. Antonio suo padre, deceduto in Napoli 15 marzo 1787:

  1. Terra di Scalea coi casali di Santa Domenica e S. Nicola (ab. 5690), con le seconde cause e la portulania.

Oggi comuni omonimi in prov. di Cosenza; sup, Kmq. 69,36. Pervenuta a Troiano Spinelli per refuta e donazione fattagli dalla Marchesa di Mesoraca Isabella Caracciolo, sua madre, nel 1550. Il titolo di Principe di Scalea fu concesso dal Re Filippo 2° al medesimo Troiano Spinelli con privilegio 12 marzo 1566.

  1. Terra di Morano (ab. 8352) con seconde e terze cause, zecca e portulania.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza; sup. Kmq. 112,34. Pervenuta al pro Ettore Spinellì per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 90.000, dal Patrimonio del Principe di Bisignano, con R. Assenso 20 giugno 1614, registr. nel Quint. 55, f. 1, come dal Cedol. 73, f. 33t.

  1. Ducati 1285 di fiscali sullo stato di Castrovillari.

Pervenuti al pr. Antonio Spinelli seniore per successione alla madre Isabella Caracciolo, deceduta il 28 dicembre 1688.

  1. Terra di Saracena (ab. 2367) con seconde e terze cause civili, criminali e miste, zecca e portulania.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza; sup. Kmq. 111,51. Pervenuta al pr. Francesco M. Spinelli per vendita fattagli, per D. 102.000, dal Duca di Bovalino Francesco Pescara Diano, con R. Assenso 26 marzo 1718, registr. nel Quint. 224, f. 1, come dal Cedol. 75, f. 223t.

  1. Terra di Papasidero col casale di Avena (ab. 2208).

Oggi comune di Papasidero in prov. di Cosenza; sup, Kmq. 54,65. Pervenuta al pr. Francesco M. per vendita fattagli dalla RC., con R Assenso 10 agosto 1726, esecutor. 25 gennaio 1727, e registr , nel Quint. 239, f. 161, come dal Cedol. 77, f. 29lt.

  1. Un territorio feudale presso il fiume Mercuri.

Pervenuto al pro Francesco M. per transazione ed accordo con Andrea Brancati, barone di Abatemarco, con R. Assenso 12 novembre 1746, registro nel Quint. 290, f. 36t. come dal Cedol. 77, f. 310.

  1. Cedolario 79, f. 561 t

Intestazione 26 novembre 1802 per acquisto come appresso:

  1. Terra Aieta (ab. 2696) con seconde cause, zecca e portulania, e con ancoraggio e falangaggio dell'isola di Dino.

  2. Oggi comuni di Aieta e Praia a Mare in prov. di Cosenza; sup. Kmq. 70,88.

  3. Pervenuta all'intestatario per vendita fattagli, per D. 110.250, dal Marchese di Aieta Domenico Cosentino, con R Assenso del 20 settembre 1799, registro nel Quint. 323, f. 129; la quale vendita ratificava una precedente fatta il 2 settembre 1767 al pr. Antonio M.

Entità territoriale dello stato dei Principi di Scalea: centri abitati N. 8; abitanti 21.586; oggi comuni 8 con una superf. comples. di Kmq. 418,74. Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Spinelli in Appendice al Volume.



    170) SPINELLI (Napoli) Linea dei Principi di Tarsia Cedolario 77, f. 295 t

Intestazione 2 maggio 1754

M. Antonia Spinelli principessa di Tarsia per successione al pr. Ferdinando Vincenzo, suo padre:

  1. Terra di Tarsia coi casali di Terranova e Spezzano (ab. 4980), con seconde e terze cause, portulania e zecca.

Oggi comuni omonimi in prov. di Cosenza; superf. Kmq. 125,74. Pervenuta a Giuseppe Vespasiano Spinelii marchese di Cirò per ven­dita fattagli, per D. 22.060, dal Patrimonio Bisignano, con R. Assenso del 1606, registr. nel Quint. 35, f. 83, come dal Cedol. 73, f. 202.

Il titolo di Principe di Tarsia fu concesso da Re Filippo 3° al medesimo acquisitore con privilegio 1 agosto 1612.

  1. Terra di Cirò (ab. 3400).

Oggi comuni di Cirò e Cirò Marina in prov. di Cosenza; superf. complesso Kmq. 111,75.

Pervenuta a Giovan Vincenzo Spinelli per vendita fattagli nel S.R.C. contro il patrimonio del Bar. Pietrantonio Abenante, per D. 12.500, nel 1569, con successiva presa di possesso 29 settembre 1569, e R. Assenso 22 dicembre 1571, registr. nel Quint. 92, f. 245.

Il titolo di Marchese di Cirò fu concesso da Re Filippo 2° a Ferrante Spinelli con privilegio 29 ottobre 1584, esecut. 14 ottobre 1585.

La principessa di Tarsia è maritata con un cadetto della Casa di Scalea della stessa famiglia Spinelli.



    171) SPIRITI (Cosenza) Cedolario 79, f. 512

Intestazione 9 agosto 1797

Salvatore marchese Spiriti, patrizio cosentino, per successione al march. Giuseppe suo padre, deceduto il 26 ottobre 1796:

Feudo Schito o Ischito sito nel casale di Altavilla presso Cosenza. Pervenuto a Salvatore Spiriti seniore per vendita fattagli, per D. 2.400, dal Bar. Pietro Fulvio Greco, con R. Assenso 16 novembre 1705, registro nel Quint. 198, f. 273, come dal Cedol. 75, f. 107.

Gli successe (1717) il figlio Giuseppe ed a questi il figlio march. Salvatore, R. Consigliere, al quale successe il nipote (ex fratre Antonio) Giuseppe predetto, padre dell'intestatario.



    172) STAGNO (Messina) Cedolario 87, f. 743 t

Intestazione 27 luglio 1802

Carlo Stagno marchese di Soreto per successione al March. Giuseppe suo fratello, deceduto il 15 luglio 1798:

Terra di Soreto (coi casali di Melicuccà, Daffinà e Dinami ab. 1704). Oggi comune di Dinami in prov. di Catanzaro.

Pervenuta al predetto Giuseppe Stagno per successione alla Princ. Flavia Arduino sua zia materna, deceduta il 14 novembre 1789.

Il titolo di Marchese di Soreto fu concesso dal Re Filippo 2° ad Andrea Arduino con privilegio 27 settembre 1597.



    173) STOCCO (Cosenza-Taverna) Cedolario 87, f. 731

Intestazione 28 aprile 1802

Filippo Stocco per successione al Bar. Gaetano suo padre deceduto il 25 novembre 1796:

Feudo Riccio in Taverna.

Pervenuto a Filippo Stacco seniore, avo dell'intestatario, per successione alla Baron. Caterina Dardano sua madre, deceduta il 31 gennaio 1779.


    174) SURIANO (Cotrone) Cedolario 87, f. 467 t

Intestazione 18 novembre 1791

Fabrizio Suriano per successione al Bar. Bernardino suo padre deceduto il 2 novembre 1790:

Feudo Carrubba sito in territorio di Cotrone.

Pervenuto a Giovan Dionisio Suriano per vendita fattagli, per D. 1800, dal Bar. Scipione Suriano suo congiunto, con R. Assenso 1 luglio 1632, registro nel Quint. 83, f. 324, come al Cedol, 80, f. 63t.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Suriano in Appendice al Volume.



    175) de SYLVA y MENDOZA (Madrid) Cedolario 87, f. 525

Intestazione 20 marzo 1793

Pietro d'Alcantara de Sylva y Mendoza Principe di Mileto (Duca dell'Infantado) per successione al principe Pietro suo padre, deceduto il 2 giugno 1790:

  1. Terra di Mileto (con otto casali ab. 4609) con le seconde cause, portulania e zecca.

Oggi comuni di Mileto e Jonadi in prov. di Catanzaro; superf. Kmq, 43,66.

  1. Terra di Francavilla (ab. 1208) con le seconde cause, portulania e zecca.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro; Kmq. 28,25.

  1. Terra di Francica (coi casali di Mutari, Pongadi, Calamita e S. Costantino ab. 1717) con le seconde cause, portulania e zecca.

Oggi comuni di Francica e S. Costantino in prov. di Catanzaro; Kmq. 29,76.

  1. Terra di Roccangitola (coi casali di Pimè e Maierato ab. 1731) con seconde cause, portulania e zecca.

Oggi comune di Maierato in prov. di Catanzaro; Kmq. 39,98.

  1. Terra di Pizzo (ab. 4729) con seconde cause, portulania e zecca.

Oggi comune omonimo in prov. di Catanzaro; Kmq. 22,34.

  1. Terra di Montesanto (col casale di Capistrano ab. 1092) con seconde cause, portulania e zecca.

Oggi comune di Capistrano in prov. di Catanzaro; Kmq. 20,94.

  1. Terra di Caridà (coi casali di Garropoli e San Pietro ab. 2152) con seconde cause, portulania e zecca.

Oggi comune di San Pietro di Caridà in prov. di Reggio Cal.; Kmq. 47,80.

Stato feudale fra i più notevoli della Calabria, comprendente 23 centri abitati, con 17.238 abitanti ed una superficie di Kmq. 232,73.

Pervenuto a Ruy Gomez de Sylva y Mendoza, Duca di Pastrana, per successione alla Princ. di Mileto D. Anna de Mendoza sua madre, deceduta il 2 febbraio 1592.

Il titolo di Principe di Mileto fu concesso dall'Imp. Carlo 5° a Diego de Mendoza con privilegio del 1518.

Il titolo di Duca di Francavilla fu concesso da Re Filippo 2° al medesimo Pro di Mileto con privilegio 1 maggio 1555.

Per la successione, V. la Genealogia della famiglia de Sylva y Mendoza in Appendice al Volume.



    176) TACCONE (Monteleone) Cedolario 87, f. 609

Intestazione 16 marzo 1796

Nicola Taccone barone di Sitizzano per successione al Bar. Nicola suo zio paterno, deceduto il 14 febbraio 1794:

Terra di Sitizzano (ab. 253) con la bagliva.

Oggi frazione del comune di Cosoleto in prov. di Reggio.

Pervenuta a Pietro Taccone patrizio di Tropea per vendita fattagli, per D. 14.000, dal Duca di Seminara Carlo Filippo Antonio Spinelli, con R. Assenso 14 luglio 1684, registr. nel Quint. 146, f. 54t, come al Cedol. 81, f. 577. In margine al Cedolario si legge che al medesimo intestatario fu concesso il titolo di Marchese di Sitizzano per privilegio del Re Ferdinando 4° del 24 giugno 1797.

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia Taccone in Appendice al Volume.



    177) TIZZANO (?) Cedolario 86, f. 224 t Intestazione 21 agosto 1779.

Saverio Tizzano per acquisto come appresso:

Feudo Cola Calì sito in territorio di Simari.

Pervenuto all'intestatario per vendita fattagli, per D. 1.200, dal Bar. Saverio De Lucro, con R. Assenso 25 giugno 1779, come al Cedol. suddetto.



    178) TORALDO (Tropea) Cedolario 86, f. 200 t

Intestazione 28 maggio 1777

Bernardo Toraldo Barone di Calimera per successione al Bar. Orazio suo zio paterno, deceduto il 27 settembre 1776:

  1. Feudo Puglisa o Giosep sito in territorio di Nicotera e Motta Filocastro.

Pervenuto a Giovan Battista Toraldo per vendita fattagli da Marcantonio Colonna, principe di Paliano, con R. Assenso del 1 marzo 1651, registr. nel Quint. 105, f. 42lt come al Cedol. 80, f. 145t.

  1. Terra di Calimera (ab. 387).

Oggi frazione del comune di San Calogero in prov. di Catanzaro. Pervenuta ad Alfonso Toraldo per vendita fattagli all'asta nel S.R.C., per D. 26.250, contro il Bar. Lorenzo Grillo, con R. Assenso 16 gennaio 1681, registr. nel Quint. 122, f. 137, come al Cedol, 81, f. 528, e Cedo 83, f. 495.

L'intestatario morì il 3 marzo 1794 e gli successe il figlio Orazio, che fu in effetti l'ultimo feudatario. Questo passaggio non è notato nei Cedolari. Per la successione, V. la Genealogia della famiglia Toraldo in Appendice al Volume.



    179) TRANFO (Tropea) Cedolario 86, f. 226

Intestazione 22 aprile 1780:

Gaetano Tranfo principe di Cosoleto per successione al pr. Antonio suo padre, deceduto il 28 dicembre 1765:

  1. Terra di Cosoleto (ab. 295) con le seconde cause, la bagli va e la por­tulania.

Oggi comune omonimo, meno le frazioni Sitizzano e Acquaro in prov. di Reggio.

  1. Bagliva, Scannaggio e Gabella del Pesce della città di Reggio.

Pervenuto tutto lo stato a Laura Tranfo duchessa di Precacore, moglie del congiunto Domenico Tranfo patrizio di Tropea, per successione a Giu­seppe Antonio Francoperta principe di Cosoleto suo zio materno, dece­duto il 17 luglio 1703.

Il titolo di Principe di Cosoleto fu concesso dal Re Carlo 2° al predetto Francoperta con privilegio del 14 dicembre 1701, esecutor. il 31 gennaio 1702, e registro nel Quint. 151, f. 149, come al Cedol. 81, f. 415.

Alla predetta Laura Tranfo successero (1733) i figli Giuseppe Antonio ed Antonio, padre dell'intestatario.

Quest'ultimo morì 1'8 marzo 1783 e gli successe il figlio pro Carlo che fu in effetti l'ultimo feudatario. Questo passaggio non è notato nei cedolari



    180) TRANQUILLO (Pizzo) Cedolario 85, f. 413

Intestazione 6 settembre 1755

Francescantonio Tranquillo per successione al Bar. Nunziato suo fratello, Feudo Scuderi (metà del feudo) sito in territorio di Borrello.

Pervenuto ad Antonio Tranquillo, padre dell'intestatario, per atto di divisione e cessione fattagli dal Bar. Marzano Marzano, con R. Assenso del 19 maggio 1725, registro nel Quint. 236, f. 251, come al Cedol. 83, f. 595.



    181) TUFARELLI (Morano-Napoli) Cedolario 78, f. 33

Intestazione 19 luglio 1770

Gennaro Tufarelli per successione al Bar. Filippo suo padre, deceduto il 2 luglio 1747:

Terra di Mormanno (ab. 5612) con la giurisdizione delle prime e seconde cause criminali e miste.

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuta a Persio Tufarelli seniore per atto di permuta con suo cognato Francesco Guaragna Galluppi del 16 marzo 1635.

Confermata al di lui figlio Giovan Giacomo, con le seconde cause civili, criminali e miste, con privo 20 ottobre 1680.

La presente intestazione è in stretta relazione con la seguente.

Per la successione, v. la Genealogia della famiglia Tufarelli in Appendice al Volume.



    182) TUFFARELLI (idem) Cedolario 79, f. 494

Intestazione 12 aprile 1796

Filippo Tufarelli per successione al Bar. Gennaro suo padre, deceduto il 1° gennaio 1794:

Annui Ducati 20 su Mormanno.

Pervenuti al medesimo in seguito a formale atto di rinuncia e cessione in favore della R.C. di ogni diritto feudale su Mormanno, accettato il 4 aprile 1795, con riserva degli attributi e delle conseguenze nobiliari.



    183) DEL TUFO (Aversa) Cedolario 79, f. 491 t

Intestazione 31 marzo 1796

Nicola Del Tufo per successione al Bar. Antonio suo zio, deceduto il 7 giugno 1793:

Annui Ducati 321 sui Fiscali di Lappano, Corno e Trebisacce.

Pervenuti al predetto Bar. Antonio Del Tufo per successione al conte Flaminio Manfroni Pichi, suo zio materno, deceduto in Roma il 30 ottobre 1773, come al Cedol. 78, f. 128.



    184) UBALDINI (Catanzaro) Cedolario 87, f. 420

Intestazione 25 febbraio 1790

Ignazio Ubaldini per successione al Bar. Francesco suo padre, deceduto il 27 giugno 1788:

Terra di Torre Spatola (ab. 940).

Oggi comune di Torre Ruggero in provo di Catanzaro.

Pervenuta al predetto Francesco Ubaldini per successione alla madre Ce­cilia Diaco, deceduta il 17 ottobre 1756, come dal Cedol. 85, f. 493.



    185) VERALDI (Taverna) Cedolario 87, f. 820

Intestazione 13 marzo 1804

Rinaldo Veraldi per successione al Bar. Giuseppe Antonio suo padre, deceduto il 10 ottobre 1798:

Feudo Donna Cubito sa in Taverna (terza parte), con i feudi Cerisicchia e Fichicello in Cosenza.

Pervenuto ad Alfonso Veraldi, avo dell'intestatario, per transazione ed accordo col R. Fisco, per cui si intestò il 6 aprile 1740 nel Ced. 84, f. 182t.


    186) VERALDI GALZERANO (Taverna) Cedolario 87, f. 443 t

Intestazione 9 aprile 1791


Tommaso Veraldi Galzerano per successione al Bar. Tommaso suo avo paterno, deceduto il 28 febbraio 1790:

Feudo Seralta o Panino sito in territorio di Taverna.

Pervenuto al predetto Tommaso Veraldi seniore per vendita fattagli dalle sorelle Caterina e Camilla Dardano, con R.A. 27 luglio 1733, registrato nel Quinternone 257, f. 157, come dal Ced. 85, f. 640t.


    187) VERCILLO (Rende) Cedolario 79, f. 458

Intestazione 23 giugno 1792

Matteo Vercillo per sucessione al Bar. Pasquale suo padre, deceduto il 23 gennaio 1792:

Terra di San Vincenzo al Timpone (ab. 832).

Oggi comune di S. Vincenzo La Costa in prov. di Cosenza.

Pervenuta a Matteo Vercillo seniore, avo dell'intestatario, per vendita fattagli per D. 27.050 dalla Casa e Ospedale della S.S. Annunziata in Napoli, con R. Assenso del 22 agosto 1735, registrato nel Quint. 258, f. 5t, come dal Ced. 76, f. 7lt.



    188) VITALE (Cava) Cedolario 78, f. 14 t

Intestazione 24 febbraio 1768

Francesco Nicola Vitale Duca di Tortora per successione al Duca Ales­sandro M., suo padre, deceduto in Tortora il 3 novembre 1767:

Terra di Tortora (ab. 1577).

Oggi comune omonimo in prov. di Cosenza.

Pervenuta a Diego Vitale per vendita fattagli nella R.C., per D. 18.000, da Gaetano Pinelli Ravaschieri principe di Belmonte, con R. Assenso del 26 ottobre 1695, esecutoriato il 25 ottobre 1697, e registrato nel Quint. 179, f. 190.

All'acquisitore successe nel 1728 il nipote (ex filio Nicola premorto) Giu­seppe (+ 1731), ed a questi il fratello Alessandro M., padre dell'intestatario

Non si conoscono gli estremi di concessione del titolo di Duca di Tortora, goduto dalla famiglia.






BARONI DI TERRE FEUDI RISTICI ABITATI E DISABITATI
(OVVERO FEUDI CHE POICHE' RUSTICI NON TRASMETTEVANO TITOLI NOBILIARI AL LORO INTESTATARIO)



1-d'Alessandro Fr. Antonio Barone di Figurella

2- d'Alessandro Fil. V.za Baronessa di Moncoturni o Sidero

3-Anania Vincenzo Barone di Ceppo o Mula

4-d'Aquino Francescoantonio Barone di Plutino (parte)

5-Arcano Michele Barone di Attasi

6-Arcieri Antonio Barone di S. Attanasia e Bandino

7-Barba Domenico Barone di Franchino e Messer G.nni

8-Bellucci Michele Barone di Ciolla

9-Brunetti Vittoria Baronessa di Brunetto

10-Campitelli Giuseppe M. Barone di Errici

11-Caracciolo Francesco Barone di Montalto

12-Catizzone Filippo Antonio Barone di Maldotto-Quartieri (¼)

13-de Cicco Antonia Baronessa di Marescoti

14-Coscia Saverio Barone di Messer Ruggero

15-Cosco Vincenzo Barone di Staglio Grande a Cardito

16-Cosentino Geronimo Barone di Capalbo

17-Dattilo Cleria Baronessa di Gazzella

18-Docimo Pietro Barone di Sacco

19-Doria Marcantonio Barone di Tacina e Massanuova

20-Fava Daniele Antonio Barone di Giardino e Mulino in Amantea

21-Fazzari Ferdinando Barone di Jacolino

23-Ferrari G. Battista Barone di Staglio Grande a Cardito

24-Ferrari Giuseppe Barone di Clima e Tornafranza

25-de Fiore Raffaele Barone di Foto o Tota

26-Gallucci Francesco Barone di Carbonara o Sacchetta

27-Giglio Antonio Barone di Montibus

28-de Grazia Marco Barone di Fangella e Cugno del Colle

39-Grimaldi Gregorio Barone di Ipato o Spato o S. Pietro

30-Interzati Francesco Saverio Barone di Pipino

31-Lucà Francesco Saverio Barone di Poerio o Baldella

32-Lucifero Meligrana Baronessa di Gangemi

33-Lupinacci Stanislao Barone di Scalzati o Ponticelli

34-Malerba Giuseppe Barone di Strofolia o S. Cecilia

35-Mamone Antonio Barone di Plutino 1/3

36-Marzano Antonio Barone di Scuderi 1/3

37-Mascaro Geronimo M. Barone di Petritiis o Rob.to de acris1/2

38-de Mayda G. Gregorio Barone di Croniti o Sala

49-Medici Gatti Laopoldo Barone di Capitelli o Campitelli

40-Mezzatesta Agazio Barone di Cannava

41-Monaco Giuseppe Antonio Barone di Scucchi e Stefanizzi

42-Musco Nicola Barone Ambatoe Anto

43-Nicotera Pasquale Barone di Martà

44-de Nobili Felice Barone di Magliacane

45-de Nobili Raffaele Barone di Medina e Bagliva di Catanzaro

46-Oliva Giuseppe Barone di Ragusa Tomacelli

47-Oliviero Cesare Barone di Crepacore e Rivioti

48-Orsini Raimondo Barone di Longano o Perrotta

49-Ottone Anna Barone di Baronessa Altavilla

50-Paparatti M. Orsola Barone di Mannarino o Buffetta

51-Paparo Antonio Barone di S. Attanasio

52-Parisio Giovanni Barone di San Cono (3/4)

53-Poerio Carlo Barone di Cucinà, Spinalba ecc.

54-Poerio Piterà Saverio Barone di Rocco (1/3)

55-Procida Antonino Barone di Petritiis o Rob.to de Acris

56-Rodinò Luigi Barone di Miglioni

57-de Rosis Claudio Barone di San Giovanni in Foresta

58-Sacco Giovanni Barone di Annomeri o Arrido

59-Salzano Giuseppe Barone di Giuda

60-Sanchez Mercurio Barone di Salica e Prato

61-Sanseverino Vincenzo Barone di Maldotto-Quartieri (parte)

62-Santacroce di Barl. G Barone di Ammirato

63-de Santis Bardari N. Barone di Vazzano o Cubello

64-Santolo Paolo Barone di Cuntera e Sant'Opoli

65-Scalzo Giuseppe Barone di Albona o Alvona e Ramaci

66-Schipani Tommaso Barone di San Nicola, Leporina, Galterio

67-de Siena Francesco Barone di Poerio-Garregtis

68-Solaro Ippolita Baronessa di Altavilla (2/3)

69-Spiriti Salvatore Barone di Schitp o Ischito

70-Stocco Filippo Barone di 2/3 del feudo di Riccio,

denominato Cutura, poichè il restante

terzo denominato Pantane, venne invece

intestato ad Alessandro Ferrari, Barone di

Pantane.

71-Suriano Fabrizio Barone di Garrubba

72-Tizzano Saverio Barone di Cola Calì

73-Tranquillo Francesco Antonio Barone di Scuderi (1/3)

74-Veraldi Rinaldo Barone di Donna Cubitosa

75-Veraldi Galzerano T. Barone di Seralta o Panjno

 

BARONI DI GIURISDIZIONI E VARI FISCALI

1-de Blasio Giuseppe Barone della Bagliva di Sant' Angela

2-Lucifero Francesco Antonio Barone della Bagliva e Scann. Di Crotone

3-de Matera Domenico Barone della Bagliva di Cosenza

4-Mollo Emanuele Barone di Barone di Metà Scannaggio di Cosenza

5-Primentel Giuseppa Baronessa di Ducati 500 sui Fiscali di Cosenza

6-Pizzarro Piccolomini Fl. Barone di Ducati 200 sui Fiscali di Cosenza

7-Sambiase Giuseppe Barone della Bagliva dei Casali di Cosenza

8-Sanseverino Maria Maddalena Baronessa di Metà Scannaggio di Cosenza

9-Tufarelli Filippo Barone di Ducati 20 su Mormanno

10-del Tufo Nicola Barone di Ducati 321 su Lappano, Corno e Trebisacce




Utilizziamo i cookie per garantire la migliore esperienza sul nostro sito Web. Per saperne di più, vai alla pagina sulla privacy.
x
.......